Archivi categoria: Senza categoria

2148.- L’existence de l’euro, cause première des « gilets jaunes »

unnamed-1

A quasi venti anni dal lancio dell’euro, il 1 ° gennaio 1999, la situazione della moneta unica europea è paradossale. Da un lato, il fallimento di questo progetto è ovvio, essendo riconosciuto dalla maggior parte degli economisti competenti, tra cui molti premi Nobel. D’altra parte, questo argomento è ora tabù in Francia, al punto che nessun politico osa affrontarlo a testa alta. Come viene spiegata questa situazione?

Près de vingt ans après le lancement de l’euro, le 1er janvier 1999, la situation de la monnaie unique européenne est paradoxale. D’un côté, l’échec de ce projet est patent, étant reconnu par la plupart des économistes compétents, dont de très nombreux prix Nobel. De l’autre, ce sujet est maintenant tabou en France, au point qu’aucun responsable politique n’ose plus l’aborder de front. Comment s’explique une telle situation ?

Nessuno collega l’attuale movimento dei “giubbotti gialli” al fallimento dell’euro. Tuttavia, l’impoverimento dello stragrande numero di persone, ne rappresenta il segno più evidente e deriva direttamente dalle politiche messe in atto per cercare di salvare, ad ogni costo, la moneta unica europea.

Il problema non è tanto qui, ma nella politica monetaria del quantitative easing, ovvero, nell’aumento della moneta in circolazione, praticata dalla Banca centrale europea, inefficace o insufficiente, fra l’altro, per aumentare la produzione, così come nelle politiche fiscali, ovunque richieste dalla Commissione di Bruxelles, volte ad aumentare le tasse e abbassare gli investimenti pubblici. Questi fattori hanno, certamente, finito col ripristinare i conti esterni di alcuni paesi allora deficitari. D’altra parte, ciò poteva avvenire solo al prezzo di una “svalutazione interna”, cioè di una drastica diminuzione del reddito, associata a un crollo della domanda interna. Di conseguenza, c’è stato un drammatico crollo della produzione nella maggior parte dei paesi dell’Europa meridionale e un tasso di disoccupazione molto alto, nonostante vi sia stato un massiccio esodo da questi paesi.

Personne ne relie le mouvement actuel des « gilets jaunes » à l’échec de l’euro. Or, l’appauvrissement du plus grand nombre, dont il est le signe le plus manifeste, découle directement des politiques mises en œuvre pour tenter de sauver, coûte que coûte, la monnaie unique européenne.
Il ne s’agit pas tant, ici, de la politique monétaire d’assouplissement quantitatif pratiquée par la Banque centrale européenne, peu efficace, au demeurant, pour relancer la production, mais des politiques budgétaires de hausse des impôts et de baisse des investissements publics, partout exigées par la Commission de Bruxelles. Celles-ci ont, certes, fini par redresser les comptes extérieurs de certains pays déficitaires. En revanche, ce fut au prix d’une « dévaluation interne », c’est-à-dire d’une diminution drastique des revenus, associée à un étranglement de la demande interne. Elles ont ainsi engendré un effondrement dramatique de la production dans la plupart des pays d’Europe du Sud et un taux de chômage resté très élevé, en dépit d’un exode massif des forces vives de ces pays.

La zona euro è ora quella il cui tasso di crescita economica è diventato il più basso del mondo. Le differenze tra i paesi membri, lungi dall’essere state ridotte, sono notevolmente aumentate. Invece di promuovere l’emergere di un mercato europeo dei capitali, la “moneta unica” è stata accompagnata da un aumento del debito, pubblico e privato, nella maggioranza delle nazioni. Ma l’esistenza stessa dell’euro, i cui effetti potrebbero essere nuovamente discussi, è ora diventata un argomento tabù. Mentre il suo collegamento con l’attuale scontento è ovvio, i sostenitori dell’euro mostrano i suoi benefici in gran parte illusori (tranne la facilità di viaggiare in Europa –senza soldi! ndr-). Si va tracciando un quadro apocalittico della situazione economica che prevarrebbe in caso di uscita dalla “moneta unica”, capace di spaventare i francesi che non hanno approfondito la questione.

La zone euro est désormais celle dont le taux de croissance économique est devenu le plus faible du monde. Les divergences entre les pays membres, loin d’avoir été réduites, se sont largement amplifiées. Au lieu de favoriser l’éclosion d’un marché européen des capitaux, la « monnaie unique » s’est accompagnée d’une montée de l’endettement, public et privé, de la majorité des nations. Or, l’existence même de l’euro, dont on pouvait autrefois encore discuter les effets, est maintenant devenu un sujet absolument tabou. Tandis que son lien avec le mécontentement actuel est manifeste, les partisans de l’euro font miroiter aux Français ses avantages largement illusoires (sauf la facilité de déplacement en Europe). Ils dressent un tableau apocalyptique de la situation économique qui prévaudrait en cas de sortie de la « monnaie unique », dans le but d’affoler des Français qui n’ont pas approfondi le sujet.

 

6c1733c043683d183d2a8539f2c08413

Economistes contre l’euro et la baisse du pouvoir d’achat. Gli economisti, contro l’euro e contro il basso potere di acquisto.

 

Di fronte a tali argomenti, dobbiamo ora mostrare tutto ciò che l’euro ha causato in  Francia in termini di perdita e di crescita economica (crollo della sua quota di mercato in Europa e nel mondo; drammatico indebolimento del suo apparato industriale) . I francesi stanno già registrando cali del potere d’acquisto, dell’occupazione, della qualità del sistema pensionistico, della qualità dei servizi pubblici, ecc. Le politiche di “svalutazione interna”, che sono essenziali per mantenere l’euro, non sono state ancora pienamente attuate in patria, a differenza di altri paesi dell’Europa meridionale, ma stanno già provocando reazioni di rifiuto. Il movimento di “gilet gialli” è la conseguenza diretta.

Face à de tels arguments, il faut aujourd’hui montrer tout ce que l’euro a fait perdre à la France en matière de croissance économique (effondrement de ses parts de marché en Europe et dans le monde, affaiblissement dramatique de son appareil industriel). Les Français subissent déjà des reculs en matière de pouvoir d’achat, d’emploi, de retraite, de qualité des services publics, etc. Les politiques de « dévaluation interne », qui sont indispensables si l’on veut garder l’euro, n’ont pas encore été pleinement mises en œuvre chez nous, contrairement aux autres pays d’Europe du Sud, mais elles provoquent déjà des réactions de rejet. Le mouvement des « gilets jaunes » en est la conséquence directe.

Schermata 2018-12-06 alle 18.35.42.png

La BREXIT ha suonato la campana per questa Unione poco europea, i Gilets Jaune stanno celebrando il suo funerale in Francia, in Belgio, in Olanda, in Germania, in Bulgaria.

Avendo presenti queste argomentazioni, dobbiamo, quindi, spiegare ai nostri connazionali che il principale svantaggio dell’euro, per la Francia, è un tasso di cambio eccessivamente alto che inevitabilmente porta a una perdita di competitività della nostra economia, aumentando i prezzi e il costo del lavoro in Francia. rispetto alla maggior parte dei paesi stranieri. Evitiamo di confondere gli animi con l’idea di una possibile convivenza tra un franco restaurato e una “moneta comune”, dotata di tutti i suoi attributi, perché è un vicolo cieco: una tale moneta potrebbe essere validamente concepita come come una semplice “unità di conto”, analoga alla vecchia ECU. Per quanto riguarda la perdita di sovranità dovuta all’euro, se, pure, è chiaramente percepibile, resta un argomento teorico, lontano dalle preoccupazioni dei francesi, che sono particolarmente sensibili alla loro situazione concreta.

Il faut donc expliquer à nos compatriotes que l’inconvénient majeur de l’euro, pour la France, est un taux de change trop élevé qui engendre, fatalement, une perte de compétitivité de notre économie, en majorant les prix et coûts salariaux français vis-à-vis de la plupart des pays étrangers. Évitons de brouiller les esprits avec l’idée d’une coexistence éventuelle entre un franc rétabli et une « monnaie 2 commune », pourvue de tous ses attributs, car c’est une voie sans issue : une telle monnaie ne pourrait se concevoir valablement que comme une simple « unité de compte », analogue à l’ancien ECU. Quant à la perte de souveraineté due à l’euro, si elle est indubitable, il s’agit d’un sujet théorique, loin des préoccupations des Français, ceux-ci étant surtout sensibles à leur situation concrète.

A causa della mancanza di comprensione dei problemi reali, molti dei nostri compatrioti mantengono, per il momento, un timore, tuttora non dissipato, di fronte a qualsiasi ipotesi di sconvolgimento dello status quo, nel mentre i sostenitori dell’euro levano le loro grida ogni volta che il loro feticcio viene messo in discussione. Cosa fare in queste condizioni? Di fronte al malcontento dei francesi, è ovvio che nessuna politica di recupero della Francia sarà possibile se non riusciamo a ricreare una moneta nazionale il cui tasso di cambio sia adattato al nostro paese. Ma è anche certo che questo cambiamento deve essere fatto in condizioni che siano sia quelle vitali sia accettate dal popolo francese.

Faute d’avoir compris les vrais enjeux, beaucoup de nos compatriotes gardent ainsi, pour l’instant, une peur non dissipée vis-à-vis de tout bouleversement du statu quo, cependant que les partisans de l’euro poussent des cris d’orfraie à chaque fois que leur fétiche est remis en question. Que faire, dans ces conditions ? Face au mécontentement des Français, il est évident qu’aucune politique de redressement de la France ne sera possible si l’on ne parvient pas à recréer une monnaie nationale dont le taux de change soit adapté à notre pays. Mais il est également certain que ce changement doit être opéré dans des conditions qui soient à la fois viables et acceptées par le peuple français.

La prima di queste condizioni sarebbe quella di preparare una transizione fluida verso un post-euro, se possibile, parlandone con i nostri partner per organizzare una smantellamento concertato, ma, per il resto, prendendo l’iniziativa unilateralmente, dopo aver messo in atto misure appropriate per la nostra sussistenza. La seconda sarebbe quella di rendere chiari ai nostri connazionali i vantaggi di una “svalutazione” del franco recuperato, insieme ad una politica economica coerente, per controllare l’inflazione, come è avvenuto nel 1958 con il generale de Gaulle, poi nel 1969 con Georges Pompidou. E oggi l’inflazione è ancora meno da temere proprio a causa della sottoutilizzazione della nostra capacità produttiva. L’inevitabile perdita di potere d’acquisto, derivante dall’aumento di alcune importazioni, sarebbe solo modesta e temporanea, essendo molto rapidamente compensata dalla ripresa della produzione nazionale. Il debito pubblico del nostro paese non aumenterebbe perché sarebbe automaticamente convertito in franchi (secondo la cosiddetta regola della lex monetae che prevale nelle finanze internazionali). La Francia e i Francesi recupererebbero, così, le brillanti prospettive future che l’euro ha, finora, costantemente soffocato.

La première de ces conditions serait de préparer une transition harmonieuse vers un après-euro, si possible en discutant avec nos partenaires l’organisation d’un démontage concerté, mais sinon en prenant l’initiative de façon unilatérale après avoir mis en place les mesures conservatoires appropriées. La seconde serait de faire comprendre à nos compatriotes les avantages d’une « dévaluation monétaire » du franc retrouvé, accompagnée d’une politique économique cohérente, maîtrisant l’inflation, comme ce fut le cas en 1958 avec le général de Gaulle, puis en 1969 avec Georges Pompidou. Et l’inflation serait encore moins à redouter aujourd’hui en raison du sous-emploi de nos capacités de production. La perte inéluctable de pouvoir d’achat, résultant du renchérissement de certaines importations, ne serait que modeste et passagère, étant très rapidement compensée par le redémarrage de la production nationale. La dette publique de notre pays ne s’alourdirait pas, car elle serait automatiquement convertie en francs (selon la règle dite lex monetae qui prévaut en matière de finance internationale). La France et les Français recouvreraient ainsi les brillantes perspectives d’avenir que l’euro a, jusqu’à présent, constamment étouffées.

 

Tribune collective firmato da Guy BERGER, Hélène CLÉMENT-PITIOT, Daniel FEDOU, Jean-Pierre GERARD, Christian GOMEZ, Jean-Luc GREAU, Laurent HERBLAY, Jean HERNANDEZ, Roland HUREAUX, Gérard LAFAY, Jean-Louis MASSON, Philippe MURER, Pascal PECQUET, Claude ROCHET, Jean-Jacques ROSA, Jacques SAPIR, Henri TEMPLE, Jean-Claude WERREBROUCK, Emmanuel TODD. Traduzione libera, didascalie e illustrazioni di Mario Donnini.

Annunci

2125. – Il giorno dopo dopo lo scontro navale fra russi e ukraini nello stretto di Kerch

5bfb9543fc7e93cd5f8b4614

images

Innanzitutto, ecco un riassunto di ciò che è accaduto (inclusi i video) pubblicato da RT:

Aggiungo che al momento in cui è stato compilato questo rapporto (07:38 UTC), la nave da carico che impediva il passaggio sotto il ponte è stata rimossa, il traffico navale è ripreso e la situazione è tornata alla normalità.

5bfb0243fc7e93b65f8b45d3.png

Detto questo, possiamo passare all’elemento più importante per capire cosa sta e cosa non sta accadendo: il Mar d’Azov e il Mar Nero, in un ottica militare russa sono “laghi russi”. Ciò significa che la Russia ritiene di dover eliminare qualunque e tutte le navi (o aeroplani) in questi due mari: sul Mar Nero l’aspettativa di sopravvivenza di ogni intruso dovrebbe misurarsi in termini di minuti, sul Mar d’Azov in pochi secondi. Permettetemi di ripetere, anche qui, che qualunque e tutte le navi che vengono dislocate nel Mar Nero e nel mare di Azov vengono rilevate e tracciate dalla Russia e che tutte queste possono essere facilmente distrutte in pochi secondi. I russi questo lo sanno, gli ucraini lo sanno e, naturalmente, l’”Impero” lo sa. Ancora una volta, teniamo presente questo dato quando cerchiamo di dare un senso a quello che è successo.

Terzo punto, il fatto che le acque in cui si è verificato l’incidente appartengano o no alla Russia è del tutto irrilevante. Tutti sanno che la Russia considera come proprie queste acque e che quanti non intendono riconoscerlo hanno a loro disposizione una infinità di possibilità per contestare la legalità della posizione russa. Cercare di violare con le navi da guerra questi due mari che la Russia considera propria area vitale è semplicemente irresponsabile e francamente, semplicemente stupido (specialmente considerando il punto precedente). Questo è semplicemente ciò che non ci si dovrebbe aspettare da nazioni civili (e ci sono molti esempi di acque contestate sul nostro pianeta).

DDG 64 USS CarneyL’USS Carney, DDG64 a Odessa

Considerando i sondaggi a una singola cifra sull’attuale popolarità di Poroshenko e il fatto che non ha probabilità di essere rieletto (almeno non in elezioni minimamente credibili) il fatto che il regime di Ukronazi a Kiev abbia deciso di scatenare ancora un’altra crisi, per, poi, incolpare di questo la Russia, è un fatto negativo. L’ultimo cosa, veramente, di cui ha bisogno la Russia è un’altra crisi, specialmente, prima dell’incontro fra Putin e Trump, al vertice del G20 di Buenos Aires, che aprirà domani. Infatti, i blogger ucraini hanno immediatamente visto questa ultima provocazione come un tentativo di evitare le prossime elezioni.

Allora, cosa accadrà dopo?

 

chinavsus

Il G20 del 2018 si terrà domani 30 novembre e il 1º dicembre 2018 nella città di Buenos Aires, in Argentina. Sarà la tredicesima riuniune del Gruppo dei Venti (G20). Sarà la più rovente, più di quella del 2009 che vide le maggiori potenze economiche mondiali affrontare la più grave crisi finanziaria del dopoguerra. Oggi, in cima alle preoccupazioni dei leader politici, degli economisti e degli osservatori internazionali c’è lo scontro sino-americano sul commercio: una tenzone cui il resto del mondo assiste con inquietudine viste le ripercussioni che può avere sulla crescita economica globale.

 

Bene, le opzioni più probabili sono solo un altro Ukie che borbotta “l’aggressione russa” con la speranza che questo:

a) aumenti il ​​valore del regime di Poroshenko agli occhi dell’Impero e

b) mandi all’aria la prevista riunione di Trump-Putin.

Non sono sicuro che a Poroshenko venga data la possibilità di annullare semplicemente le elezioni. Sì, non può vincere, ma l’Impero può sostituirlo. Non solo, ma l’annullamento definitivo delle elezioni sarebbe un disastro PR (a volte, viene scelto dai “figli di buona donna” dell’Impero come, ad esempio, Mahmoud Abbas). C’è ancora una buona possibilità che la dieta degli Ukronazis sentendosi come se non avesse niente da perdere, possa fare questo passo senza precedenti.

Da un punto di vista militare, qualunque sorta di operazione militare, ancorché limitata, dell’Ukronazi contro Russia, Novorussia, Crimea o contro il ponte di Kerch costituirebbe  un suicidio, ma, dal punto di vista della politica sarebbe molto vantaggiosa poiché  consentirebbe a Poroshenko di:
a) addebitare alla Russia tutti i problemi dell’Ucraina;
b) richiedere ancora più sostegno per poter “resistere all’aggressione russa “.
Il problema di questa opzione è che, da numerosi segnali, risulta che molti militari ucraini non se la sentono di combattere i russi in questo momento  (per esempio: si guardi a come tutti i soldati dell’Ukie hanno dato forfait in Crimea; anche i rapporti del blog del “Colonnello” Cassad “, dicono che delle tre navi che tentarono di violare la linea di demarcazione russa, almeno una era comandata da un ufficiale disposto a consegnare, volontariamente, ai russi la sua nave; e, infine, sembra che un marinaio ukraino sia stato fucilato perché si era rifiutato di aprire il fuoco contro i russi).
104480056_021413719-310x165
È uno degli eventi più recenti nella storia della Federazione Russa o dei russi in quanto russi. Vale la pena di ricordare che domenica gli Ukronazis hanno mandato alcune altre navi, ovviamente perché dessero appoggio alle unità intercettate dai russi, ma non appena i russi hanno interdetto il passaggio e i Su-25 e Ka-52 russi sono apparsi nei cieli, si sono arrestate immediatamente e alla fine hanno lasciato la scena. Lo hanno fatto eseguendo un ordine o perché non erano disposti a morire? Non lo scopriremo mai.

Tirando le somme, c’è una possibilità molto reale di una guerra su vasta scala contro la Russia. Sì, gli Ukronazis sarebbero durati un paio di giorni, ma tenete presente che il loro obiettivo non sarebbe vincere, ma forzare la Russia in un’operazione militare aperta che l’intero “Occidente alleato” dovrebbe condannare come è accaduto per l’attacco alla Georgia l’08.08.08. (sapete bene come si sono comportati , in nome della “solidarietà”, durante la sceneggiata di Skripal). Per quanto riguarda i leader dell’impero anglo-sionista, essi sarebbero ben lieti di combattere la Russia, fino all’ultimo soldato ukraino, questo lo capiamo tutti.

Infine, lasciate che mi rivolga a quanti potrebbero pensare che la Russia in qualche modo abbia reagito in modo eccessivo o non avrebbe dovuto usare la forza. Innanzitutto, vorrei ricordare che stiamo parlando di navi armate e militari, non di barche da pesca. In secondo luogo, gli Ukronazis hanno, letteralmente, sognato ad occhi aperti di abbattere questo ponte ancor prima che fosse costruito. Allora, in che modo i russi avrebbero potuto sapere che quelle navi non erano piene di esplosivi?  In terzo luogo, vorrei ricordare che alcuni mesi fa gli Ukronazis inviarono alcune piccole navi militari a passare sotto il ponte. In quella prima occasione, chiesero il permesso e imbarcarono un pilota russo che li guidasse nell’attraversamento dello stretto. Eppure il regime di Kiev presentò l’evento come una grande “vittoria” contro i Moskal. Questa volta stava cercando di sgattaiolare senza chiedere. Se i russi li avessero lasciati, cosa pensate che avrebbero osato la prossima volta?

La verità è che il regime ucraino sostiene da anni di essere in guerra contro la Russia, che la Russia ha invaso l’Ukraina, che tutti coloro che si oppongono al regime o prendono la parola, financo dicendo la verità fondamentale, sono “agenti del Cremlino / FSB”. La cosa divertente non è che sia la prima volta nella storia di questo paese che la Russia sia accusata di fare una guerra alla quale non ha mai preso parte – è molto più ridicolo non che gli Ukronazis sostengano di essere in guerra con la Russia, ma che abbiano avuto una crisi di isterismo quando una delle loro (minuscole) navi è stata arrestata per aver violato il confine russo. C’è una guerra in corso o no ?! Che diavolo stavano pensando quando hanno cercato di forzare il passaggio ?!

Nota: Non vi è alcun dubbio su questo fatto: al personale militare ucraino viene chiesto perché combattono nel Donbass. Rispondono “perché i russi sono lì”. Poi viene loro chiesto perché non stiano * combattendo in Crimea e loro rispondono “perché i russi sono veramente lì !!”. In conclusione: tutti sanno molto beneche non ci sono forze russe in Novorussia]

Come provi che la controparte è uno “stato aggressore”? Semplice – costringendolo ad attaccarti. Considerando la “cecità selettiva” dell’Occidente collettivo, il fatto che tu sia stato il primo a usare la forza non farà assolutamente alcuna differenza (di nuovo, rivedi 08.08.08).

È ovvio che il regime nazista a Kiev si è venuto a trovare in una via senza uscita e che, se non ricorresse a una di queste azioni drammatiche, Poroshenko sarebbe già spacciato. La maggior parte della ghenga che lo circonda non è disposta a fare di più, specialmente se Timoshenko dovesse ottenere la presidenza (cosa che potrebbe accadere se l’Impero decidesse di dirlo a Poroshenko). Per loro le opzioni sono lasciare l’Ucraina o affrontare un periodo di carcere molto serio (all’incirca, la stessa situazione che Saakashvili ha dovuto affrontare).

Ci stiamo avventurando in un periodo di tempo molto pericoloso, quello in cui un regime Nazista totalmente corrotto è determinato a combattere con ogni stratagemma possibile pure di salvarsi. Se questo si tradurrà in una acutizzazione delle ostilità verso la Novorussia o la Russia è cosa impossibile da prevedere, ma noi dobbiamo tenere in conto che questa è una ulteriore possibilità.

Fonte: The Saker, traduzione Mario Donnini

 

A chiunque appartengano il Mare d’Azov e lo stretto di Kerch,dal punto di vista militare,fanno parte della zona vitale della Russia, resa più vitale dalla pressione esercitata dalla NATO a ridosso delle frontiere russe da Nord a Sud

 

Il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko

 

Aggiornamento: Lunedì 26 Novembre alle 11:11UTC:

Si è avuta l’impressione che Poroshenko abbia incontrato dei problemi seri nella Rada. Non sorprende che quasi tutte le parti politiche abbiano compreso immediatamente a cosa sarebbero andate incontro e abbiano categoricamente respinto il testo presentato da Poroshenko. Si sono limitate a adottare una nuova versione più blanda del provvedimento, nella quale la legge marziale verrà introdotta soltanto per un mese, anziché due e hanno riconfermato che le elezioni si terranno secondo quanto previsto. Così il nostro “favorito” Uber-perdente Poroshenko ha fallito di nuovo con il suo piano e noi, in questo frangente, dobbiamo guardarci da qualche altra iniziativa folle, perché il regime non cadrà senza rumore. Restiamo in guardia!

2124.- Hans Werner Sinn sulla crisi economica Italiana

Sinn, Hans-Werner, Germany - President ifo institute, May 21, 2015.

 

  • L’Italia non ha capacità competitiva all’interno dell’eurozona. L’Italia, per Sinn, non ha fatto niente per recuperare la sua competitività.
  • Allo stesso tempo nella popolazione gli euroscettici sembrano essere numerosi come in nessun altro Paese europeo.

Sinn, in un articolo sul blog <Voci dalla Germania>, interrogandosi “sulle ragioni dell’ascesa dei partiti populisti in Italia, ne individua la causa negli euro-salvataggi. Secondo Sinn le scelte “interventiste” della BCE si configurano sempre più come scelte politiche keynesiane più che come politiche monetarie; il Quantitative Easing ha di fatto impedito la fondamentale contrazione dei salari italiani per riacquistare competitività”.

Sinn cita, invece, come un caso di successo, l’Irlanda, dove non vi sono stati interventi-tampone e dove l’aggiustamento verso il basso di retribuzioni e prezzi ha favorito la successiva ripresa. La ripresa per chi, chiedo io?

L’ex presidente dell’IFO è ormai in pensione, ma non sembra voler lasciare la scena e ritirarsi definitivamente. In un’intervista con il quotidiano “Welt” spiega quale, secondo lui, sarà il primo Paese a lasciare l’Euro. Non si tratta della Grecia: Sinn ritiene che il Paese che per primo abbandonerà la moneta unica sarà proprio l’Italia. “La probabilità che l’Italia resti in maniera permanente parte dell’eurozona scende di anno in anno”, dice l’economista, “il Paese non sa gestire la moneta unica. L’economia italiana non è competitiva e non ha negli anni scorsi compiuto gli sforzi necessari per tornare a esserlo”.

“Davvero mi chiedo quanto l’Italia riuscirà a rimanere ancora nell’Eurozona”

La situazione economica nel Paese sembra essere così disperata che la fuoriuscita dall’Euro parrebbe solo una questione di tempo. “Davvero mi chiedo quanto l’Italia riuscirà a rimanere ancora nell’Eurozona”, afferma l’ex presidente dell’istituto di Monaco.

Rispetto agli anni precedenti alla crisi la produzione è scesa del 22% e sono sempre di più le imprese che falliscono. La disoccupazione giovanile si attesta poco sotto al 40%. “Nessun Paese sopporta una situazione così catastrofica per molto tempo”, afferma l’economista.

Sinn stesso non vorrebbe che l’Italia uscisse dall’Euro, ma, afferma, nell’establishment italiano non si vedrebbero scelte alternative. “La metà degli italiani vuole uscire dall’Euro. Si tratta della percentuale più alta registrata in tutti i Paesi in cui è stata svolta un’indagine a questo proposito”, dice l’economista.

“Lo scetticismo nei confronti dell’Euro continua ad aumentare”

“Sia considerando la classe dirigente che gli elettori, lo scetticismo nei confronti dell’Euro continua ad aumentare.”

Nonostante la gravissima situazione economica non vengono però, secondo Sinn, implementate le riforme necessarie: “Si dovrebbe lavorare sulla competitività dell’economia, ma non sta cambiando niente. In Italia si parla molto, ma non si fa nulla.”

L’economia italiana continua a produrre a prezzi eccessivi per essere competitiva a livello internazionale, sostiene l’economista. Il livello dei prezzi era eccessivamente alto già prima della crisi finanziaria del 2008, e da allora non è sceso minimamente. Dal 1995 il costo di produrre in Italia è anzi salito del 42% rispetto a quello che si sostiene in Germania (Articolo pubblicato in origine su HuffPost Germania. Tradotto in italiano da Lisa Di Giuseppe).

L’Italia non ha fatto nulla per rilanciare la propria competitività

e “PER I TARGET2 SE USCIAMO DALL’EURO”.

Target2 è un sistema di pagamento di proprietà dell’Eurosistema, che ne cura anche la gestione. È la principale piattaforma europea per il regolamento di pagamenti di importo rilevante; viene utilizzato sia dalle banche centrali sia dalle banche commerciali per trattare pagamenti in euro in tempo reale.

target2_300x190

Cosa sono i sistemi di pagamento?

Le economie moderne devono poter contare su un flusso di operazioni sicuro ed efficiente; i sistemi di pagamento sono la “rete idraulica” che permette alla moneta di fluire nell’economia. Target2 è un sistema di pagamento che consente il trasferimento di moneta tra le banche dell’UE in tempo reale. Questa funzione è definita regolamento lordo in tempo reale (real-time gross settlement, RTGS).

Hans Werner Sinn lo spiega chiaramente: “I crediti Target della Bundesbank rappresentano ormai quasi la metà (49%) delle attività nette sull’estero tedesche”. Al contrario, i debiti Target dei paesi sud-europei, Grecia, Italia, Portogallo e Spagna (GIPS) alla fine di ottobre avevano raggiunto 811 miliardi di Euro. Per i paesi GIPS queste transazioni sono un affare: possono scambiare titoli con una scadenza, un rendimento da pagare e in mano a investitori privati potenzialmente problematici con un debito puramente contabile, senza interessi, senza scadenza e nei confronti della loro banca centrale – istituzioni che secondo il Trattato di Maastricht avrebbero dovuto avere una responsabilità limitata e senza alcun obbligo di intervenire con pagamenti aggiuntivi.

Se il sistema dovesse saltare e questi paesi dovessero uscire dall’Euro, le banche centrali nazionali sarebbero fallite, in quanto i loro saldi Target sono denominati in Euro e i loro crediti nei confronti dei rispettivi stati e delle banche nazionali sarebbero convertiti nella nuova moneta svalutata. I crediti Target si dissolverebbero nell’aria, la Bundesbank e la banca centrale olandese potrebbero solo sperare che le altre banche centrali rimanenti intendano partecipare alle perdite.

**********************************

Chi ci vuole fuori dall’euro? non sono gli euroscettici italiani, ma gli economisti tedeschi

Hans Werner Sinn, anzitutto, considera il nostro saldo negativo Target 2 come un “Debito” della Banca Centrale Italiana nei confronti della controparte tedesca, la BuBa, che al contrario presenta un saldo positivo, quindi, osserva che non esiste nessuna garanzia per il credito della BuBa nei confronti degli altri paesi debitori.

euro-1154047_960_720-e1543217478401-640x250

Come si generano i saldi target 2? Per esser telegrafici:

  • dai pagamenti della bilancia commerciale fra Italia e Germania, in squilibrio a favore di Berlino per alcuni miliairdi di euro, ma nulla di drammatico;
  • dagli investimenti italiani in Germania;
  • dalle operazioni di acquisto titoli presso la borsa di Francoforte o comunque in Germania;
  • dall’apertura di conti correnti di italiani in Germania (cioè da debiti del sistema bancario tedesco verso italiani).

Appare chiaro che l’effetto dei desiderata di Sinn sarebbe:

  • l’azzeramento del saldo commerciale positivo della Germania verso l’Italia , da sostituirsi con produzioni italiane;
  • la limitazione degli investimenti di italiani nel paese teutonico;
  • la limitazione di operzioni di italiani sulla borsa di Francoforte, ed il ritorno all’utilizzo di operatori italiani;
  • la chiusura delle aperture di CC in Germania o , in generale, dell’acquisto di attivi finanziari tedeschi da parte  di italiani.

Si avrebbe, allora, un “Euro tedesco”, che avrà un valore superiore ad un “Euro Italiano” o ad un “Euro greco”; infatti se volessi comprare in Germania dovrei offrire un premio, perchè, ad esempio, dovrei rendere ad un tedesco più conveniente comprare in Italia. Invece, la moneta unica deve valere lo stesso a Helsinki come ad Cipro. La base della moneta unica (non solo europea, ma di qualsiasi parte del mondo), sarebbe rotta ed avremmo più aree con più monete, con valori diversi. Una situazione simile a quella che sussisteva nell’epoca dei comuni, quando esistevano il “Grosso” tortonese ed il “Grosso ” genovese o milanese, ognuno però con valori diversi.

Quindi la strada di Sinn e della superbia germanica, ma, spero, non dell’IFO, è quella di spezzare l’euro creandone uno forte, dei paesi con target 2 positivo, ed uno debole con i paesi del target 2 negativo, e, paradossalmente, il commercio fra le due aree sarebbe più complesso che con l’estero: perchè se esistono cambi ufficiali fra euro e dollaro, yen, yuan, o rublo, chi o cosa fisserebbe il cambio fra un euro forte ed un euro debole ?

 

hw-sinn

A cura di @PaMar

Sinn ha recentemente pubblicato sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung, FAZ, un articolo in due parti dal titolo “Italiens regierung will mehr schulden machen als bruessel erlaubt”,  La tragedia Italiana, recuperabile dal suo sito personale. Il Blog <Voci dalla Germania> ne pubblica una traduzione italiana. Lo troviamo su Scenari economici.

Le 4 vie d’uscita dalla situazione attuale per l’ordoliberismo tedesco. I sogni di Hans Werner Sinn (ed il Golpe di Berlusconi)

Come abbiamo detto, Hans Wener Sinn è membro de think tank ufficiale del governo tedesco IFO, quindi le sue parole sono piuttosto pesanti e , per quanto apparentemente non sensate, o basate su presupposti fallaci, sono da prendere con serietà e con peso.

Nella seconda parte, dell‘articolo per la FAZ, dal titolo leggermente drammatico: “La tragedia Italiana” Sinn commenta, in maniera molto realistica, l’ultimo atto della crisi dell’eurozona e indica le  4 vie d’uscita che lui vede alla situazione di stallo attuale.

Prima di tutto descrive la situazione che ha prodotto l’euro, prendendo però un abbaglio, quando considera che l’Italia dei primi anni 90 era fallimentare: lo era , ma perché aveva accettato il “Pre euro” del cambio “peggato“.

Peg

Peg è un termine inglese che letteralmente significa “fissare” e che viene utilizzato in finanza ed economia per indicare la politica monetaria, attuata da un governo o da una banca centrale, che consiste nel fissare il tasso di cambio della valuta nazionale, rispetto ad un’altra valuta.

Il peg può essere regolabile nel tempo e può consentire un range di oscillazione dei prezzi attorno al prezzo stabilito. Esempi possono essere quelli dello Yuan Cinese (CNY), fissato contro il Dollaro USA (USD), o il Franco Svizzero (CHF), fissato contro l’Euro (EUR). È questo il cambio “peggato”.

A cosa serve il Peg?

I peg imposti sulle valute permettono agli esportatori di sapere esattamente quale sarà il valore del tasso di cambio al momento delle loro transazioni, semplificando così il commercio. Contribuisce a tenere sotto controllo l’inflazione.

 

Sciolto quel vincolo, dopo il 1994 il debito era tornato a decrescere ed ha proseguito su quella strada sino al peg con l’euro:

Quindi, semplicemente, l’Italia non è adatta ad una politica ordoliberista. Fatta questa premessa, però, Sinn conferma quello che tutti sappiamo: dopo la crisi del 2008 la produzione industriale del sud Europa non si è ripresa:

Naturalmente, tutta colpa della nostra innata pigrizia mediterranea. Interessante è l’affermazione, o la ripresa della notizia, delle trattative segrete di Berlusconi nel 2011 per sganciarci dall’Euro, contemporanee ad identiche tratative di Papandreou, che costarono a questi due leader la carriera politica. Furono costretti a lasciare dalle Banche, il che mostra come i banchieri siano di corte vedute.

Naturalmente Monti “il Buono ” ha provato a  riformare, peccato che abbia fatto salire di 15 punti il rapporto debito PIL (ma questo dato gli sarà sfuggito, come molte altre cose), comunque, vediamo le 4 soluzioni che vede Sinn per l’impasse attuale:

  • La garanzia congiunta europea del debito pubblico e privato con sostituzione dei titoli nelle banche (pensiamo italiane, ma non solo) con garanzie europee. Naturalmente questa soluzione non piace al nostro ordoliberista austero, perchè trasformerebbe tutta l’Italia in un “Mezzogiorno”. Certo magari in Italia si comprano BMW, come una volta a Palermo si compravano Alfa Romeo, ma non sottilizziamo;
  • Deflazionare violentemente il sistema italiano con un forte  calo (nell’ordine dell’8-12%)  delle remunerazioni, da ottenersi attraverso profonde riforme, disoccupazione etc. Del resto, dice Sinn, la Grecia e la Spagna  ci sono riuscite, ed, infatti, adesso hanno un gradevole tasso di dsoccupazione del 18% la prima e del 15% la seconda, dopo anni a tassi attorno al 20%. Quindi, dopo 5-10 anni di disoccupazione DOPPIA dell’attuale (e con i criteri ISTAT…) FORSE saremmo efficienti e “più tedeschi”. Lo stesso Sinn ritiene la cura poco sopportabile, oltre che foriera dell’esplosione del sistema creditizio;
  • Il terzo è una maggiore inflazione per la Germania e per il Nord Europa, circa il 2%,  una via teoricamente indolore perché basterebbe proseguire con il QE e che incrementerebbe la ricchezza finanziaria nordica. QUINDI non verrà perseguita, perchè, altrimenti, questi popoli potrebbero diventare spendaccioni…
  • Il quarto è l’uscita dell’Italia dalla zona euro seguendo la guida stabilita dell’Ecofin per la Grecia in modo informale (ne parla anche Varoufakis che ne discusse con Schaeuble). In quel caso il problema sarebbe la fuga dei capitali ed i danni per le banche estere dalla svalutazione per ridenominazione del debito italiano. Problemi, quindi, sono per la Francia e per i mercati, come se con le perdite dei  corsi High Tech del 40% e con la crisi politica in atto, a Parigi, non ci fossero già problemi.

Chiaramente Sinn, come Schaeuble a suo tempo, sostiene la quarta opzione, anche se non ha capito nulla, o pochissimo delle posizioni del ministro Savona, che evidentemente non ha mai letto. Invece, Macron punterà sul punto primo, oppure, sul secondo. La nostra opposizione interna, PD e FI puntano decisamente alla numero due, cioè alla forte deflazione salariale pur di restare nell’euro, a cui sono politicamente legati mani e piedi: Ci vedete Tajani riacquistare una qualsiasi funzione politica in Italia? Questo è il campo di battaglia della situazione attuale, dove si affrontano forze non trasparenti ed incontrollabili. L’importante è mantenere la calma ed agire in modo coerente e razionale.

Infine, ma non ultima: sull’immigrazione e lo stato sociale

Dal sito Hookii, traggo un’analisi in cui Hans Werner Sinn (l’articolo pubblicato su Project Syndicate è disponibile sul sito di Hans-Werner Sinn in versione completa) ha analizzato la relazione tra welfare state e libertà di movimento nell’Unione Europea. È datato, ma attuale:

Welfare states are fundamentally incompatible with the free movement of people between countries if newcomers have full access to public benefits as soon as they arrive. If we are to take the free movement of people seriously, we should slaughter the sacred cow of immediate eligibility.

MUNICH – The armed conflict destabilizing some Arab countries has unleashed a huge wave of refugees headed for Europe. About 1.1 million came to Germany alone in 2015. At the same time, the adoption of the principle of freedom of movement within Europe has triggered massive, but largely unnoticed, intra-European migration flows.

Lo traduco perché meditiate:

26 gennaio 2016 HANS-WERNER SINN
Gli stati fondati sul welfare sono fondamentalmente incompatibili con la libera circolazione dei nuovi arrivati, man mano che arrivano. Se vogliamo prendere sul serio la libera circolazione delle persone, dovremmo massacrare la vacca sacra dell’ammissibilità immediata (Faccio notare che, oggi, al Governo, si litiga, o si finge di litigare per la sottoscrizione del Global Compact for Migration. Ndr).
MONACO – Il conflitto armato che destabilizza alcuni paesi arabi ha un’ondata di profughi diretti verso l’Europa. Circa 1,1 milioni sono arrivati solo in Germania nel 2015. Allo stesso tempo, l’adozione del principio della libertà di circolazione in Europa ha innescato massicci flussi migratori intra-europei, ma in gran parte inosservati.

ic-gcm-1

Aggiungo quanto affermato da un articolo dell’Economist riprendendo un’analisi del Centre for Global Development, think-tank nonprofit americano, da leggere avendo presente le politiche di Visegrad e del presidente Donald Trump, in particolare, nei riguardi del Messico e del suo rifiuto di sottoscrivere il Global Migration Compact, al contrario di Conte e Moavero (il No della Lega cui accennavo è un artifizio a scopi elettorali? Lo vedremo presto perché l’alternativa alla sottoscrizione, per Salvini, senza tirare in ballo la sovranità del Parlamento, è l’uscita e la caduta del Governo):

Se gli abitanti dei paesi poveri del mondo potessero muoversi liberamente nei paesi sviluppati guadagnerebbero molto di più che stando nei loro paesi d’origine.

“Labour is the world’s most valuable commodity—yet thanks to strict immigration regulation, most of it goes to waste,” argue Bryan Caplan and Vipul Naik in “A radical case for open borders”. Mexican labourers who migrate to the United States can expect to earn 150% more. Unskilled Nigerians make 1,000% more

“Bryan Caplan e Vipul Naik sostengono che si tratta della materia prima più importante – eppure quella di una regolamentazione rigorosa sull’immigrazione”, sostiene un caso radicale di apertura delle frontiere “. I lavoratori messicani che emigrano negli Stati Uniti possono aspettarsi di guadagnare il 150% in più. I nigeriani non qualificati guadagnano il 1.000% in più..

Si stima che, in caso di frontiere aperte, circa 630 milioni di persone potrebbero decidere di spostarsi dal loro paese – non importa se questi numeri potrebbero essere sovra o sottostimati a seconda delle circostanze.

Le preoccupazioni dei “nativi” riguardano principalmente la possibilità che gli stranieri minino le basi dello stato – sia a livello di diritti che a livello di stato sociale – portino più crimine, più terrorismo ed abbassino gli stipendi dei lavoratori locali. Queste considerazioni devono essere parallelate al tipo di migrazione e tengo a puntualizzare che in Europa arrivano masse di fannulloni maschi, senza né legge né morale e con una percentuali di malattie varie, anche letali, intorno al 50%.

2122.- Contromarcia: L’Ue non sanzionerà l’Italia, aspetta che i mercati soffino sullo spread. L’analisi del prof. D’Antoni di Redazione Start Magazine.

moscovici

Moscovicì

Le previsioni sballate della Commissione europea in passato sul Pil, la decisione di Bruxelles sull’Italia, l’iter della procedura d’infrazione e le vere mire del governo Ue. Tweet, commenti e analisi di Massimo D’Antoni, docente di Scienza delle Finanze all’università di Siena: “Il vero elemento di pressione sull’Italia verrebbe cioè esercitato dalla difficoltà a collocare i titoli di Stato presso gli investitori”

 

Di seguito brevi stralci dell’intervista del prof. D’Antoni a Lorenzo Torrisi del Sussidiario.net

LA VERA PORTATA DELLA PROCEDURA DI INFRAZIONE CONTRO L’ITALIA

La procedura di infrazione non è di per sé un evento eccezionale. Per esempio, noi ne siamo usciti nel 2013, la Francia ne è uscita l’anno scorso e la Spagna quest’anno. Si tratta di un diverso regime di controlli da parte dell’Europa che comporta richieste più pressanti di aggiustamento dei conti. La storia recente dimostra comunque che si può essere in regime di infrazione per diversi anni senza subire conseguenze pesanti.

LE SANZIONI POTENZIALI E LE MIRE REALI DI BRUXELLES SULL’ITALIA

In tal caso c’è la possibilità di comminare sanzioni, ma non mi risulta che in passato si sia mai arrivati a questo punto. Ho l’impressione che la stessa Commissione più che sui meccanismi politico-sanzionatori conti sull’effetto indiretto che la situazione di conflitto che si è venuta a creare provoca via mercati finanziari. Il vero elemento di pressione sull’Italia verrebbe cioè esercitato dalla difficoltà a collocare i titoli di Stato presso gli investitori. Bruxelles sa benissimo che la pressione dei mercati finanziari potrebbe indurre un Paese molto indebitato come il nostro a cedere.

PERCHE’ NON CI SONO VIE D’USCITA PER L’ITALIA

All’Italia non siano state date vie d’uscita diverse dal ritiro della manovra e dal rispetto delle regole. C’è una visione proprio diversa su quello che è necessario fare: il Governo ritiene che occorra rilanciare la crescita attraverso la domanda. Nei rapporti della Commissione leggiamo che dall’anno prossimo l’economia italiana avrà raggiunto il suo potenziale, e quindi non è più possibile per il nostro Paese invocare come in passato il persistere di una situazione di crisi.

LE CONTESTAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA ALL’ITALIA E AL GOVERNO CONTE

La Commissione rimprovera all’Italia di non ridurre il debito in maniera adeguata, in linea con le regole del patto di stabilità, ma nello stesso tempo si ammette che con la manovra il debito in rapporto al Pil non aumenterebbe, nemmeno alla luce delle sue stime che sono meno generose di quelle utilizzate dal Governo e dall’Istat. Insomma, il motivo della bocciatura non è un debito fuori controllo, ma la scelta del Governo di stabilizzarne la dimensione in rapporto al Pil invece di ridurlo in modo deciso come sarebbe richiesto dalla cosiddetta regola del debito. Si tenga conto a questo riguardo che tale regola non è stata rispettata nemmeno negli anni passati.

2098.- L’AEREO DI 007 FRANCESI ESPLOSO IN VOLO NEI CIELI DI MALTA nel 2016

CONTROLLAVA I MOVIMENTI DELLE ARMI FRANCESI DIRETTE AI LIBICI – GLI UOMINI DELL’INTELLIGENCE DI PARIGI DOVEVANO ASSICURARSI CHE FINISSERO NELLE MANI GIUSTE… – LA VERSIONE UFFICIALE PARLAVA DI CONTROLLORI DEI FLUSSI MIGRATORI, MA ORA ARRIVA LA RIVELAZIONE DI UN GIORNALE MALTESE.

È solo un caso che EUNAVFORMED utilizzi anch’essa un Fairchild Metroliner Mk III.

Ed ecco, dal web, le immagini che ricevemmo dell’incidente.

 

 

Gabriele Carrer per la Verità

Nel bel mezzo della conferenza per la Libia, emergono dettagli sui movimenti dei servizi segreti francesi a Malta. Il giornale Malta Today ha pubblicato un’ inchiesta sulle persone a bordo del piccolo aereo bimotore, un Fairchild Metroliner Mk III, che il 24 ottobre 2016 precipitò poco dopo il decollo dallo scalo internazionale di Luqa a Malta. Il velivolo esplose nell’ impatto con il suolo e morirono le cinque persone a bordo. Si trattava di tre funzionari del Dgse, i servizi segreti francesi per l’ estero, e due contractor della società lussemburghese Cae. Il governo maltese sostenne immediatamente che si trattasse di un volo di ricognizione per monitorare le rotte del traffico di droga ed esseri umani dalla Libia.

In realtà i cinque, come ha ricostruito Malta Today, facevano parte di una cellula di nove uomini che – da una villetta a schiera in quel di Balzan, ricco comune di meno di 4.000 anime nel cuore dell’ isola – controllava i movimenti delle armi francesi dirette in Libia. La loro missione era assicurarsi che finissero nelle mani giuste.

Lo scriveva l’ allora segretario di Stato americano Hillary Clinton in una mail del 2 aprile 2011 (rivelata da Wikileaks 4 anni più tardi) destinata al suo fedele Sid, cioè il consigliere per lo politica estera, Sidney Blumenthal: la Francia di Nicolas Sarkozy, la stessa che sotto egida Nato intervenne con altri Paesi occidentali il 19 marzo 2011 per rovesciare il regime di Muammar Gheddafi, vendeva armi ai ribelli libici. E ha continuato a farlo, nonostante l’ embargo delle Nazioni Unite, anche dopo il 2011.

Malta Today racconta come l’ abitazione sia stata smantellata in fretta e furia, lasciando cavi scoperti per le stanze. Ma in tempo: appena prima dell’ arrivo dei magistrati e della polizia, il giorno stesso della tragedia dell’ aereo. E oggi, a distanza di qualche giorno dal rapporto delle autorità francesi secondo cui l’ incidente fu causato dalla scarsa manutenzione del velivolo, l’ inchiesta del giornale contraddice quanto dichiarato ufficialmente dal governo della Valletta, che allora sostenne si trattasse di uomini coinvolti in un’ operazione di sorveglianza doganale che andava avanti da soli cinque mesi. E la polizia maltese che indaga sul caso avanza dei dubbi sul rapporto francese.

In realtà, in quell’ abitazione di Balzan, affittata per 20.000 euro all’ anno, viveva una squadra di nove membri degna di un film di spionaggio. Immaginate l’ aereo in volo che trasmette le riprese dal vivo delle coste e del territorio della Libia; poi alcuni agenti che, seduti dietro i loro computer nelle stanze dalle villetta, elaborano le informazioni.

È così che una fonte di Malta Today racconta le testimonianze raccolte dal magistrato inquirente Doreen Clarke, aggiungendo: «Contrariamente a quanto era stato detto pubblicamente, l’ aereo non stava sorvegliando le rotte del traffico di droga e di essere umani, ma si stava assicurando che le armi francesi venissero consegnate alle persone giuste in Libia». E pensare che nel 2014, nonostante l’ embargo sulle armi imposto dalle Nazioni Unite per impedire la fornitura a qualsiasi fazione libica che non fosse stata autorizzata dal comitato competente del Consiglio di Sicurezza Onu, la Francia riuscì a raggiungere i 9,1 miliardi di export di armi, un record storico.

Ma ormai, con l’ iniziativa italiana e soprattutto la vicinanza tra l’ uomo forte della Cirenaica Khalifa Haftar e la Russia, Parigi sembra destinata a essere tagliata fuori dai giochi delle armi. Mosca è pronta sostenere il leader di Bengasi, come dimostrava la presenza di Evgenij Prigozhin, detto lo «chef di Vladimir Putin», l’ uomo che coordina i mercenari russi della compagnia Wagner, durante le trattative tra lo stesso Haftar e il ministero della Difesa russo. A ribadire il concetto sono le indiscrezioni di alcuni giorni fa del tabloid britannico Sun, che riferiva di agenti del Gru – i servizi segreti militari russi – già presenti sia a Tobruk sia a Bengasi. Al fianco di Haftar c’ è anche l’ Egitto di Abdel Fattah Al Sisi. E con l’ intesa tra il generale e Roma, pare avvicinarsi l’ uscita di scena dei servizi francesi dallo scenario libico.

Maurizio Blondet

N577MX-Malta

Fairchild Metroliner Mk III

Di David Cenciotti, traduzione di Mario Donnini


The French MoD confirmed the aircraft was involved in a surveillance operation and that three defense ministry officials and two private contractors were killed in the incident.

The aircraft was reportedly involved in tracing routes of illicit trafficking, both of humans and drugs, along the more than 1,200 km of Libyan coastline: indeed, N577MX was part of a fleet of sensor-filled planes involved in intelligence gathering missions in North Africa along with several other special missions aircraft in civil disguise (whose tracks are often exposed by their Mode-S transponders.)

Such para-military, unconventional spyplanes operate from airbases in the Mediterranean Sea (including Malta, that is one of the main operating bases considered the proximity to the area of operations) performing a wide variety of clandestine tasks, sometimes in support of special forces on the ground, including hunting ISIS terrorists.

 

ob_0f42c8_n577mx-cae-aviation-fairchild-sa227-at-1.jpg

© Jeremy / via planespotters.net – Le Merlin IV accidenté, ici vu sur l’aéroport de Malte le 02 juin 2016.

 

Le 17 juillet 2016, la Direction Générale de la Sécurité Extérieure (DGSE) perdait trois hommes du Service Action dans le crash de leur hélicoptère, un Mi-24 «Hind» du général Haftar, après avoir été abattu par un missile sol-air.

Trois mois plus tard, la communauté française des services du renseignement est de nouveau en deuil après le crash d’un avion ISR sur l’aéroport de Luqa, à Malte, ce lundi 24 octobre 2016.

En effet, aux alentours de 07h20 (heure française), un Fairchild SA227 Merlin IV de l’entreprise privée CAE Aviation s’est écrasé quelques instants après son décollage dans l’enceinte de l’aéroport international de Malte.

Sur une vidéo diffusée sur les réseaux sociaux, issue d’une caméra embarquée dans une voiture, on y voit clairement l’appareil partir sur la gauche, et la vidéo ne montre aucune explosion avant la percussion avec le sol.

Le crash semble donc provenir d’un incident technique, mais seules les enquêtes ouvertes et en cours permettront d’apporter des réponses précises.

Quoi qu’il en soit, peu de temps après l’accident, dans un communiqué de presse adressé à l’Agence France Presse (AFP), le Ministère français de la Défense a confirmé que «la chute de l’appareil a causé la mort des cinq personnels présents à bord : trois relevant du ministère de la Défense et deux salariés du contractant privé».

L’appareil, comme à son habitude, venait de décoller afin de mener une mission ISR (Intelligence, Surveillance, and Reconnaissance) au-dessus de la Libye ou au large des côtes du pays.

Ce type de mission est régulier afin de permettre à la France d’avoir une connaissance précise de la situation en Libye, et de ce fait, de pouvoir prendre les décisions les plus justes dans le cadre de ses actions sur place.

La Libye est depuis de nombreux mois maintenant survolée par des avions de combat (frappes aériennes et missions de reconnaissance), et son sol voit la présence de plusieurs pays occidentaux, comme les Etats-Unis, la France, l’Italie, ou le Royaume-uni, qui y déploient des forces spéciales et leurs services de renseignement afin de soutenir les deux parties opposées contre l’organisation Etat Islamique.

Les services de renseignement français, comme la DGSE et la Direction du Renseignement Militaire (DRM) louent quotidiennement des appareils privés afin de mener discrètement des missions.

Certaines ont pour but de réaliser des missions de surveillance, du recueil d’images grâce à des capteurs installés sur l’appareil, tandis que d’autres récupèrent du renseignement d’origine électro-magnétique (conversations téléphoniques, radios, etc…).

L’externalisation de ce type de mission par le Ministère français de la Défense permet une plus grande discrétion, d’abord en raison de la raison d’être de ces services, et parce que ces appareils, outre pour des passionnés, sont plus discrets que ceux peints avec des cocardes françaises et parfois porteur d’une livrée militaire.

Enfin, et c’est la raison principale, la France manque cruellement de moyens ISR au sein de ces forces armées.

Plusieurs fois reporté, l’achat d’avions légers de surveillance et de reconnaissance, deux Beechcraft King Air 350, a été annoncé en juin de cette année, alors que des moyens étaient réclamés depuis plusieurs années déjà et qu’ils sont indispensables dans des régions comme au Sahel et au Moyen-Orient.

L’appareil, immatriculé N577MX, est régulièrement utilisé par les services secrets français, et a déjà été aperçu sur la base aérienne 105 d’Evreux, où se trouve le Groupe Aérien Mixte 56 «Vaucluse», qui réalise des opérations clandestines.

Le Merlin IV appartient à la société luxembourgeoise CAE Aviation, fondée en 1971, et qui réalise, entre autres, des missions de surveillance et de reconnaissance au profit de gouvernements et de leurs forces armées, comme la France, mais aussi au profit d’organisations non-gouvernementales.

L’entreprise, qui réalise ce type de mission depuis 2005, explique qu’elle utilise pour cela un équipage de trois à quatre membres, ainsi que des officiers de liaison. Les capteurs, fonctionnels de jour comme de nuit, sont des boules optroniques MX 15HD et MX 20HD, en fonction de l’aéronef utilisé.

En outre, la flotte dispose d’une capacité de transmission au sol et en temps réel des données recueillies, d’un laser pour la désignation d’objectif, de systèmes pour le recueil de renseignement d’origine électro-magnétique, d’un radar TELEPHONICS RDR 1400 ou 1700, de téléphones satellites, etc…

CAE Aviation dispose d’une large flotte composée de Beechcraft King Air 300, de King Air A100, de Super King Air 350, de Fairchild Merlin IV, Merlin III, de Britten-Norman BN2T, de CASA 212 Aviocar, et enfin, de Cessna Grand Caravan C208B. Plus de 8 000 heures de vol sont effectuées par an.

 

 

 

2088.- MATTARELLA AMMONITORE

Da casa o dall’estero, qualcuno comanderà pure questa Italia! Il re? non fu un vero re, Mussolini? non era un vero dittatore, Napolitano non fece il presidente; ma, di Mattarella, cosa dire non so. Mea culpa? Giudicate voi. 

 

 

Un chiaro e sofferto articolo di Marcello Veneziani, da Maurizio Blondet:

Non so di quali gravi problemi psicologici io soffra ma ogni volta che vedo in tv il presidente Mattarella mi sento uno straniero in patria. Anzi peggio, sento lui come il commissario, il proconsole inviato dalla Ue nel protettorato dell’Italistan per sedare le popolazioni ribelli. Nel mio stato allucinatorio lo vedo come un regnante assiro-babilonese, frutto di altre epoche e di altri mondi e il suo stile, il suo linguaggio, il suo incedere, il suo sontuoso copricapo bianco mi sembrano confermarlo. Sarà sicuramente una mia debolezza mentale, un trauma infantile o prenatale, ma non riesco mai a riconoscermi in quello che dice. Anzi penso quasi sempre il contrario di quel che dice, a parte il fondo inevitabile di ovvietà atmosferica e istituzionale con cui incarta il tutto e che è retaggio del suo ruolo protocollare.

Ma è possibile, mi chiedo preoccupato, che tutto quel che dice e persino il tono con cui lo dice, mi sembra sempre negare quel che mi sembra la realtà dei fatti, la storia vissuta, la vita reale dei popoli, il sentire comune, il disagio diffuso, la memoria storica, la percezione comune della realtà, oltre che le mie convinzioni ideali? Possibile che anche quando affronta temi che dovrebbero essere condivisi, come l’amor patrio o la celebrazione delle feste nazionali, lui riesca a dire il contrario di quel che mi aspetto da un Capo dello Stato e dal presidente degli italiani? L’Italia per lui non è la nostra patria ma il luogo d’accoglienza universale, una specie di gigantesca tenda da campo predisposta dalle autorità europee. Le identità dei popoli, per lui, sono un cancro da sradicare, un muro da abbattere. Vanno bene le identità individuali o di genere, ma non quelle nazionali, popolari, civili. Le migrazioni per lui vanno accolte e benedette; le diversità culturali e religiose vanno ammesse se riguardano gli stranieri, vanno invece rimosse se ricordano le nostre radici, altrimenti siamo intolleranti. Le nazioni per lui sono solo il preambolo funesto ai nazionalismi che sono la vera piaga del mondo; quando a me pare invece che i mali della nostra epoca siano piuttosto legati al suo contrario, allo sradicamento universale, alla cancellazione forzata delle identità, dei popoli e dei territori, al dominio cinico e apolide del capitale finanziario che non ha patria ma solo profitti; e ai flussi migratori incontrollati che in generale impoveriscono i paesi che lasciano e inguaiano quelli che invadono. Se un gruppo di migranti stupra una ragazza lui tace, se gli italiani dicono una sciocchezza contro i migranti o le donne, lui interviene per condannare. Non si perde mezza celebrazione che riguardi l’antifascismo e l’antirazzismo, è sempre lì a commemorare coi suoi discorsi, mentre salta vagoni di ricorrenze cruciali, di anniversari patriottici, di caduti per l’Italia, di vittime del comunismo, dei bombardamenti alleati, delle dominazioni altrui.

Se gli capita un IV novembre tra i piedi lui non ricorda la Vittoria ma solo la fine della guerra e non commemora l’Italia e i suoi soldati ma l’Europa. E se proprio deve celebrare un patriota, celebra l’eroe nazionale degli albanesi o di chivoletevoi, non un patriota dell’Italia. E sostiene come l’ultimo militante dell’Anpi che il fascismo è il male assoluto e non ha fatto neanche una cosa buona, negando l’evidenza storica: una cosa del genere non riuscirei a dirla neanche di Mao e Stalin che sono i recordman mondiali di sterminio, per giunta dei propri connazionali e per colmo in tempo di pace; notizie che al Quirinale non risultano mai pervenute.

E non c’è giorno che non ci sia una sua dichiarazione ecumenica e curiale nella forma ma velenosa e ostile nella sostanza contro il Demonio Assoluto: il populismo e il sovranismo, ossia il governo in carica, e tutto sommato, il voto maggioritario degli italiani. È una continua allusione polemica a ogni cosa che dice, fa e pensa Salvini. Poco manca che non insignisca la Isoardi di un cavalierato al merito per aver scacciato il drago da casa sua.

Ma possibile che il Capo dello Stato debba essere così opposto al comune sentire? Non mi aspetterei certo che dicesse il contrario di quel che pensa e del materiale bio-storico di cui è composto; non chiedo che si metta a gareggiare in demagogia tribunizia, ma è possibile che il presidente degli italiani la pensa solo come quelli che votano Pd, e sempre dalla parte opposta dei restanti italiani? Non è stato informato che quel Renzi che lo volle al Quirinale nel frattempo è caduto e non lo vogliono neanche nel Pd? Non sa che in Italia, in Europa, nel Mondo, quella visione politica che lui depreca ogni giorno, conquista maggioranze di consensi popolari in libere elezioni democratiche ed esprime i maggiori governi e capi dello stato? Mai uno sforzo, lui che dovrebbe essere l’arbitro super partes, garante di tutti, per capire e riconoscere quell’altra Italia, quell’altro mondo, che non la pensa come lui. Sta lì, nel cuore di Roma, come se il Quirinale fosse uno Stato Vaticano ai tempi del non expedit, rispetto all’Italia che lo circonda.

Naturalmente nei momenti di lucidità capisco che tutto questo è frutto di un mio stato di alterazione mentale, gli italiani invece sono entusiasti di Nuvola Bianca e dei suoi moniti, si bevono come oro colato le sue prediche indispensabili e lo considerano un santo, un sapiente e un oracolo. Però, non capisco perché quella mia allucinazione presidenziale mi fa quell’effetto eversivo-lassativo…

MV, Il Tempo 9 novembre 2018

2085.- ZAGRELBESKY, VENTOTENE E LA “DIMENTICANZA” DEL COSTITUZIONALISMO, DI KEYNES E DELLA…STORIA

La cosa drammatica di questa politica è che alla radice dei “rami” c’è l’€uropa mentre dovrebbe esserci la Costituzione. Ma non c’è alcuna forza politica che sappia neppure ricostruire più l’albero della legalità più importante, cioè quella costituzionale. Semplicemente perché non ha le famose risorse culturali per farlo. E non gli interessa neanche ascoltare circa una possibile ricostituzione di tale legalità.

Rimane solo “l’albero storto” della distruzione di massa della democrazia…

cristiani-resistono-a-vienna

 

  1. Bazaar mi segnala questa recensione di Zagrelbesky alla pubblicazione del  “Progetto di costituzione confederale europea ed interna” di Duccio Galimberti e Antonino Rèpaci, “un testo assai meno noto del Manifesto, sulla medesima lunghezza d’onda“.

Questa recensione premette che: “Dopo le tragedie dei totalitarismi e i massacri della guerra, una ricostruzione dell’Europa a partire dalla ricostituzione degli Stati sovrani, cioè propriamente dalla riproposizione delle cause di tanta sventura, pareva essere un errore foriero di nuovi altri mali, già sperimentati.

Occorreva ascoltare la lezione della storia.

Da questa premessa è poi giocoforza arguire che:

Tanto il Manifesto quanto il Progetto rovesciano il punto di partenza che noi abbiamo fatto nostro come dato incontestabile, cioè l’idea che l’Europa federata possa procedere soltanto a partire dalle sovranità degli Stati, per mezzo di “cessioni” o “limitazioni” di poteri. La fonte di legittimità europea avrebbe dovuto essere in Europa, non negli Stati: le costituzioni statali come derivazioni dalla costituzione europea, e non viceversa. Le politiche europee e i Trattati che hanno dato loro forma giuridica presuppongono invece gli Stati come prius e l’Europa come posterius. Questa presupposizione divenne presto inevitabile, ma tale non appariva allora. Con le parole del Manifesto: «L’ideale di una federazione, mentre poteva apparire lontana utopia ancora qualche anno fa, si presenta oggi, alla fine di questa guerra, come una meta raggiungibile e quasi a portata di mano», non come un lontano ideale, ma «come una impellente, tragica necessità» in quello ch’era il «totale rimescolamento» di popoli, il quasi totale sfacelo delle economie nazionali, la necessità di ridefinire i confini politici, la riconsiderazione dei rapporti tra maggioranze e minoranze etniche. Tutti questi problemi non avrebbero potuto essere affrontati se non a partire dalla dimensione politica europea: la guerra era nata in Europa e l’aveva distrutta; solo l’Europa avrebbe potuto rimettersi piedi.

La storia avrebbe dimostrato l’illusorietà di quel “a portata di mano”. La liberazione dai fascismi non avvenne affatto in nome dell’Europa, ma in nome delle nazioni e della loro indipendenza e autosufficienza“.

  1. E’ singolare come un costituzionalista così accreditato muova la sua analisi storico-politica da un documento mai ben analizzato (e compreso) nella sua ideologia economica e, ancor più, PRECEDENTE alla soluzione data, a tali problematiche, dalla Costituzione nel suo complesso, cioè la trasformazione del ruolo della sovranità, da potere illimitato al servizio delle oligarchie dominanti le Nazioni a quello di tutela dei diritti fondamentali “attivi”pluriclasse.

In particolare, pare oggetto di dimenticanza il senso molto concreto del conseguenziale ruolo di questa “nuova sovranità democratica” nella comunità internazionale,  delineato nell’art.11, che si proietta in una “sovranità aperta” alle organizzazioni internazionali che promuovano la pace e la giustizia tra le Nazioni. Cioè si confondono i “nazionalismi” negatori della altrui pari dignità con i nazionalismi che tale pari dignità pongono esplicitamente in termini di “giustizia” da perseguire nella comunità internazionale.

  1. C’è qualcosa di misteriosamente ostinato e inspiegabile nel voler ipostatizzare un episodio storicamente datato come Ventotene et similia, decontestualizzandolo dal naturale epilogo che i fascismi ebbero nel perdere il loro ruolo effettivo: quello di garanti dell’aspirazione conservatrice del liberismo, perseguito in modo privilegiato, allora, come evidenzia Polany, attraverso la dimensione statale.

Quest’ultima, nel caso del nazifascimo, peraltro, – nella logica tutta europea (e occidentale) dell’ “ordine internazionale del mercato“, da conquistare-, proiettata, (nella Storia moderna europea e fino al ‘900), verso un’affermazione non statalista “indipendentista”, quanto semmai imperialista, di espansione coloniale, e di concorrenza con i precedenti “oligopolisti” del colonialismo, che avevano affermato lo status quo, con le armi, al mondo intero.

E dunque la revanche tardo-colonialista dei totalitarismi (e dello stesso Giappone in ascesa industriale ma tagliato fuori dalla aree colonizzate delle materie prime), era dunque contrapposta per necessità ai colonialismi dei pretesi mercati liberoscambisti “universali”: ciò apriva una partita che si risolveva necessariamente per un mutamento conflittuale dei precedenti equilibri egemonici – non certo di parità wesftaliana– all’interno dell’Europa.

  1. Ma tutti insieme, questi imperialismi, totalitari, (ma radicati nel cuore di un’Europa che andava loro stretta), ovvero liberoscambisti, (autoproclamatisi “mondo libero” solo sul presupposto del totale misconoscimento della pari libertà dei popoli situati nelle aree assoggettate alla colonizzazione, “escludente” i primi), erano riconducibili non alla generalità degli Stati sovrani nazionali europei, ma ad un concentrato di pochissimi Stati, alternativamente egemoni.

Cioè all’alveo ristretto che, pur dopo Westfalia, non avevano mai abbandonato la tendenza imperialista e che, dunque, si erano caratterizzati per l’aspirazione al dominio su ogni altra Nazione, europea o extraeuropea.

Sfugge quindi che il principio di Westfalia, la parità di ciascun detentore della sovranità, era stato costantemente negato; e, anzi, proprio questa negazione, e non certo i “nazionalismi”, aveva dato luogo “a incessanti guerre e devastantisullo scenario continentale, guerre che, peraltro, coinvolgevano l’intero mondo colonizzato da queste entità imperiali.

La stessa Rivoluzione francese (a tacere della guerra di Successione che il Re Sole scatenò pur essendo l’inchiostro di Westfalia ancora fresco), nasce da un collasso economico-finanziario della monarchia determinato dallo scontro “triangolato” tra Francia e Inghilterra, per la protezione accordata dalla prima verso i nascenti Stati Uniti; protezione non certo “idealistica”, ma, se vogliamo, “pretestuosa”, essendo lo sviluppo di politiche ostili e di guerre coloniali già in corso tra le due Potenze “imperialiste” europee del tempo  (e a loro volta, in precedenza tese a contendersi le spoglie dell’Impero spagnolo sui territori centro-Nord americani).

  1. In pratica, SI IGNORA come le due guerre mondiali fossero state, (nella perfetta tradizione europea), il prodotto della negazione, non della riaffermazione, della pari dignità degli Stati affermata dai trattati di Westfalia; e questo in nome di super-entità, – certo statali, ma inevitabilmente autoproclamatesi sovrastatali. Questi Super-Stati (che sono sempre stati presenti nel caratterizzare l’equilibrio del diritto internazionale) si erano rigenerati, dopo le due rivoluzioni industriali e la riproposizione mercantilista del gold standard, della “totale flessibilità del lavoro”, con diverse forme di oligarchie capitaliste, (sostanzialmente identiche nelle aspirazioni all’egemonia sovranazionale), mosse da interessi contrapposti di tipo capitalistico-industriale.

“Stranamente”, le istanze federaliste che esaltano la negazione della originarietà della sovranità statale, non colgono come i trattati internazionali, quand’anche proposti come Costituzioni “universali”, siano sempre l’inevitabile prodotto dei rapporti di forza, economica e militare, all’interno di una qualsiasi parte della comunità internazionale. E quindi, come questa costante negazione di Westfalia, si sia proiettata, col prevalere del capitalismo mercantilista e industriale, in assetti che irresistibilmente, ricalcano i difetti del liberoscambismo: la necessità del lavoro-merce come viatico alla “competitività“,  la connessa esigenza della “stabilità dei prezzi” assicurata dal vincolo monetario,  lo svuotamento dei processi democratici di tutela dei diritti fondamentali in nome dell’autoritarismo T.I.N.A. dei “mercati”.

  1. SI IGNORA, IN DEFINITIVA, LA STAGIONE DEL COSTITUZIONALISMO di temperamento del “capitalismo sfrenato“, – come evidenzia Popper-, che cercò di risolvere la vera radice di quel mondo guerreggiato novecentesco: il conflitto sociale.

Si ignora quindi come tale stagione fu apportatrice di PACE – del tutto avulsa dal postulato del “federalismo negatore” della sovranità nazionale democratica – nonché di benessere e democrazia per i popoli che lo abbracciarono.

Certo, storicamente questa fase storica, sopravvenuta a “Ventotene”, rifletteva ciò che il federalismo europeista aggira nella sua dimensione di problema centrale, soffermandosi sull’effetto, la guerra, e ignorando le cause: il modo in cui gli Stati imperialisti intendono ed esportano il conflitto di classe. 

Il secondo dopoguerra del ‘900 , è senza dubbio anche il riflesso di una escalation della trasformazione politico-internazionale del conflitto sociale; quella cioè concretizzatasi nella contrapposizione tra socialismo reale e Stati pluriclasse del welfare e geograficamente “ratificata” nel patto di YALTA.
Quest’ultimo, aveva già segnato, proprio nella inequivocabile “lezione della Storia”, il superamento del totalitarismo nazifascista.

Il riportare la soluzione del problema dei conflitti in Europa alla percezione delle cose di “Ventotene”, ignora, altresì, un altro imponente rivolgimento storico: la sopravvenuta centralità del conflitto di classe, – simmetrico all’affermarsi aggressivo del capitalismo sfrenato -, non consentiva di assimilare il totalitarismo-imperialismo stalinista a quelli che, pur ad esso in parte storicamente sovrapposti, l’avevano preceduto (cioè gli imperialismi coloniali delle super-Nazioni egemoni su conglomerati europei o extraeuropei).

Il marxismo-leninismo russo (pur nell’ambiguità di Stalin sul ruolo leader della Russia, ora Nazione egemone, ora, sede ecumenica dell’Internazionale “vivente” in Terra), rendeva insostenibili i vecchi imperialismi europei.

Se questi erano stati, da subito, i “negatori di Westfalia”, la dialettica conflittuale del tardo ‘800 e dell’intero ‘900, fu innescata dal sovrapporsi della Germania nel Risiko degli imperialismi europei (come a suo tempo della stessa Inghilterra, rispetto a Francia, Spagna e Impero asburgico, tutti all’inseguimento del mito carolingio del Sacro Romano Impero). Questione geo-politica del tutto distinta dalla conflittualità intrinseca al capitalismo colonialista, prima mercantilista e poi liberoscambista, conflittualità che precede e contestualizza lo stesso “problema Germania“.

La “sopravvenuta” spinta egemone di quest’ultima aveva appunto già trovato una soluzione in sede europea: la democrazia costituzionale.

Sopravvenuta la “riunificazione”– ad una situazione che delimitava  (scindendola fisicamente) proprio la sovranità nazionale tedesca-, invece, l’Europa ha rimesso in discussione in base ad una risalente diagnosi, storicamente sbagliata, proprio questa soluzione (il costituzionalismo democratico) già consolidatasi.
La soluzione che aveva reso, nel frattempo, del tutto marginale l’ipotesi di “Ventotene”: l’Europa si era già strutturata, in forza delle rispettive democrazie del welfare – e non certo della “costruzione europea” rivolta a profili essenzialmente commerciali non decisivi, ma “sussidiari”, sul piano politico-, in una serie di inter-relazioni culturali, politiche e persino linguistiche che non avevano precedenti nella storia del continente.
Ed invece, nel nome di “Ventotene”, – essenzialmente in Italia (altrove non danno molto peso a questa presunta “genesi” ideale, potendo rammentare ben altre radici)– si è arrivati alla deleteria proposizione che la moneta unica, cioè il paradossale presupposto per una obbligata lotta di competizione mercantilista tra gli Stati europei coinvolti, sarebbe stata meglio, per conservare la pace dall’aggressività tedesca(!), di un trattato di stretta cooperazione di politica estera e della difesa.

 

unnamed-1

cuscinetto+gendarme-1

unnamed

Un’epoca felix?
E quindi, dopo, gli imperi “buoni” (coloniali, pure dentro l’Europa, che esisteva già allora, comunque) nazionalismi “cattivi”?
Conseguenze della prima guerra mondiale (sarà stata colpa dell’Irlanda e della Grecia o della Polonia l’aggressività bellica che permane in Europa dopo la I WW? E sarà casuale che il mondialismo, da sempre “liberista dei mercati”, nasce in Gran Bretagna, quando inizia a scricchiolare il colonialismo su Irlanda, India e Africa? )

2000px-Map_Europe_1923-it.svg

7. Con l’aspirazione internazionalista-federalista, si prosegue, in sostanza, in modo a-storico e inconsapevole, a ragionare sulla realtà delle oligarchie contrapposte del XX secolo, se non altro perchè si pretende che il preteso super-trattato, accentratore di sovranità primigenia (degradando quella degli Stati democratici), possa non essere il prodotto “leonino” (art.2265 cod.civ.)” di un “asse” tra le potenze storicamente egemoni che gli danno vita, coltivando un’illusione propagandistica ed utopica che non ha mai visto una conferma proprio nella “lezione” delle vicende storiche.

 

La realtà e l’applicazione dei trattati europei conferma, invece, che, – quale che sia la cornice ideale e filosofica che si vuol dare al “federalismo”-, esso non può che vivere nelle dinamiche del diritto internazionale, specie se si pensi irrealisticamente di poterle superare dall’angolazione limitata di intellettuali appartenenti a Nazioni strettamente influenzate culturalmente da quelle stesse potenze egemoni.

 

Il che suggerisce pure una radice storica di questa “resa unilaterale” del…più debole, che vuole dissolversi nel dominio del più forte, visto come eticamente superiore: e, quindi, implicitamente superiore. E quindi implicitamente AUTORAZZISTA.

 

  1. Ma l’utopia inconsapevole in questione, sconfina ulteeriormente nell’ipocrisia:  degli imperialismi coloniali i fascismi costituirono, come abbiamo visto, solo uno sviluppo contrappositivo, ma tutto all’interno del conservatorismo liberista.

Abbiamo visto cioè che, sul fare del ‘900, trascinati dalla loro stessa intransigenza,  i liberisti, da soli,  avevano progressivamente perso il controllo sociale degli Stati-comunità e delle relative istituzioni. E proprio a causa dell’assetto predatorio del capitalismo da essi propugnato, della ossessione per il “vincolismo monetario” del gold standard, e delle spaventose crisi economiche ricorrenti che avevano innescato la reazione del lavoro, cioè il conflitto di classe.

Cioè proprio a causa di tutto ciò che, oggi, costituisce l’essenza, per quanto dissimulata, dei Trattati europei.

 

 

Se le soluzioni che corressero le brutture delle oligarchie liberiste sono state il modello politico-economico keynesiano e il costituzionalismo, che senso ha tutt’ora, resuscistare in continuazione una visione di federalismo incentrata, esplicitamente (“Ventotene” non può certo nascondere tale sua forte asserzione) su quello stesso “ordine internazionale dei mercati”? E che senso ha dimenticare che quello stesso “ordine”, inscindibilmente legato all’idealizzazione del vincolismo monetario, aveva già costituito il cuore del meccanismo determinante lo scontro tra diversi imperialismi industriali e commerciali che condusse alle guerre mondiali in Europa?

 

Una lente deformante, una “cataratta” prodotta dall’inerzia culturale e dall’enorme pressione mediatico-culturale del capitalismo finanziario in cerca di rivincita, offusca in Italia (ancora più che nel resto d’Europa) la percezione della realtà della crisi.

 

 

 

2076.- Adam Tooze su Die Welt – „Die EZB sollte alle Schulden aufkaufen“. La BCE dovrebbe comprare tutti i debiti

Book-Festival-Edinburgh-25-August-2018-8

Lo storico dell’economia, il britannico Adam Tooze, è considerato un keynesiano ed è favorevole a una politica fiscale comune dell’UE. In un’intervista a Holger Zschäpitz, capo editore per la sezione economia e finanza dell’importante  quotidiano tedesco Die Welt,  egli afferma che le politiche di austerità sono una risposta sbagliata alla crisi. Pur confermando molti dei soliti luoghi comuni e mostrando un forse eccessivo ottimismo sulle possibilità concrete dell’Europa di cambiare strada, Tooze sfida l’evidente scetticismo tedesco affermando con decisione che le politiche di austerità portano fuori strada, e che senza una politica sociale e fiscale comune e senza una banca centrale capace di svolgere le sue tipiche funzioni, la zona euro è destinata a rimanere bloccata in una crisi permanente. 

images copia

Gli italiani non hanno avuto nessuna possibilità di liberarsi dalla pesante eredità del debito e rimettersi in piedi.

di Holger Zschäpitz, 23 ottobre 2018

Lo storico dell’economia, il britannico Adam Tooze, riflettendo sulla crisi finanziaria del 2008, ha scritto un  libro intitolato  Crashed: come dieci anni di crisi finanziaria hanno cambiato il mondo“.

images

Nel suo libro registra anche come è avvenuta la crisi di debito dell’euro. Per il famoso studioso, che ora insegna alla Columbia University di New York, è chiaro che solo con una grande determinazione si riuscirà a risolvere la lunga crisi europea. Gli italiani non hanno avuto nessuna possibilità di liberarsi dalla pesante eredità del debito e rimettersi in piedi.

 

WELT: Quali sono gli insegnamenti che si possono trarre dalla crisi finanziaria?

 

Adam Tooze: La grande crisi finanziaria è stata segnata da alcuni enormi errori.
La crisi ha proclamato la fine della storia, non solo riguardo alla struttura del mondo politico,
ma anche ai mercati finanziari. Fino ad allora la maggior parte delle persone riteneva che i prezzi di mercato, nelle loro oscillazioni in aumento o in calo, avessero un’influenza disciplinante sulla politica.  È bastato un anno per rendere evidente quanto fosse sbagliata questa idea. La crisi finanziaria ed economica ha rivelato come gli attori economici non possono essere abbandonati a se stessi. Sono stati necessari massicci interventi da parte dei politici e delle banche centrali per prevenire una catastrofe.

 

WELT: Vuol dire che la funzione di disciplina svolta dai mercati è un’idea assolutamente sbagliata?

 

Tooze: Una mano invisibile dei mercati finanziari, che alla fine rimetta il mondo in ordine, non esiste affatto. In compenso abbiamo conosciuto qualcos’altro: vale a dire il grande potere delle banche centrali. Le autorità monetarie, con la loro politica monetaria, hanno confutato le tesi di entrambe le parti della politica. Non hanno ragione i politici conservatori, i quali lanciano l’allarme sul debito che un giorno ci schiaccerà. Acquistando titoli di stato, i tassi di interesse possono essere mantenuti costantemente bassi e il problema del debito può essere contenuto. Ma anche i politici di sinistra hanno torto quando condannano duramente i mercati finanziari come la causa di tutti i mali. Le borse possono essere addomesticate da forti interventi delle autorità monetarie.

 

WELT: Ma a quale prezzo? Al crollo di Wall Street è immediatamente seguita la crisi dell’euro nel 2010, che tiene ancora impegnate le autorità monetarie.

 

Tooze: Esatto, la crisi dell’euro continua ancora oggi. Questo perché, a differenza dell’America, l’Europa non ha risposto abbastanza rapidamente alla crisi. A quel tempo, le banche in Europa non hanno rivevuto abbastanza soldi dallo Stato. Quindi ancora oggi non si sono riprese dallo shock. E i decisori della finanza pubblica in Europa hanno commesso un errore storico: con una rigorosa politica di austerità i problemi del debito sono stati esacerbati, mentre la crisi avrebbe potuto essere superata con una politica congiunturale intelligente.

 

WELT: Quindi l’Europa dovrebbe abbandonare il risparmio? Questo suona come un invito ad un andazzo in cui ci si carica di nuovi debiti in maniera permanente.

Tooze: Nella storia, abbiamo avuto solo pochi casi in cui un paese è riuscito a ridurre il proprio debito risparmiando. Un impegno di successo sarebbe quello di stimolare la crescita e così ridurre il debito. Guardi l’Italia. Gli italiani sono veri maestri della gestione del debito. Devono trascinarsi dietro una montagna di debiti. A causa della politica clientelare degli anni ’70 i debiti del paese sono aumentati vertiginosamente. Una riduzione per via normale è quasi impossibile. Dall’inizio degli anni ’90, il Tesoro di Roma ha generato dei surplus di bilancio anno dopo anno. L’attuale controversia con Bruxelles è quindi solo una conseguenza dell’eccesso di debiti. Se fossero in qualche modo ridotti, il paese sarebbe fiscalmente stabile come la maggior parte degli altri paesi dell’Eurozona.

 

WELT: Un taglio dei debiti risolverebbe tutti i problemi del paese?

Tooze: Non sarà così facile, anche per ragioni legali. Un paese non può avere facilmente una remissione del debito. Ma almeno la Banca centrale europea (BCE) dovrebbe garantire che il costo degli interessi tra i paesi dell’euro arrivi a convergere. L’Italia attualmente deve spendere circa tre punti percentuali in più sui suoi titoli decennali rispetto alla Germania. Se un paese all’interno di un’unione monetaria deve pagare molto di più per il debito rispetto ad un altro, continuerà a rimanere indietro. Perché non è solo lo Stato che deve pagare di più. Anche i tassi di interesse per famiglie e imprese dipendono dai rendimenti dei titoli pubblici. A causa dei più alti costi del debito vi sono seri svantaggi competitivi.

 

WELT: Ma le differenze nei tassi di interesse riflettono i diversi rating del credito dei paesi. Eliminare deliberatamente questi differenziali di rendimento significherebbe anche impedire una certa disciplina tramite i mercati.

 

Tooze: Ma è l’unica soluzione funzionante se si vuole un’unione monetaria. Quindi, se potessi esprimere un desiderio, vorrei che la BCE comprasse tutti i debiti.

 

WELT: Non vede altre opzioni?

 

Tooze: L’Europa ha ancora bisogno di una politica di bilancio e del mercato del lavoro comuni. Se i mercati del lavoro europei continuano a essere meno mobili e flessibili degli Stati Uniti, se le persone continuano a trasferirsi fuori dall’Europa per ottenere un lavoro, è necessario un sistema comune di benefici, tasse e contributi.

 

WELT: Ciò contribuirebbe a creare una sorta di Stati Uniti d’Europa.

 

Tooze: La zona euro ha decisamente bisogno di un bilancio comune europeo molto più ampio per affrontare le differenze economiche e raggiungere davvero condizioni di vita più armoniose. Ciò richiederebbe un volume di spesa dal cinque al dieci percento del valore della produzione. Quindi si potrebbe, ad esempio, stabilire un’indennità di disoccupazione unica che potrebbe avere un effetto stabilizzante. Sarebbe anche auspicabile un bilancio comune per la difesa. Inoltre, l’Europa deve finalmente completare l’unione bancaria. Solo se le banche della zona euro condividono i rischi può esserci una vera unione monetaria in cui un risparmiatore in Italia non deve temere per i suoi depositi più di quanto non avvenga in Germania.

 

 

 

Welt : Quantomeno le maggioranze dei paesi del nord dell’eurozona non saranno certamente favorevoli.

 

Tooze: Se per lei è troppo posso solo dire che tutto questo non è nemmeno abbastanza. La Banca centrale europea deve continuare a svolgere un ruolo importante nella stabilizzazione della zona euro. Il suo mandato dovrebbe pertanto essere più esteso. Guardate solo all’America, dove la Fed non si preoccupa solo della stabilità dei prezzi, ma anche dell’obiettivo della piena occupazione. Tale duplice mandato dovrebbe averlo anche la BCE.

 

WELT: Quindi dovremmo rimandare una normalizzazione della politica monetaria della BCE agli anni a venire. Ma una tale politica espansiva, come realizzata dalla BCE, non può essere continuata indefinitamente. Cosa succede se le autorità monetarie improvvisamente perdono la fiducia dei mercati?

 

Tooze: Le possibilità dei banchieri centrali sono così grandi oggi che riescono a raggiungere i loro obiettivi in maniera assolutamente meccanica. Prenda l’esempio dei bund. Al momento ce ne sono così pochi che è difficile immaginare che i tassi di interesse reali salgano alle stelle solo perché gli acquisti di bond cessano improvvisamente di funzionare. Anche se la situazione degli altri titoli sovrani in euro non è altrettanto favorevole come quella dei bund, non posso immaginare che una banca centrale possa perdere il controllo dei mercati. Soprattutto perché la domanda di tali attività liquide da parte degli investitori privati è molto più grande oggi di quanto non fosse prima della crisi finanziaria. Se improvvisamente l’inflazione dovesse aumentare drasticamente, la situazione potrebbe cambiare un po’. Ma siamo ancora in un mondo in cui, in senso figurato, viene lasciato allentato il guinzaglio ad un animale molto letargico.

 

WELT: Supponiamo che lei abbia ragione: tutto ciò sarebbe sufficiente per portare l’Europa al successo?

 

Tooze: No. Gli europei devono anche continuare a sviluppare l’unione monetaria al fine di creare una valuta di livello mondiale. Solo in questo modo possono ridurre la dipendenza dall’America e dal dollaro. Tuttavia, una valuta di riserva di livello mondiale include anche veicoli di investimento sufficientemente sicuri in cui gli investitori o le banche centrali possono investire le proprie riserve. Nell’eurozona solo i bund tedeschi e forse i titoli francesi sono considerati sicuri. Ma questi titoli non sono sufficienti per soddisfare le esigenze di investimento. Possiamo già vedere che la BCE sta raggiungendo i suoi limiti coi bund. Gli Eurobond potrebbero risolvere il problema. Perché ci sono senz’altro abbastanza titoli nella zona euro. Ma non tutti sono considerati sicuri.

 

WELT: Dopo la politica sociale comune, la fine delle misure di austerità e un ampio mandato della BCE, sta seriamente chiedendo anche gli Eurobond?

 

Tooze: Se non ci saranno profonde riforme che comportino trasferimenti di rischio, un meccanismo per affrontare le crisi e un processo di costruzione dello Stato, l’Europa continuerà a rimanere bloccata in una crisi permanente.

Traduzione per Vocidallestero di Luca Scarcali

2068.- A TOLOSA, L’IMAM PREDICA LO SRADICAMENTO DEGLI EBREI E LA RESTAURAZIONE DEL CALIFFATO

Secondo il giornalista Mohamed Sifaoui, che ha tradotto il video incriminato, “è una predica antisemita end-to-end, con una vocazione genocida”. Ma la Francia è finita. Non a caso lo stesso termine Islam significa sottomissione.

image1

Il sindaco di Tolosa Jean-Luc Moudenc (LR) e il presidente della regione occitana Carole Delga (SP), il 23 giugno, hanno inaugurato con gran pompa di rappresentanti repubblicani e allahïcité, la Grande Moschea di Tolosa: un edificio di 2.000 m² pronto ad accogliere la comunità maomettana della città rosa, forte dei suoi 40.000 praticanti.

È stato in questa occasione, sostenuta dalla Grande Moschea di Parigi e dal Consiglio francese del culto musulmano (CFCM), che Mohammed Tatai, l’imam della moschea dell’imponente cattedrale, con la cupola e il minareto, finanziata da Algeria e Kuwait, ha avuto anche a dire che questo era l’estremo “baluardo contro l’estremismo”.

Con grande clamore, meno di una settimana dopo l’inaugurazione, in pantofole e corna di gazzella, l’aedile pietoso non ha avuto altra scelta, che fare una relazione al pubblico ministero, ai sensi dell’articolo 40 del codice di procedura penale, sostenendo che l’imam si sarebbe reso responsabile di una grave istigazione anti-ebraica durante una trasmissione sermone sul canale YouTube della Grande Moschea, nel dicembre 2017.

Tra le osservazioni formulate dal predicatore, troviamo questa esortazione poetica: “[Il Profeta] ci ha detto della battaglia finale e decisiva: il Giorno del Giudizio non verrà finché i musulmani non combatteranno gli ebrei. Gli ebrei si nascondono dietro le rocce e gli alberi, e le rocce e gli alberi diranno: “Oh musulmano, oh servo di Allah, c’è un Ebreo che si nasconde dietro di me, vieni e uccidilo.”

Secondo il giornalista Mohamed Sifaoui, che ha tradotto il video incriminato, “è una vocazione genocida end-to-end antisemita”. Questo è un fatto molto serio perché non è uno scivolone. […] Arma ideologicamente il futuro Merah che si rivolgerà  contro la comunità ebraica “(riferendosi a Mohammed Merah che, nel 2012, aveva attaccato una scuola ebraica, facendo non meno di sette vittime, tra cui tre bambini), fino al punto di profetizzare la scomparsa di Israele “dalla superficie della Terra, settantasei anni dopo la sua creazione”, nel 2022.

Dal momento in cui era ancora soltanto un assistente del sindaco, incaricato dell’urbanistica, Moudenc, un politicante senza spina dorsale, pronto a tutti i compromessi comunitari e sociali possibili, che, nella città occitana, rappresenta quello che Anne Hidalgo è nella capitale, non esitò a servirsi del suo incarico per permettere al suo protetto, da un lato, di realizzare nel tempo una vera e propria operazione immobiliare, acquistando e rivendendo un terreno il cui tasso di costruibilità fosse stato opportunamente aumentato, dall’altro lato, individuandolo nel cuore di Tolosa “per la somma simbolica di 20.000 euro” (Infos Toulouse, 28 giugno).

Attività al limite, sia a livello di legge che di etica, che muove tanti eletti senza scrupoli, pronti a morire per la rielezione. Se molte città e periferie sono etnicamente esplosive e incancrenite da un islamismo, che spesso ha problemi con il narcotraffico endemico, è indubbiamente alla nostra leadership d’élite che lo dobbiamo, ma anche a questi parassiti feudali soliti a oscillare tra codardia demagogica e mecenatismo elettorale.

Mohamed Tatai, un maestro dell’arte della “taqiya” (dissimulazione nell’Islam), predicando in arabo, non ha mai nascosto il suo desiderio di vedere restaurato il califfato. Capiamo meglio perché Tolosa, come Lione, Marsiglia, Lunel o Molenbeek-Saint Jean in Belgio sono note per essere roccaforti dei jihadisti …

logo-slogan-x2

 

Traduzione di Mario Donnini

2051.- Giuseppe Conte, a Mosca, incontra le imprese insieme al presidente Vladimir Putin

putin-e-conte-670x274

Giuseppe Conte, a Mosca, incontra le imprese insieme al presidente Vladimir Putin. Di Antonio Pannullo

“L’Italia rafforza i rapporti commerciali con Mosca. “Rafforzare le relazioni commerciali e industriali è quasi un dovere per noi, tenuto conto della naturale complementarietà dell’economia italiana e di quella russa”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, a Mosca, in un incontro con le imprese insieme al presidente russo Vladimir Putin. “Come governo siamo pronti, sono qui a garantirlo, a sostenere le aziende intenzionate a intensificare il partenariato con i russi, avviare nuove joint venture, partecipare a nuovi progetti di sviluppo”, ha aggiunto il presidente del Consiglio sottolineando che c’è “la consapevolezza che la Russia sa di poter trovare negli imprenditori italiani degli ottimi partner”. Conte ha, tra l’altro, evidenziato il ruolo giocato da quelle aziende italiane che “da sempre credono in questo mercato e che si sono affacciate qui in un ruolo di apripista di cui ha beneficiato tutto il sistema produttivo italiano. Anche nei momenti difficili, non hanno mai pensato di abbandonare la Russia e di questo, quale capo del governo italiano, vorrei qui oggi dargliene merito di fronte alla massima autorità della Federazione russa”. Giuseppe Conte ha invitato il presidente russo Vladimir Putin a visitare l’Italia al più presto. “Inizierò il nostro incontro con una proposta – ha detto Conte, prima del bilaterale al Cremlino, secondo quanto riportato dalla Tass – Il mio auspicio è il seguente: mi piacerebbe molto che lei visitasse l’Italia nel prossimo futuro”. “Non viene da noi da molto tempo, non mi piacerebbe – ha aggiunto, con una battuta – che il popolo italiano avesse l’impressioni che lei non ci dà la giusta attenzione”. Poi Conte, sottolineando che Russia e Italia sono state in grado di mantenere una buona qualità nelle loro relazioni, ha affermato che “uno degli obiettivi della mia visita è ancora volta studiare e vedere come possiamo sviluppare il potenziale dei nostri legami e dei nostri rapporti”.

Quanto vale la nostra parola

Lasciando il reportage di Antonio Pannullo, vengono a mente, però, casi recenti, come quello del jet regionale sviluppato da Sukhoi e Alenia Aermacchi. In occasione del MAKS Airshow a Mosca, nell’agosto 2005, l’Agenzia federale russa per l’industria, Sukhoi Aviation Holding, gruppo Finmeccanica ed Alenia Aermacchi firmarono un memorandum di intesa sullo sviluppo della cooperazione nel programma RRJ, che vide la firma dell’accordo di partnership strategica a Mosca il 20 giugno 2006. Il programma RRJ contemplava la progettazione, lo sviluppo, la produzione, la commercializzazione ed il supporto di una famiglia di nuova generazione di jet regionale da 75-100 posti. Nacque il progetto Sukhoi Superjet 100, sviluppato dall’azienda aeronautica italo-russa Sukhoi Civil Aircraft Company (SCAC), in collaborazione con l’italiana Alenia Aermacchi (società confluita in Leonardo-Finmeccanica, controllata dal Ministero del Tesoro e che ne deteneva il 41% del capitale societario). La Pininfarina, per conto dell’Alenia Aermacchi, elaborò il design interno degli aerei, il cui allestimento dà lavoro a 200 persone nello stabilimento di Venezia-Tessera.

Formalmente il 31 marzo 2017, Leonardo ha venduto alla cifra simbolica di un euro il 41% della sua partecipazione in SuperJet International (SJI), la joint venture con la russa Sukhoi Civil Aircraft (SCAC) destinata a commercializzare nel mercato occidentale il Sukhoi Superjet 100 (SSJ100). Al momento, quindi, il controllo dell’azienda è passato in mano ai russi. La vendita ha fatto parte del più ampio piano di dismissione di Leonardo nel progetto SSJ100, annunciato da anni e avviato formalmente tra il dicembre e il gennaio 2017 con la completa cessione delle quote italiane in SCAC, l’azienda che materialmente costruisce l’aereo.

Air-to-air_photo_of_a_Sukhoi_Superjet_100_(RA-97004)_over_Italy
Il Sukhoi Superjet 100 è un aereo di linea regionale biturbina di nuova generazione da 75-100 posti. 

Il disinteresse di Leonardo nel progetto SSJ100 (prima come Alenia e poi come Finmeccanica) era progressivamente aumentato nel corso del tempo e ebbe il suo culmine c a f o n e s c o nel maggio dello scorso anno, quando nessun rappresentante del Governo e nessuno dei vertici del gruppo italiano ha presenziato a Venezia-Tessera alla consegna del primo aereo a Cityjet.

Il numero uno di Leonardo in uscita, Mauro Moretti, aveva più volte giudicato l’investimento dell’azienda di Piazza Monte Grappa nel progetto SSJ100 troppo eccessivo e non giustificato dai risultati economici.

Ad oggi, in effetti, l’aereo ha ricevuto solo un po’ più di 200 commesse, la maggior parte delle quali arrivate da compagnie russe. In Occidente solo l’irlandese CityJet e la messicana Interjet hanno acquistato l’SSJ100, per un totale di 45 esemplari. Alitalia non ha acquistato nessun Sukhoi Superjet 100.

Si tratta di numeri ampiamente inferiori rispetto agli altri velivoli jet regional intorno ai cento posti, come la famiglia EJet di Embraer e, più recentemente, la CSeries di Bombardier.

Conte a Putin: stiamo rimettendo in moto l’Italia

“Conte ha proseguito: “Stiamo rimettendo in moto il cantiere-Italia, rendendo più facile investire grazie alla semplificazione burocratica e più conveniente assumere grazie agli sgravi fiscali. Siamo sicuri che la “Squadra-Italia”, governo-imprese-lavoratori, saprà dare al mondo e all’Europa una grande risposta”. Lo scrive su Facebook il premier. “Questa mattina all’Expocentre di Mosca ho incontrato gli imprenditori italiani – esordisce il presidente del Consiglio – Donne e uomini preparati e vincenti che portano in alto il made in Italy in Europa e nel mondo. A loro ho ribadito che l’Italia è un Paese che gode di buona salute, i fondamenti della nostra economia sono solidi”. “Ho avuto modo di apprezzare la dinamicità del nostro tessuto imprenditoriale. La grande qualità dei prodotti italiani e la competitività delle nostre imprese ci permettono di avere un surplus commerciale consistente, consolidando la posizione centrale dell’Italia nel commercio internazionale (Chissà mai perché certi nostri assetti industriali, accumulano perdite finché sono italiani, ma diventano, invece, portatori di profitto per i concorrenti esteri? ndr). Il governo farà la sua parte per far crescere le imprese italiane. C’è un grande impegno in tal senso, come dimostrano anche le misure contenute nella manovra”, rimarca Conte.”

Beh! questa nota ci sta:

La manovra da 37 miliardi ha previsto 600 milioni di sconti di tasse per le partite IVA e 5,3 miliardi di mancati sconti fiscali alle imprese: meno 2 miliardi dall’abolizione dell’IRI e meno 3,3 dall’ACE.

“Infine, Putin dà una prova della consueta signorilità: anziché lamentarsi con i politici di Roma, li ringrazia: “Vorrei inviare tramite lei parole di ringraziamento al sindaco di Roma e al personale medico, che sta fornendo assistenza ai tifosi russi feriti durante l’incidente nella metropolitana di Roma”. Il presidente russo si è rivolto così al nostro presidente del Consiglio nell’incontro odierno. Ieri quasi 30 tifosi del Cska Mosca, a Roma per assistere alla sfida di Champions League, sono rimasti feriti nell’incidente avvenuto sulle scale mobili crollate della stazione Repubblica (a buon intenditor… . ndr).”

 

putin-parla-a-un-comizio-670x274

Putin: “Piena fiducia nel governo italiano, abbiamo gli stessi sogni…”

“Il presidente russo Vladimir Putin non nasconde la propria ammirazione per la svolta italiana. “Sappiamo che l’economia italiana ha delle basi molto solide, noi ci fidiamo di tutto quanto sta facendo il governo italiano e siamo sicuri che i problemi saranno risolti”. E’ quanto ha assicurato il presidente russo Vladimir Putin, parlando delle tensioni tra Roma e Bruxelles sulla manovra, bocciata dalla Commissione europea. “Sappiamo delle discussioni in corso tra il governo italiano e la Commissione europea – ha sottolineato Putin – ma non ci intromettiamo. Malgrado i problemi difficili, sappiamo che l’economia italiana ha delle basi molto solide”. La Russia inoltre “sostiene gli sforzi dell’Italia per la soluzione della crisi in Libia”. Lo ha detto il presidente russo nella conferenza stampa con il premier italiano Giuseppe Conte al Cremlino, sottolineando che Roma e Mosca “condividono lo stesso approccio”. “Ho già detto che appoggiamo gli sforzi dell’Italia per la soluzione della crisi in Libia, appoggiamo tutto ciò che sta facendo l’Italia in questa direzione – ha sottolineato il presidente russo – Lo ripeto ancora, credo che il nostro approccio, la nostra impostazione coincida pienamente con quella italiana, nel senso che tutti i problemi devono essere risolti dallo stesso popolo libico, noi possiamo essere soltanto sostenitori e garanti”. E ha promesso:  “La Russia continuerà a fornire risorse energetiche all’economia italiana e all’intera Europa”. La cooperazione tra Russia e Italia, evidenzia Putin, non si limita alla fornitura di gas: “Accogliamo con favore l’ambizione delle imprese italiane di investire nello sviluppo del settore russo dell’energia elettrica”. “Sono sicuro che le intese raggiunte oggi favoriranno lo sviluppo della cooperazione russo-italiana in tutte le direzioni”. Lo ha detto il presidente russo Putin, nella conferenza stampa congiunta al Cremlino con il premier Giuseppe Conte, definendo “costruttivi” i colloqui avuti. A questo proposito, tra i tanti accordi, Enel, tramite Rusenergosbyt, la joint venture russa tra Enel ed Esn, ha siglato oggi un accordo di cooperazione strategica e ampliamento della partnership con la società per azioni Russian Railways (RZhD), che include un’estensione del contratto di fornitura energetica che lega le due società dal 2008. Attraverso i termini di questo accordo, le due aziende saranno in grado di pianificare interventi ed investimenti su orizzonti temporali più lunghi. ”

 

 

Prendo ora lo spunto dai colloqui fra Putin e Conte e guardiamo a Trieste

Le Rossijskie železnye dorogi, letteralmente “strade ferrate della Russia”, conosciute anche come RŽD, sono le ferrovie di stato della Russia, che le gestisce in regime di monopolio. Lo Stato è proprietario al 100%. È una delle tre più grandi aziende di trasporto ferroviario al mondo, dopo Stati Uniti e Cina, con oltre 835.000 dipendenti e circa 85.000 chilometri di binari. Nei prossimi anni, RŽD ha programmato una forte crescita del traffico container ferroviario sulla storica linea Transiberiana (e sulla “variante più a sud che da non molto parte dal grande centro cinese di Chonqing. Potrebbe nascere una prospettiva interessante per Trieste che si è affermata nel traffico container. Lo chiederei al Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale (AdSP è nella storica Torre dei Lloyd, risalente al 1850) Zeno D’Agostino, al quale si devono “  grandi progressi in questo settore grazie all’ottimizzazione della manovra ferroviaria, all’investimento sui locomotori, sul personale e sull’infrastruttura esistente che ha ancora ottimi margini di crescita (Unità sindacale di base (Usb) permettendo). Tutto ciò ha favorito la nascita di nuovi collegamenti ferroviari, soprattutto a livello internazionale”, con la progressiva formazione di convogli verso nuove destinazioni dell’Europa dell’est e del Nord, impensabili fino a pochi anni fa”. Il porto di Trieste fa sistema con le ferrovie, favorendo di conseguenza il movimento merci  da e per l’Estremo Oriente. Per anni, abbiamo osservato la contesa fra i porti dell’Adriatico e dell’Egeo per questa nuova via della Seta. Trieste potrebbe nuovamente rappresentare una alternativa italo-russa ai porti di Salonicco e del Pireo di Atene, che  la Grecia ha venduto ai cinesi. Anziché scaricare i containers a Rotterdam, come aveva fatto fino al 2013, il colosso mondiale Cosco Cina ha preferito Pireo, risparmiando una settimana. E’ la motivazione che ha fatto propendere per la privatizzazione dell’hub ateniese, in vista di ulteriori sviluppi infrastrutturali. In primo luogo le ferrovie, che dovranno poi condurre i containers cinesi lungo la dorsale balcanica (quindi fino al centro e nord Europa) e, tramite uno scalo nel Mediterraneo, verso Spagna e Portogallo. La privatizzazione delle ferrovie elleniche, apre una serie di ipotesi legate alle potenzialità future di quell’investimento. Il Governo Conte deve valutare queste opportunità, senza dimenticare che l’attivismo dei russi nell’Egeo non è mai cessato. E, di nuovo, si pone la domanda di quanto non sia stata opportuna la svendita della AnsaldoBreda treni (fondata da Cavour) di Finmeccanica a Hitachi rail Italy S.p.A. (Italy, ma del gruppo giapponese Hitachi). Penso anche a ILVA, a Magneti Marelli. Chissà mai perché certi nostri assetti industriali, accumulano perdite finché sono italiani, ma diventano, invece, portatori di profitto per i concorrenti esteri?

 

“Il container ..sta dando grandi soddisfazioni al porto di Trieste, trainato dall’incremento dei nuovi servizi marittimi intercontinentali e dai nuovi servizi intermodali internazionali con Est Europa, Germania e Austria”. Lo ha detto ancora il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale D’Agostino.