Archivi categoria: Difesa

1350.- Time to close ranks? It’s time for a common EU army

Time to close ranks

somalia-atalanta_3

German soldiers took part in the ATALANTA operation against Somali pirates in 2008.

When it comes to defence, each member state has so far been content to pump money into its own army. But challenges posed by the conflict in Afghanistan may force a rethink of this policy.

This year could prove to be pivotal for the future of European defence. The countries fighting the Taliban in Afghanistan will find out whether their new counter-insurgency strategy works on the ground. NATO and the European Union will know whether the conflict on Cyprus will be resolved or frozen, which is important because membership of the two alliances, NATO and the EU, has significant overlap and Cyprus is the single-biggest impediment to closer co-operation between the two.

The US and the UK will undertake strategic defence reviews to define the main threats facing them and how to respond. NATO, following the return of France to its military structures, will likewise get a new strategic concept that is supposed to infuse it with renewed relevance. And the EU will learn whether the new foreign policy and security institutions and mechanisms that it has fashioned for itself under the Lisbon treaty make action more coherent and efficient.

Problems revealed by war on Taliban

Since the end of the Cold War two decades ago, various strategic defence reviews undertaken by individual allies have held out the promise of “radical change”. But the impact of such ambitions has often been negligible, not just in the member states but at the supranational level, too. The EU’s battlegroups, for which planning began in 2004, were supposed to make the EU faster and more flexible in reacting to crises. To this day, not a single battlegroup has ever been deployed.

What is different this time around, however, can be summarised in two words: Afghanistan and budgets. Afghanistan has driven home the point that neither NATO nor the EU nor their member states have the means to fight the kind of war that the Taliban are waging. They will have to adapt if they are going to win.

Closer co-operation required

Soaring budget deficits have ramped up the pressure to increase the efficiency of defence spending. The combined defence budgets of the EU’s 27 member states currently amount to around half of the sum the US spends on its military. But because European spending is fragmented and each country essentially maintains a full-service army, a far smaller share than in the US flows into investment, including research and development – €42 billion in Europe and €166bn in the US, according to 2008 figures from the European Defence Agency (EDA). By contrast, the EDA’s 26 member states (all the EU members except Denmark) spent more in absolute terms on personnel than the US, €106bn compared with €93bn. This suggests bloated armed forces that are equipped by an armaments industry that is not as competitive as it could be.

Such figures reinforce the logic behind the EDA, whose projects aim to promote co-operation on research and development and, in the long run, to create an internal defence market. But the EDA and project-based co-operation more generally are still hampered by the engrained habit that the EU’s 27 member states conduct their own threats assessments and strategic planning. The 2003 European Security Strategy, updated in December 2008, is far too general to serve as a strategic guide. But such an overarching guide is sorely needed because EU member states set their defence priorities in strikingly different areas with very little thought given to complementarities and economies of scale. Some member states focus on territorial defence against an imaginary enemy; others are shifting their resources to new kinds of warfare, such as cyber-attacks; yet others see the main task of their armed forces as peacekeeping or state-building, and so put more emphasis on deployability and on ‘softer’ skills and capabilities.

The development of the European Security and Defence Policy (ESDP) over the past decade has been driven in large part by the member states. But in the absence of a proper assessment of the member states’ defence capabilities and how they might complement each other, the ESDP will continue to be hampered by ad-hoc solutions and national policies that are far less efficient than they ought to be. Afghanistan is just the kind of crisis that makes the costs of this approach visible.

euforeeas

Des soldats des troupes françaises de l’EUFOR RCA à leur arrivée à l’aéroport de Bangui, le 30 avril 2014.

As the discussion on a European defence is back on tracks, especially under the impulse of France and Germany, the time has come for creating a common army under the authority of a High Security Council, says journalist and former MEP Olivier Dupuis.

When we talk about a European Army what exactly do we mean? A single or common EU army? An intergovernmental army, or an army under the command of European institutions? An army that is composed of national contingents or an army made of European soldiers? Depending on the answer to these questions, the scenarios that emerge are very diverse, whether it be an (improbable) configuration of 27 States, or a model that combines few select Member States by way of Permanent Structured Cooperation.

A single, intergovernmental European army

This would be a more or less organic alliance among all or some of the national armies of the Member States, a sort of second version of the European Defense Community (EDC) where authority would remain in the hands of the states themselves. In this updated scenario, the whole of each national army would pass under an intergovernmental European authority yet still remain under its own country’s authority for all practical purposes (decision-making power, organization and budget on the one hand, and veto power at the level of European intergovernmental institutions). Integration would be limited, which is to say, non-existent.

Moreover, it is easy to imagine several States, particularly the “smallest” ones, that are not about to give up a bird in hand (NATO with all that it means in terms of a guarantee of security – Article 5, the deterrent of a powerful backer that the US’s presence guarantees, the strength of the regular American army, and so on) for two in the bush, a single European army that would basically be at the service of the old-school alliances.

A single, joint European army

According to this scenario, national armies would be incorporated into a larger European army placed under the authority of common European institutions: the European Commission, the European Council, the European Parliament, and, for the authority to intervene, the European Council of the Heads of State and Government meeting as the European High Security Council. The finished product would be a decidedly more European army.

But this scenario is not without its own particularly problematic issues. To begin with, it presupposes being able to join national armies whose traditions, modes of organization and engagement are often very different, especially when we are not able to count on the power or harmonizing support of the United States, as is the case with NATO. It also implies managing, on the one hand, the great tension between a common European decision-making structure and, on the other, the means (the armies themselves) that continue to take their orders from their respective Member States. Moreover, it requires immediately dealing with the delicate question of the political and military structuring between France’s deterrent ability and the common army, as well as the question of the security and defense of overseas territories that are not part of the European Union.

Some of the EU’s recent decisions, such as preparing for the creation of a European “general staff”, or of a fund for military research, stem from this scenario to the extent that they are part of a common framework. But the speed with which these types of initiatives are being put into place suggests that the development of a European army will be indefinitely postponed.

A common and intergovernmental European army

Unlike the two previous scenarios, this “European” army would be made up of segments of national armies rather than the armies in their entirety. The recent proposal of creating European “Battle groups” is part of this idea, whose two main drawbacks are that it is subject to changes in the governing majority in the relevant Member countries, and that it opens itself to the risk of threats of blackmail in times of intervention. As numerous experiences of armed intervention in recent history show (Bosnia, Rwanda, Iraq, Afghanistan, etc.), it is extremely easy (through hostage taking or suicide bombs) to put pressure on countries participating in an international initiative (here, a European one) to get them to withdraw their contingent.

Moreover, rather than attenuate them, this type of army would intensify national rivalries with regard to questions of command and, more importantly, the choice of arms, which is currently in the hands of national industries.

The different experiences of incorporating armies with respect to security and defense over the last twenty or thirty years also fall into this category: Eurocorps and the Franco-German Brigade, among others. The operational deployment of these armies has been virtually non-existent, precisely because each of the different members in question maintains its national affiliations. Lastly, and though it carries more of an imperial than a European connotation, Germany’s policy of incorporating the Dutch, Romanian, Czech, and shortly even Finnish and Swedish brigades into the Bundeswehr must be seen in the same light.

A joint and common European army

Unlike a single, joint European Army, the joint, common European army we are proposing would set itself apart from national armies. Placed under the exclusive authority of European institutions (the Commission, the Council, the European Parliament and High European Council on Security made up of the heads of state and government of the participating Member States), this army would be made up of European officers and soldiers. In other words, this army would be created from scratch.

Curiously, this option is the one that is least often discussed, and when it does come up, it is the one that is eliminated from consideration the fastest and with the greatest casualness, which is precisely the reason that we will develop it most thoroughly here. What truths are used to denigrate this option? For its detractors, the absence of legitimacy of the European political institutions called upon to make decisions of life and death is a deal-breaker by itself.

Which is no less surprising in an institutional configuration where all decisions concerning engagement proposed by the President of the Commission would be ratified by the majority of the High European Council on Security made up of the heads of state and government, which, moreover would adopt its decisions based on a qualified majority. Another concern that is mentioned is the mammoth task involved in creating a new army out of nothing. This argument dismisses the expertise of the soldiers from different national armies, as well as two recent experiences: the creation of the Croatian army in 1991, and more recently, the creation of the Ukrainian army almost entirely from scratch.

The last objection is the intrinsic impossibility of being able to count on European patriotism, i.e. the soldiers’ and officers’ willingness to engage in combat as Europeans and no longer as citizens of this or that Member country. This argument is not the less surprising given that we know that the majority of several of the most prestigious units (and the ones most often used in external theaters of operation) of some Member States are made up of citizens from other countries.

Nor is it less surprising when we recall all of the foreign soldiers who made up the majority of the troops who liberated Western Europe in 1944. And still more forgotten by history are the tens of thousands of North Africans and Africans who died in Europe during the First and Second World Wars. This argument is all the more astonishing when we consider that the history of the construction of Europe has shown that the national “neutrality” of civil servants of the European Commission has, by and large, been a success, as was the neutrality of the Judges of the Court of Justice in Luxembourg, for instance.

Lastly, a definitive argument: the lack of financial means in a Europe plunged in economic crisis. But unless we are beginning with the assumption that the only factors we need to consider are the ones that threaten our “internal” cohesion, whether economic or social, and unless we’re also considering that these have no relation to external factors, it is imperative to examine the real ability of each of the Member States of the Union as a whole to respond to outside threats at the moment. And while not all of Russia’s vengeful encroachments up to our borders are military in nature – quite the contrary – they still rely on the threat of military action to call into question the borders of European States (Georgia, Moldavia, Ukraine).

Moreover, the weakness – we might even say decay – of States in close proximity to Europe (Iraq, Syria, Libya, Mali, etc.) and the rise of terrorist elements that precede, accompany or result from them, combined with the United States’ growing isolationist stance all put into radically new focus the question of the security and defense of the Union.

Already at the Cardiff Summit in 2014 and in response to this new situation, the Member countries of NATO put forth the objective of devoting 2 percent of their GDP to defense by the year 2024.

European defense and German rearmament

Like the other member countries of NATO, Germany has pledged to devote 2 percent of its GDP to defense. Although this promise has no legal status, it was entered into before and with the other members of NATO, which confers a strong political meaning upon it. Concretely, it means that German military expenditures could reach upwards of 62 billion euros in 2024.

France, which, according to SIPRI, already devotes 2.2 percent of its GDP to the military, could see its own military costs rise to 50 billion euros by the same time, with 3.5 billion set aside for nuclear deterrents and 2.5 billion to updating these deterrents. In other words, 44 billion would remain for its conventional forces. Similarly, Italian and Spanish military costs would likely rise to 34 and 22 billion euros, respectively, in 2024.

These numbers are a much stronger argument than any lengthy discourse, and they are not the only ones striving to foretell the future. The Bundeswehr policy of incorporating large portions of the national armies of other Member States, a policy that is necessarily imperial and intentionally mercantile, does in fact have strong implications on the choice of weapons of these “incorporated” armies. Moreover, it is a source of significant benefits to the German defense industry, which some already consider the dominant defense industry in Europe.

“The only European army is the French army”

a7bd78d091c910d23a97cee8337d68cb
Jean-Luc Sauron, Il estime aussi que la seule défense européenne concevable, c’est un financement communautaire de l’effort militaire de la France, ce pays ayant la seule armée apte à combattre au moins pour quelques années.

While France unquestionably boasts the most effective army among the 27 European nations, enjoying the highest level of autonomy, this does not in any way make its army one that can single-handedly counter the threats that Europe currently faces. This was amply demonstrated by France and Britain’s muddled intervention in Libya, which required NATO assistance, as well as by the sad fiasco of the aborted mission in Syria following the American president’s about-face and France’s “retreat”. Or, in more prosaic terms, a part-time air and sea force, and a deficit in satellite information are here to remind us that simply being better than all the others does not mean being up to the task.

But unless we are prepared to have certain Member States make the decisions while others pay, this still does not make of the French army a European army – far from it. No more than the Deutschmark could be the basis for the euro. Which it is not, as can be seen by the functioning of the Council of Governors of the European Central Bank, where Germany is more often than not in the opposition. A European army cannot be a national army, nor a derivative of one of them.

Last but not least, France faces strategic choices on a tight timeline that presages no-win budgetary decisions: modernizing nuclear deterrents, building a second aircraft carrier, investing in cyber-warfare, developing and building the successor to the Rafale… only to name a few of the sectors where significant investment will or would be necessary.

A priceless army

Taking into account General Perruche’s indispensable white paper on European defense, and thus also the deployment of the varied skills in the domain of security and defense of the twenty-seven nations of the EU, and based on the principal threats mentioned above, we can envision what the first core of a common army would look like: three rapid intervention divisions (consisting of 45,000 soldiers) based in the Baltic region, Slovakia and Romania; three air and sea groups based in the Baltic region, Greece and Portugal; a military information service with strong satellite capabilities; a service dedicated to cyber-warfare; and all of this with a budget equivalent to 0.3 percent of the GDP, or some 30 billion euros, which is more or less what the Financial Transaction Tax brings in.

The undeniable advantages of a joint, common European army

The first, and indisputable, merit of this army is that its mere presence would contribute to the cohesion of a European construct in dire need of cohesion. Through the institutional process that it would be a part of, it would represent an opportunity and means of creating a space for building trust among Member States in an area rife with suspicion, mistrust, long-standing rivalries and consolidated national interests.

Without impinging upon NATO membership, the mere existence of this army would bolster our defense against our great neighbor to the East, while also reassuring the countries in the European Union that share Russia’s borders. This army “would help to establish a foreign policy and policy of common security”, as the EU Commission Jean-Claude Juncker said, and as a result, to regain footing in the “hot” areas where we currently play – in the most charitable terms – a minor role (Syria, Iraq, the Gulf States, etc.).

This army would contribute to the emergence of a generally self-sufficient European arms market, and as a result, a more integrated European defense industry, which is a source of considerable savings, as the European parliament pointed out in 2015. By so doing, it would allow us, as General de Gaulle recommended, to eventually marry foreign policy to arms sales, and no longer base foreign policy on the possible sale of arms, which is currently so often the case.

It would make it possible for us to protect military and technological expertise, especially in the areas of most conspicuous expense (satellites, air and sea forces, IT, aeronautics, etc.). It would provide – only partially, of course – an answer to the thorny question of the European budget, boosting it by 30 percent.

It would represent the beginnings of a response to the feeling of powerlessness instilled in European citizens by decades of inability to respond politically and in good time to the crises, wars and genocides perpetrated only a short distance from Europe – in Yugoslavia, Rwanda, Chechnya, and now Ukraine, Syria and Iraq.

Therefore, unlike the many initiatives that make sense only to experts, and like the euro that, despite all the defects of its conception, continues to be approved by the citizens of Europe, a joint, common European army would represent a tangible realization whose usefulness they can concretely measure and that they could make their own.

Translated from the Italian by Anis Memon

france_elections_markus_grolikTHE EU AFTER THE BRITISH AND FRENCH ELECTIONS: Things are moving in Europe

The political crisis in Britain and the victory of pro-European Emmanuel Macron in France heralds a new dawn for Europe, and will only make it stronger.

The Channel has never seemed so wide. The popular mandate which Theresa May failed to consolidate on Thursday has been obtained by Emmanuel Macron on Sunday, and spectacularly so.

While May is on the decline, and will find it difficult to keep hold of power, Macron – record abstentions or not – is taking charge of things. Beyond the personal destinies of these leaders, this means two things.

The first is that while Great Britain has dug itself into a deep political crisis, France clearly wants to pull itself out from the quagmire and get things moving. The second, even more important, is that this reinvigoration of France gives it a weight in the EU that the UK has lost twice over: by voting for Brexit and then refusing, less than a year later, the “hard Brexit” threatened by May, and thus entering negotiations without any clear idea of what it wants to obtain or avoid.

In three days everything has changed in Europe. No longer will there be British politicians holding the brakes on economic and political integration. Those in other member states who hold similar attitudes will no longer be able to lean on London for help. Power relations have already changed in the Union, but, from Thursday, the sovereigntists and the new far-right will no longer be able to claim that Brexit is a good example for other states, since not even Britain itself seems certain of that.

Not only are the defenders of European unity strengthened, but this is happening at a time when the new French president’s main ambition is to put the Union back on track, and when Germany aims to adopt the French idea of European power – a political Union capable of playing an important role on the international stage.

Angela Merkel and Emmanuel Macron want to solidify this project. Their councillors and ministers have been tasked with developing common proposals. France and Germany are converging once again to move the European Union forward. Paris and Berlin may announce within a month the creation of a common fund to finance the first contours of European Defence.

When the French and the Germans are in agreement that things should get moving, the situation is certainly changing, but that is not all. There is Trump, whose unpredictability incites Europeans – all Europeans – to get their house in order. There is also the imperial nostalgia of Vladimir Putin, and the growing chaos in the middle east, a cause for Europeans to get a move on, especially when there’s no more assurance of American protection.

Everything is changing in Europe, because Britain has left, because France is back and because everything in the world is changing too.

18560      European defence in 2020

A force of 120,000 troops that can respond within 60 days, a fleet of military helicopters and cargo planes to transport them to conflict zones, an intelligence service to evaluate the political and military risks of missions, and an EU defence budget to pay for all of the above — according to the Institute for Security Studies (ISS), these will be the key provisions for Europe’s defence in 2020,” reports Die Presse.

In its study — What Ambitions for European Defence in 2020? — the European think tank insists on the fact that astute diplomacy and generous support for reconstruction and foreign development will not be enough to protect European citizens and economic interests. The Viennese daily concurs with the view that the European Union is lacking in resources. The rapid reaction force of 60,000 troops, whose creation was announced in Helsinki in 1999, has yet to be established — and there has been no deployment of fifteen 1,500-strong EU battle groups, which were also promised. On the contrary, European military missions have been preceded by “long winded negotiations on the number of troops each member state would contribute to deployments in the African desert or the Balkans.”

Ce sont des sommets d’attente avant les rendez-vous électoraux de septembre en Allemagne. Avant que le monde politique interne de l’Union ne soit à nouveau stabilisé, il ne faut pas s’attendre à décisions marquantes. C’est d’autant plus désespérant, que la présidence tournante de l’Union est exercée par Malte qui, ça n’est pas lui faire insulte, ne peut prétendre jouer un rôle sur la scène politique mondiale. L’Union est donc politiquement fragile alors qu’elle est confrontée à une donne géopolitique radicalement nouvelle, entre le libéralisme économique du président du parti communiste chinois, un pôle anglo-américain qui a toujours existé, mais qui s’affirme brutalement et la Russie qui poursuit un rêve euro-asiatique. En outre, le monde est devenu d’une instabilité époustouflante : qui aurait dit il y a trois ans que les BRICS alors vantés comme les phares de la croissance mondiale auraient aujourd’hui quasiment disparu ? Le Brésil est en pleine déconfiture, la Russie, même si elle fait très peur, n’a pas résolu ses difficultés économiques et politiques, l’Inde est instable, etc. Le monde change de trimestre en trimestre et il devient très compliqué de construire des alliances et des projets.

Dans ce monde instable, l’Union sait-elle ce qu’elle veut ?

Les rêves de refondation sont totalement aberrants, car les États membres n’ont pas de vision commune de l’avenir de leur Union. On ne relancera pas la machine européenne à Vingt-sept, il faut l’admettre une bonne fois pour toutes. Il faut reconstruire sur un socle interétatique, entre quelques pays qui acceptent de se mettre en convergence et en concertation, sans pour autant se substituer à l’UE. Cela peut se faire soit entre l’Allemagne et la France, soit entre ces deux pays et le Benelux soit, enfin, entre l’Allemagne, la France et la Pologne. Cette consolidation d’une partie de l’Union stabilisera toute la construction européenne.

Cela veut dire qu’on négocie une série de traités bilatéraux ou multilatéraux à l’intérieur de l’UE ?

Pas nécessairement. Paris et Berlin peuvent simplement décider que leurs gouvernements auront le même nombre de ministres, dotés des mêmes attributions, afin de travailler ensemble sur une série de dossiers et de législations convergentes afin de coordonner les politiques suivies dans les deux pays. Si ces deux pays qui représentent 50 % du PIB européen parviennent à harmoniser leur droit fiscal, leur droit de la consommation, leur droit social, par exemple, tout le monde suivra et cela redynamisera l’espace européen. Aujourd’hui, c’est le moins actif qui bloque tout le monde. Le grand schéma à Vingt-sept, ça ne marche plus : on n’arrive plus à exécuter les politiques annoncées. Si on n’arrive pas à relancer la machine européenne, nous serons le champ de manœuvre du reste du monde, soumis à des stratégies d’influence contradictoires. Au passage, et contrairement à ce que croient les déclinistes, l’Europe reste le centre du monde : c’est à travers nous que les puissances s’affrontent. Il faut donc que nous tirions parti de cette force pour influencer le monde.

Le fait que l’administration Trump souhaite la disparition de l’UE ne va-t-il pas aider l’Union à se renforcer ?

La brutalité du discours de Donald Trump recouvre une réalité américaine qu’on a souvent occultée : les États-Unis ont toujours voulu un peu d’Europe pour contrebalancer les Soviétiques et éviter l’émergence de régimes révolutionnaires, mais pas trop d’Europe pour qu’on ne vienne pas leur manger la laine sur le dos. Or l’euro, par exemple, est vécu comme une contestation de la suprématie du dollar, ce qui est inacceptable pour eux. Trump dit clairement que l’Union aujourd’hui ne peut être qu’un marché et non un acteur politique et économique.

Les Vingt-sept veulent faire de la défense européenne un nouveau projet mobilisateur. Est-ce sérieux ?

Je ne crois pas à une armée européenne. Pour envoyer des gens combattre et mourir, il faut un gouvernement légitime. Or aujourd’hui il n’y a pas d’autorité européenne légitime en dehors des États. En Europe, il y a deux armées et demie, la Britannique, la Française et un peu l’Allemande. Mais une vraie armée est une armée qui se bat sur le terrain, ce qui n’est pas le cas de l’armée allemande. Avec le Brexit, il n’y a en réalité plus que la France qui se bat, non pas pour mener des opérations post-coloniales comme on a pu le dire ici ou là, mais pour protéger le continent européen, que ce soit au Mali, en Centrafrique ou en Syrie. Il faut donc que les Européens financent l’effort militaire de la France et que la France accepte dans son armée des citoyens européens : la colonne vertébrale militaire de l’Europe est française, c’est la réalité.

Est-ce que l’Europe est prête à accepter que la France remplace les États-Unis comme garant de sa sécurité ?

Y a-t-il une alternative ? Qui nous protégera ? Les Russes ?

Si les Européens financent l’effort militaire français, ils voudront pouvoir participer à la décision d’envoyer des troupes…

On ne peut imaginer que ce soit le conseil des ministres de la Défense à Bruxelles qui décide d’engager l’armée française, il faut être sérieux. Et ce n’est pas parce qu’on paye qu’on a son mot à dire. Si les Allemands veulent décider, il faut qu’ils aient une armée en capacité de combattre.

1273.- Vittorio Feltri: “Sugli immigrati serve un gesto forte: usiamo le forze armate”

vittoriofeltri-660x330.jpgCome siamo ridotti, che pena. Ahi serva Italia, di africani ostello. Siamo trattati dai bianchi e dai neri, evitando per oggi i gialli, come una terra di nessuno e di tutti, calpestata e invasa da chiunque ne abbia il ghiribizzo. A dircelo sono i numeri, ma quelli li sapevamo. L’ 85% di chi emigra senza permesso approda da noi. Non è che trova solo il semaforo verde: gli mandiamo pure il carro attrezzi, inteso come guardia costiera, per trasferire tutti i questuanti purché su un gommone, ma va bene anche il pattino, dalla Libia alle nostre coste.

Il governo fa sapere in Europa: «La situazione è insopportabile». Poi invece l’ esecutivo sopporta e supporta tuttora le navi umanitarie europee che caricano sulle spalle del popolo italiano migliaia di neri nerboruti, tutti giovani, bisognosi di vitto e alloggio, ma non di cellulare perché quello ce l’ hanno già, ultimo modello, e fanno sapere a casa che partano in fretta, che magari cambia l’ andazzo. Tranquilli, non cambierà. In effetti, stiamo attrezzando per questa massa innumerevoli tendopoli. Ci prepariamo così al peggio. In inverno che si fa con gli africani?

Mica sono terremotati abruzzesi che sopportano. I neri s’ incazzano. Bisognerebbe imparare ad avere più rispetto di noi stessi. L’ Austria è un Paese che ha preso tante botte negli ultimi cento anni, che se potesse manderebbe fiori ai confini invece di schierare i carri armati. L’ ha fatto da Stato neutrale durante la guerra fredda. Ed ecco che si scalda con noi, ci fa la faccia truce, morde la pallida caviglia di Gentiloni. Noi per abitanti, territorio, Pil, esercito siamo alquanto più grossi della patria di Mozart e Freud, ma davanti all’ opinione pubblica del mondo intero – europea e soprattutto africana, che mancherà del pane, ma non è scema – siamo tali e quali a un cagnone di peluche. Il problema è che non solo sembriamo, ma lo siamo sul serio. Le nostre truppe sono eccezionali nelle missioni all’ estero. Sono impiegate stupendamente a sistemare le faide in Kosovo e in Bosnia, tutelano con vigore i confini tra Libano e Israele. Con il cavolo che noi le si usi secondo la loro ragione sociale, che sarebbe la difesa delle frontiere patrie. Siamo matti?

Gli austriaci hanno quattro cingolati più gli Schützen, bravissimi a sculacciarsi minacciosamente le chiappe di cuoio, e non li piazzano contro Slovenia, Slovacchia e Ungheria, ma presso l’ Alto Adige, e non per invaderlo e portarselo in casa, ma per tirare su un muro. Preferiscono separarsi dai fratelli sud-tirolesi pur di non trovarsi a dover assorbire qualche rivolo, anzi qualche spruzzo della fiumana che copre il nostro territorio e minaccia di tracimare in Carinzia.

Hanno torto gli austriaci? In teoria sì. Siamo in 27 nell’ Unione e bisognerebbe dividersi gli oneri, difendendo insieme il confine Sud che coincide con il Mar di Sicilia. In realtà, i governanti di Vienna fanno il loro mestiere: difendono gli interessi nazionali, perché quelli europei nessuno capisce bene che cosa siano. Anzi diciamo che in 26 hanno capito benissimo in che cosa consistano: fottere piacevolmente il popolo italiano, il cui governo fa di tutto per facilitare la manovra.

Andrà sempre così, senza gesti forti. Tanto non sono in condizione di buttarci fuori. Non l’ hanno fatto con la Grecia, non cacceranno certo noi. Che dignità abbia questa congrega imbandierata d’ azzurro con dodici stelle lo si è visto ieri.
Si dibatteva a Strasburgo su una questione essenziale, sull’ emergenza assoluta: la migrazione dall’ Africa. Davanti al Parlamento europeo c’ era il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker. In aula sostava il 4 per cento dei rappresentanti strapagati dei 27 Paesi Ue. Lo statista, si fa per dire, lussemburghese, assai propenso a dirimere le questioni a tarallucci e soprattutto vino, stavolta è stato lucido: «Siete ridicoli». Il presidente dell’ aurea assemblea, Antonio Tajani, invece di incassare signorilmente, ha difeso questo disgustoso assenteismo. Lo ha interrotto: «Moderi i termini: è la Commissione sotto il controllo del Parlamento non il contrario». Siccome l’ una e l’ altro sono sotto il controllo dei popoli, ci permettiamo di mandarli al diavolo entrambi. E mandiamo al diavolo anche questo nostro governo di cioccolatai senza cacao.

Come l’ Europa consideri Gentiloni lo si vede dall’ universale ridanciano cordoglio nei nostri confronti. Siamo lì a pietire un aiutino, come nelle trasmissioni di Raffaella Carrà. L’ unico che si agita, e ha sale nella zucca pelata sarebbe Marco Minniti. Ma da solo, in quindici giorni, non può rimediare a una situazione d’ incompetenza cialtrona che si trascina da anni. È riuscito a far radunare a Parigi, domenica sera, i ministri competenti di Francia, Germania, Spagna, concordando regole forti e da far rispettare.

Ci è andato con proposte chiare e le ha – lo sappiamo – armate dando loro il tono del sano ricatto. Una volta che Minniti è ritornato a Roma, Macron e Rajoy, presidente e premier di Francia e Spagna, hanno contraddetto i loro ministri. Avrebbero dovuto aprire i loro porti. Poi hanno esaminato l’ album Panini della nostra nazionale governativa, e gli è scappato da ridere. Se va bene, ci passeranno quattro quattrini. Come se fosse solo questione di denaro: la sicurezza non si paga, si garantisce, se c’ è un governo serio. E lo si fa non dando un pugno sul tavolo in Europa, ma agendo. Ad esempio accompagnando con cacciatorpediniere le navi delle Ong con i loro migranti nei porti di Barcellona e Marsiglia. Che fanno? Ci sparano? Cannoneggiano i profughi? Forza che ci divertiamo.

di Vittorio Feltri

1267.- STIAMO VALUTANDO UN ALTERNATO ALL’F-35? PERSEVERARE EST DIABOLICUS

f35_crosswind__main

13 giu 2017 – L’USAF annuncia la messa a terra a tempo indeterminato di tutti gli F-35A in forza al 56° Fighter Wing, responsabile dell’addestramento dei piloti. “Anche se un gruppo di F-35 può arrivare dove è necessario e ammesso che sia necessario, qual è il vantaggio se non può compiere le sue missioni?”

A giugno, 55 F-35 della Lockheed Martin, pari ad un quarto dell’intera flotta prodotta e consegnata, sono stati messi a terra a tempo indeterminato a causa dei problemi legati all’irregolare sistema di erogazione dell’ossigeno per i piloti. Nella nota diramata questa mattina dall’USAF, si annuncia la sospensione delle operazioni di volo, a tempo indeterminato, di tutti gli F-35 in forza al 56° Fighter Wing, presso la base aerea di Luke, a nord-ovest di Phoenix, Arizona, responsabile dell’addestramento dei piloti Usa e della nazioni partner, Italia compresa.

Le operazioni di volo di tutte le altre basi non sono state sospese.

Il business legato alla piattaforma tattica F-35 rappresenta circa il 37 per cento del totale delle entrate per Lockheed. Durante il primo trimestre, i profitti della società dal settore aeronautico sono aumentati dell’8 per cento, prevalentemente per effetto delle maggiori vendite legate all’F-35. I 220 F-35 consegnati, hanno complessivamente volato per 95.000 ore di volo. Una coppia di F-35A è attesa al salone di Le Bourget, a Parigi.

F-35A: flotta messa a terra

La base aerea di Luke ospita l’ F-35 Academic Training Center, responsabile dell’addestramento di tutti i piloti dell’Air Force e della nazioni partner che hanno acquistato la variante a decollo ed atterraggio convenzionale (Italia compresa). Attualmente ospita il più grande rischieramento F-35 al mondo, con una media di 25 missioni di addestramento al giorno. A produzione seriale avviata, presso la Luke AFB dovrebbero essere stabilmente schierati 144 F-35A a supporto del programma di addestramento nazionale ed internazionale per la conversione sulla piattaforma di quinta generazione. La base aerea di Eglin è responsabile dell’addestramento per la variante C. I piloti del Corpo dei Marine, così come quelli inglesi ed italiani che voleranno sulla variante B, si addestrano presso la Marine Corps Air Station di Beaufort, nella Carolina del Sud.

I cinque incidenti, secondo i dati ufficiali del Pentagono, sarebbero avvenuti dal 2 maggio scorso. Accertati casi di ipossia o privazione dell’ossigeno.

“Dallo scorso due maggio, cinque piloti della variante F-35A, assegnati alla Luke AFB, hanno riportato incidenti fisiologici durante il volo. In ogni caso, il sistema di backup ha consentito ai piloti di effettuare le procedure corrette, atterrando in sicurezza. Tutti i piloti, americani ed internazionali, saranno istruiti sulla situazione e sulle procedure per riconoscere i sintomi di ipossia. I piloti saranno inoltre aggiornati su tutti gli incidenti avvenuti e sulle procedure da attuare per recuperare in sicurezza l’aereo. Il 56° Fighter Wing coordinerà l’analisi tecnica degli incidenti fisiologici avvenuti e le possibili opzioni per mitigare il rischio e consentire un ritorno alle operazioni di volo”.

La messa a terra riguarda soltanto i 55 F-35A schierati nella base aerea di Luke. I problemi di ipossia non riguarderebbero le varianti B (decollo corto e atterraggio verticale) e C (per portaerei). Tutte le altre basi continuano regolarmente le operazioni di volo. Eppure, secondo la relazione, gli incidenti si sono verificati con cinque diversi F-35A realizzati con differenti partite di produzione. Nella nota non si precisa se ad essere stati colpiti dall’ipossia siano stati i piloti statunitensi o quelli delle nazioni partner. L’ipossia, una carenza di ossigeno nell’intero organismo, può impedire ai piloti di pensare chiaramente o reagire rapidamente. Gli effetti sono diversi: dai problemi respiratori ad acutezza mentale ridotta fino ad arrivare ad un degrado delle capacità motorie di base ed alla perdita di coscienza.

131212-F-TJ158-508

Il costo totale del programma F-35 è stimato in 319 miliardi di dollari a cui vanno aggiunti 55,13 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo e 4,79 miliardi di dollari in military construction. La fase di ricerca e sviluppo continua a richiedere fondi suppletivi. E’ comunque innegabile una curva di apprendimento efficiente e costante. Ad oggi Lockheed ha ricevuto ordini per 373 F-35, consegnandone 200. Altri 66 saranno consegnati entro il 2017. Gli Stati Uniti dovrebbero acquistare 1763 F-35A per l’Air Force, 353 F-35B e 67 F-35C per il Corpo dei Marine e 260 F-35C per la US Navy.

L’Italia ha acquistato 90 F-35: trenta nella versione B (15 previsti per la Marina ed altri 15 per l’Aeronautica, mentre tre saranno permanentemente destinati negli Stati Uniti per operare presso l’Integrated Training Center) e sessanta F-35A, variante a decollo ed atterraggio convenzionale.

Il problema dell’ipossia

L’ipossia è la mancanza di ossigeno nei tessuti del corpo. Sul terreno gli umani respirano l’aria con una concentrazione di ossigeno del 21 per cento per assicurare che il flusso sanguigno sia sufficientemente ossigenato per rimanere in vita. Quando aumenta l’altitudine e diminuisce la pressione dell’aria, diventa più difficile ottenere l’ossigeno necessario, aumentando la probabilità che l’ipossia si verifichi. Tra i primi sintomi la stanchezza, la confusione, l’incapacità di concentrarsi, la perdita di coscienza e potenzialmente la morte. I caccia moderni garantiscono un sistema di erogazione dell’ossigeno primario ed uno di backup per consentire al pilota di respirare ad altitudini superiori ai 10.000 piedi.

Nel 2011, l’intera flotta F-22 Raptor fu messa a terra per cinque mesi dopo che diversi piloti furono colpiti dai sintomi dell’ipossia. Documentato per la prima volta nel 2008, è stato pubblicamente confermato dal Pentagono soltanto il 16 novembre del 2010, quando il pilota Jeffrey Haney, in avvicinamento presso la base aerea di Elmendorf, vicino Anchorage, Alaska, si schiantò con il suo F-22 a Mach 1,1. La prima contromisura, poi rivelatasi inefficace, fu quelle di fissare una quota massima di 25 mila piedi per le operazioni di volo. La flotta da caccia di quinta generazione fu messa a terra il 3 maggio del 2011. Il malfunzionamento identificato causava la contemporanea interruzione dell’impianto di pressurizzazione e condizionamento e del sistema di generazione dell’ossigeno. Le restrizioni di volo furono rimosse nel settembre del 2011, con l’adozione di ossimetri per misurare la quantità di ossigeno presente nel pilota, segnali acustici per la mancata erogazione, un sistema automatico di backup, una nuova tuta Anti-G e costanti test fisiologici sui piloti.

Il problema dell’erogazione dell’ossigeno continua a riguardare sia la componente da caccia imbarcata (Hornet, Super Hornet e Growler) che quella da addestramento T-45C Goshawk sulle portaerei statunitensi. Le cause che generano questi sintomi restano avvolte nel mistero. Sulle portaerei Usa sono state installate delle camere iperbariche per contrastare gli effetti dell’ipossia.

La Marina è al corrente del problema fin dal 2009, anche se gli episodi sono iniziati a diventare preoccupanti nel 2010. La US Navy ha adottato 19 modifiche nelle cellule Hornet che non si sono rivelate ancora efficaci. Il problema è così grave che la formazione degli equipaggi per contrastare i fenomeni di ipossia avviene una volta l’anno rispetto a quella quadriennale prevista fino al 2010.

Gli F-18 Hornet non sono stati dotati di un sistema di monitoraggio e rilevazione dell’ossigeno che arriva al pilota. I dispositivi non sono mai stati installati: il pilota, quindi, non si rende conto che sta inalando gas potenzialmente nocivi. L’unica soluzione ad oggi prospettata, in attesa delle nuove modifiche al respiratore che non saranno pronte prima della fine dell’anno, è lasciata proprio al pilota. Il pilota colto da ipossia, potenzialmente incapace di pensare ed agire dovrebbe, seconda la Marina, staccare il respiratore e prendere la bomboletta d’ossigeno in dotazione che assicura un’ora d’aria respirabile. Se il pilota si trovasse oltre il raggio operativo, le conseguenze potrebbero essere fatali. La Marina si è detta fiduciosa nella capacità dei piloti di riconoscere i sintomi dell’ipossia. Senza i cacciabombardieri multiruolo di prima linea, i vettori di proiezione nel globo: le portaerei, non avrebbero alcun senso di esistere.

An F-35A Lightning II Joint Strike Fighter takes off on a training sortie at Eglin Air Force Base, Florida

Quest’aeroplano è un problema. Nel 2014, scrivevano degli F-35:

“Le notizie che arrivano dall’altra parte dell’Atlantico confermano che abbiamo fatto bene a volere una moratoria sugli F-35 e a chiedere il dimezzamento delle spese”. L’ultimo stop del Pentagono, che ha deciso di lasciare a terra per ulteriori controlli l’intera flotta degli F-35, non sorprende Gian Piero Scanu, capogruppo Pd in Commissione Difesa alla Camera, uno dei più attivi nell’elaborazione dell’indagine conoscitiva sui sistemi d’arma realizzata dal Partito Democratico.
“Molte delle riserve manifestate dalla Commissione Difesa Pd, e dall’intero gruppo parlamentare alla Camera, discendevano dalla presa d’atto di tutta una serie di riserve e valutazioni critiche espresse soprattutto in sede americana”, osserva Scanu. Con questo altolà (il secondo in sedici mesi per problemi al motore), “il Pentagono conferma di occuparsi in maniera molto seria delle proprie competenze: il rigore, direi doveroso, con cui la Difesa americana tratta questa materia ci tranquillizza molto”.
L’orientamento del gruppo rappresentato da Scanu non è quello di abbandonare il programma. “La nostra partecipazione – sottolinea il deputato – non è in discussione”. Resta il fatto che in una fase di rinegoziazione come quella in corso (in cui l’Italia intende ridurre da 12 a 6 miliardi la spesa destinata ai caccia) è bene non dare nulla per scontato. “Considero impossibile che si possa procedere all’acquisto anche di un solo F-35 senza che ci sia un riconoscimento unanime della sicurezza e della praticabilità di questo strumento”, prosegue il capogruppo. Come dire: la linea generale è quella stabilita (moratoria + dimezzamento dei costi) ma tutto può ancora succedere, perché fino a quando questi aerei – che finora hanno avuto più problemi che altro – non saranno perfettamente ‘a posto’ nessun acquisto potrà essere giustificato.
“Ritirarci sarebbe prematuro. Ci muoveremo col buonsenso”, prosegue Scanu. “Certamente non compreremo nulla che non sia assolutamente affidabile, motivato e giustificato. Il rigore del Pentagono su questo ci tranquillizza”. Gli ultimi difetti tecnici verranno discussi a fine mese in Assemblea, nell’ambito di una mozione che riprenderà quella proposta dai Dem e votata in Commissione Difesa alla Camera.
L’ennesima battuta d’arresto del programma militare più costoso della storia dovrà essere tenuta in conto anche dai relatori del Libro Bianco della Difesa che, nelle intenzioni della ministra Roberta Pinotti, dovrebbe essere pronto entro la fine dell’anno. Il Libro Bianco – che il ministero ha deciso di aprire anche al contributo dei cittadini – conterrà la posizione del governo sugli strumenti necessari al futuro delle nostre forze armate, F-35 inclusi. Una volta che l’esecutivo avrà ultimato il testo, l’ultima parola spetterà in ogni caso al Parlamento in quanto titolare delle decisioni sui sistemi d’arma (come previsto dall’articolo 4 della legge 244 del 2012).

 

E, ora, uno sguardo alle nuove navi portaeromobili italiane

 

cavour-550
Il Cavour CVH 550, di 21.160 tonn., 27.900 tonn. a pieno carico, è una portaerei (incrociatore portaeromobili secondo la classificazione ufficiale) STOVL (a decollo corto ed atterraggio verticale) della Marina Militare italiana. Dal 2011 è la nave ammiraglia della flotta. E’ costata al contribuente 1 miliardo e 350 milioni di euro per il solo scafo, senza la componente aerea imbarcabile di 10 (dieci!)  aerei STOVL/V/STOL  F-35B e 12 elicotteri ASW.  Dove andremo mai con 10 F-35B ? Ma, soprattutto, quale è la dottrina e il pensiero strategico della Marina Militare, visto che l’Italia che va verso un ridimensionamento tale da farla apparire solo una parte di altre Marine Militari europee?

1446029006

La portaerei LHA  Giulio Cesare da 36.000 tonn., in costruzione.

its-lhd-image1

image
E questa è l’LHD tutto ponte, di 21.000 tonn., 180 metri di lunghezza e 25 nodi di velocità, da un miliardo e 126 milioni di euro. L’immagine somiglia poco a una portaerei e mantiene l’aspetto pacifico di un’unità tutto ponte, dedicata alla protezione civile. La vocazione “a doppio uso”, un po’ militare e un po’ umanitario, è infatti quella che ha permesso il varo in Parlamento del piano straordinario da 5,4 miliardi di euro per dotare la Marina di navi moderne e sostenere la cantieristica nazionale. Così il ponte viene presentato ingombro di container con il simbolo della Croce rossa, evidenziato pure sulle tende bianche nella stiva e nell’ampio ospedale di bordo allestito alla carlona “da chi non sa”. Ma le prime informazioni sembrano indicare un progetto molto più agguerrito, destinato a farla diventare la seconda ammiraglia per mostrare la bandiera tricolore sui mari. Facciamo chiarezza! ma non dobbiamo cedere la sovranità?

 

Oggi, è la volta dell’ossigeno, ma domani? Ecco le previsioni, che per l’Italia riguardano la flotta di “mezze” portaerei: Cesare, Cavour, Garibaldi, già di loro di difficile collocazione nel panorama strategico, cioè, o troppo grandi o troppo piccole.

lockheed-martin-f-35-lightning-ii-above-the-crater-50949-1920x1080

I costi operativi dell’F-35 della Lockheed Martin Corp. si gonfieranno, a meno che la scarsa affidabilità del programma più costoso del Pentagono migliori, secondo una valutazione dell’ufficio dei test del dipartimento della Difesa. Aereo e componenti non sono affidabili quanto previsto, e richiedono più tempo per le riparazioni del previsto, secondo la presentazione del direttore dei test operativi ai funzionari della difesa e agli assistenti del congresso. Circa il 20 per cento degli aviogetti deve aspettare le componenti dai depositi perché i fornitori non possono tenere il passo tra produzione mentre inviano le componenti per le riparazioni. L’attenzione si concentra su costi e ritardi in quello che ora è un programma da 379 miliardi di dollari, previsti per acquisire una flotta di 2443 caccia per Air Force, Navy e Marine Corps. Ma operare e mantenere gli aviogetti nei prossimi decenni è un’altra seria sfida che può distruggere il bilancio del Pentagono. La disponibilità di pezzi di ricambio per i 203 F-35 già assegnati “peggiora, influenzando il rateo di volo” e l’addestramento dei piloti, secondo una presentazione dell’8 maggio ottenuta da Bloomberg News. I tassi di affidabilità collegati a “guasti critici sono peggiorati nell’ultimo anno”, dato che il miglioramento “stagna”.

Affliggendo il bilancio
Queste tendenze significano che i costi del “ciclo di vita” a lungo termine degli aeromobili “probabilmente aumenteranno in modo significativo” rispetto alla stima attuale di 1,2 trilioni di dollari, influenzando i budget delle forze armate, secondo la presentazione che aggiorna la relazione annuale di gennaio. Joe DellaVedova, portavoce dell’ufficio del programma F-35 del dipartimento della Difesa, dichiarava in un’email che dal 2015 la stima dell’ufficio delle spese operative annuali, compresi i costi di volo, è diminuita del 2,2 per cento per la versione dell’Air Force, del 3,3 per cento per i Marine Corps e il 4,2 per cento per la Navy. “Queste riduzioni sono il risultato di maggiore manutenzione e operatività; mente i sistemi d’arma maturano, il progetto si stabilizza e la manutenzione diventa più efficiente ed efficace”. Il presidente Donald Trump ha chiesto 70 F-35 nel bilancio 2018, dai 63 dell’anno scorso. I due principali comitati sulla Difesa della Congresso hanno segnalato questa settimana di volerne aggiungere addirittura altri 17. Anche i negoziati tra Lockheed e Pentagono sono in corso per un “blocco di acquisto” di 445 aerei per Stati Uniti ed alleati. La presentazione dell’ufficio dei test fornisce una panoramica delle tendenze di affidabilità, manutenzione e disponibilità che in gran parte decide se forze armate e alleati possono permettersi di acquistare tutti gli aerei previsti, perché la maggior parte dei costi è assorbita da operazioni a lungo termine e supporto.

article-2069340-0ef1a08f00000578-324_634x397

“Notoriamente scadente”
“Anche se un squadrone di F-35 può arrivare dove è necessario, qual è il vantaggio se non compie le missioni?” commenta l’analista Dan Grazier del Progetto per il controllo governativo di Washington sulla valutazione di gennaio dell’ufficio dei test. “Questo è uno dei problemi più duraturi del programma F-35. La flotta ha avuto un record notevolmente scadente di affidabilità”. L’ufficio dei test ha affermato nell’ultima valutazione che l’andamento della disponibilità degli aeromobili nei test di volo o addestramento “è stato scarso negli ultimi due anni perché le iniziative per migliorare l’affidabilità” non si traducono ancora in maggiore disponibilità”. I Marines hanno provveduto a far sospendere i voli degli aviogetti di base a Yuma, in Arizona, per problemi di affidabilità del programma del sistema diagnostico di manutenzione. La disponibilità di volo degli F-35 nel tempo dovuto, è pari al 52 per cento, a dispetto dell’obiettivo intermedio del 60 per cento e dell’80 per cento necessario per avviare i test di combattimento l’anno prossimo. DellaVedova non contesta il 52 per cento, dicendo che i tassi di disponibilità “dovrebbero aumentare mentre i nuovi F-35 vengono consegnati ogni mese”. Il 52 per cento è il dato combinato di aerei recenti e più vecchi, ha detto, e i nuovi aeromobili mostrano “una significativa migliore affidabilità e disponibilità”. Il 388esimo stormo caccia dell’Air Force della base aerea di Hill, Utah, attualmente dice che i suoi aerei sono disponibili al 73 per cento del tempo necessario.

‘Effetto positivo’
Della Vedova ha dichiarato che il programma migliora anche la previsione sulle necessità delle parti di ricambio e il tempo necessario per le riparazioni, “tutte hanno un effetto positivo”. Il tenente-colonnello Roger Cabiness, portavoce dell’ufficio dei test, ha affermato che i temi citati nella presentazione dell’8 maggio persistono, anche se alcuni dati specifici citati sono cambiati “in quanto il programma continua ad adottate correzioni e scoprire nuove carenze” nella fase di sviluppo da 55 miliardi di dollari, che si prevede termini all’inizio del prossimo anno. Cabiness affermava che i dati di affidabilità più recenti, che l’ufficio dei test ha ricevuto dopo l’informativa dell’8 maggio, indicherebbero che “complessivamente, il rateo è peggiorato” per i velivoli di Air Force e Marine Corps e migliorato per la versione della Navy. L’Air Force acquista il grosso degli F-35. Un rateo chiave è il numero medio di ore di volo tra i guasti critici, che potrebbero rendere un aereo inaffidabile o incapace di completare la missione. L’obiettivo degli F-35 dell’Air Force è 20 ore tra i guasti dopo 75000 ore di volo. Dall’agosto scorso, i modelli dell’Air Force avevano in media solo 7,3 di ore tra i guasti dopo 34197 ore di volo, secondo la presentazione dell’ufficio dei test.

lockheed-martin-f-35-lightning-ii-wide-wallpaper-14206

 

1255.- QUANTE ARMI SERVONO AGLI ITALIANI? PORTAEREI, F-35 E, POI,TANK ED ELICOTTERI D’ATTACCO PER 1 MILIARDO

Armi, Parlamento dà l’ok all’acquisto di tank ed elicotteri d’attacco per 1 miliardo

Schermata 2017-06-26 alle 09.15.48.pngimages-1

Dopo il Via libera di novembre, dalle commissioni Difesa e Bilancio di Camera e Senato, l’Esercito sta procedendo all’acquisto dei primi Centauro 2 prodotti dal consorzio Iveco-Oto Melara al costo di 530 milioni ciascuno e dei prototipi dei Mangusta 2 prodotti da Leonardo Elicotteri, anche questi, più o meno, per 487 milioni. Molte le perplessità che riguardano i nuovi mezzi. Innanzitutto i costi elevatissimi
Come di consueto ormai per quasi tutti i maggiori programmi d’armamento della Difesa, a pagare sarà il ministero dello Sviluppo economico, integralmente per quanto riguarda gli elicotteri e prevalentemente per i carri armati. Per i carri Centauro 2 è stata finanziato solo l’acquisito della prima tranche di 50 mezzi(di cui 11 prototipi) ma l’Esercito ne vuole comprare 136. Per gli elicotteri Mangusta 2 il finanziamento riguarda solo 3 prototipi, ma il programma prevede in tutto 48 velivoli. Parliamo quindi di programmi che impegneranno i futuri governi a spendere diversi miliardi di euro.

Molte le perplessità che riguardano questi nuovi mezzi. Innanzitutto i costi elevatissimi, anche tenendo conto dell’inserimento dei costi di “supporto logistico decennale” a carico del produttore. Il Centauro 2 costa quasi 11 milioni a macchina: una cifra altissima, non solo rispetto ai 2 milioni di euro del Centauro 1 e ai 4,4 milioni del carro Ariete, già inutile “nelle sconfinate pianure italiane!” (entrambi mezzi degli anni ’90), ma perfino ai 6,6 milioni degli omologhi blindati Freccia (in servizio da pochi anni e ancora in fase di acquisizione). Il Mangusta 2 costa addirittura 162 milioni, quasi dieci volte tanto il Mangusta 1: uno sproposito anche considerando i costi di manutenzione.

I principali dubbi riguardano la reale necessità di comprare queste nuove costosissime macchine da guerra. I 136 carri Centauro 2 si andranno a sommare ai 630 nuovi blindati da combattimento Freccia, a 181 carri armati Ariete e Leopard e 200 carri ‘Dardo’ (per citare solo i mezzi pesanti). Una forza corazzata sovradimensionata rispetto alle esigenze operative nazionali, che infatti risponde ad esigenze di natura diversa, industriale e commerciale.

Come si legge nel documento della Difesa relativo al programma, “la produzione estensiva di sistemi per il cliente nazionale è il prerequisito di referenza indispensabile ad ogni opportunità di vendita all’estero”. Cioè: ne dobbiamo comprare tanti non perché servono all’Esercito, ma per poter lanciare il prodotto sul mercato internazionale. In sostanza lo Stato si mette al servizio dell’industria militare nazionale, prima assumendosi il rischio d’impresa tramite il finanziamento di tutta la fase di progettazione, sviluppo e realizzazione dei veicoli prototipali pre-serie, poi garantendo tramite grosse commesse il finanziamento della fase di industrializzazione e produzione su vasta scala, infine agendo come procuratore di commesse estere.

images

Stesso discorso per gli elicotteri Mangusta 2, la cui esigenza risulta incomprensibile se si considera che i Mangusta 1 sono stati appena aggiornati alla versione ‘Delta’ compiendo – parole della Difesa – “un salto generazionale” rispetto alla precedente versione in termini di prestazioni e armamento. La logica, anche qui, è puro marketing: “Lo sviluppo del nuovo velivolo – si legge nel documento della Difesa presentato al Parlamento – collocherebbe l’industria nazionale in posizione di vantaggio sul mercato internazionalein una finestra temporale nell’ambito della quale potrebbero essere concretizzate ottime opportunità di collaborazione e/o vendita”.

Il documento cita addirittura l’esempio virtuoso del Mangusta 1 “sulla base della quale è stata sviluppata una versione per l’estero che è stata acquistata dalla Turchia” – che ora, per inciso, li usa per bombardare i villaggi curdi.

1219.- Un attacco hacker indirizzato contro la flotta strategica del Regno Unito avrebbe conseguenze catastrofiche.

1466845411-thanga-britain-subm-273177f

 

E’ questa la conclusione del rapporto Hacking UK Trident: A Growing Threat, a firma dell’influente think tank inglese British American Security Information Council, meglio noto come BASIC. Nelle 38 pagine si analizzano le criticità dell’architettura Trident, ritenuta vulnerabile ad un attacco hacker che, secondo l’istituto di ricerca, sarebbe in grado di rendere inutilizzabile qualsiasi tipo di risposta nucleare inglese.

La classe Vanguard

La capacità deterrente della Royal Navy si basa si quattro sottomarini classe Vanguard, armati con missili balistici Trident-II D5 equipaggiati con testate Mirv/Marv costantemente aggiornati da 46 anni. Ogni sottomarino classe Vanguard ne trasporta sedici per 200 testate termonucleari a rientro multiplo indipendente, scesi a otto in base ai trattati del 2010 per 40 testate. La ridondanza inglese prevista dalla Continuous At-Sea Deterrence, si basa su un sottomarino strategico a propulsione nucleare sempre in navigazione a copertura di possibili bersagli, uno in riserva e due in addestramento/manutezione. La più grande base missilistica della Gran Bretagna si trova in Scozia ed ospita l’intera forza strategica inglese. Dal 1998, il Trident rappresenta l’unico sistema deterrente nucleare della Gran Bretagna. Sebbene relativamente moderni, i sottomarini a propulsione nucleare classe Vanguard, entrati in servizio nel 1990, necessitano di continui interventi di manutenzione. Il comando centrale dei Vanguard si trova in Scozia, nella base di Clyde nota come Faslane. I Vanguard saranno sostituiti nel 2030/2035 da una nuova classe di sottomarini balistici, mentre il governo continuerà a supportare l’asset basato sui Trident, pena la fine della capacità deterrente sub-lanciata inglese. I Trident II / D5 armeranno anche i nuovi sottomarini strategici inglesi.

Hacking UK Trident: A Growing Threat

“Un attacco informatico potrebbe neutralizzare completamente le operazioni, con conseguenze catastrofiche sulle testate nucleari. Il Ministero della Difesa ha ripetutamente affermato che i sistemi operativi dei sottomarini nucleari britannici non possono essere violati in mare perché non collegati sulla rete in quel momento. E’ senza dubbio vero: quando in pattugliamento, i sottomarini non sono collegati ad internet o ad altre reti, tranne quando ricevono dati molto semplici dall’esterno. Tuttavia, l’architettura Trident non è al sicuro poiché se da un lato è vero che un sottomarino in pattugliamento non può essere attaccato in forma digitale, dall’altro è vulnerabile quando ancorato alla base di Faslane, in Scozia, per manutenzione. I sistemi informatici, come quelli dei Trident non sono collegati a Internet o a qualsiasi altra rete civile. Tuttavia, la nave, i missili, le testate e tutti i sistemi di supporto si basano su computer, dispositivi e software, ognuno dei quali deve essere progettato e programmato. Tutti incorporano dati univoci e devono essere regolarmente aggiornati, riconfigurati e patchati”.

Sarebbero diverse le vulnerabilità informatiche riscontrate nell’architettura Trident.

“Per ridurre il rischio sarebbe necessaria una massiccia ed inevitabilmente costosa operazione per rafforzare la resilienza dei subappaltatori, i sistemi di manutenzione, la progettazione dei componenti e gli aggiornamenti software. Una spesa di diversi miliardi di sterline da spalmare nei prossimi 15 anni”.

La segmentazione della rete non può essere considerata una difesa efficace contro tutti i cyber-attacchi.

Violare la classe Vanguard

I sottomarini classe Trident, considerando l’intero ciclo di vita, resteranno in mare soltanto il 30-45% del loro tempo.

L’introduzione di malware autonomi potrebbe avvenire durante le fasi di approvvigionamento, configurazione o aggiornamento dei software. Una trasmissione radio in remoto, ad esempio, potrebbe essere utilizzata per attivare qualsiasi malware dormiente in uno dei sistemi primari, qualora avesse accesso al software di ricezione.

“E’ più probabile che il malware venga preconfigurato per attivarsi in risposta a un evento particolare, come ad esempio il lancio di un missile. Proprio i malware preinstallati potrebbero causare una catena di eventi in un attacco multidimensionale. Negli scenari analizzati, il sottomarino colpito da un cyber-attacco potrebbe addirittura interrompere una risposta nucleare o modificare le coordinate dei missili o neutralizzare le testate”.

Londra: come si ordina una rappresaglia nucleare

Soltanto il Primo Ministro può autorizzare il lancio dei missili balistici Trident, secondo rigorosi protocolli di autenticazione. I codici verificano soltanto l’identità del Primo Ministro. Da rilevare che i Trident inglesi non dispongono del Permissive Action Link installato sui missili statunitensi. Il CTF 345 di Northwood, l’unica struttura di collegamento con i Vanguard in pattugliamento, è responsabile dell’autenticazione dei codici. Abilitati i lancio, il CTF 345 invia gli ordini, tramite Emergency Action Message, al sottomarino. Il two-person concept, impedisce l’uso accidentale di armi nucleari. I due ufficiali che custodiscono le sole chiavi del pannello di controllo, devono concordare sui codici preformattati ricevuti ed in forma integra ricevuti. Nel messaggio anche il tipo di opzione nucleare prescelta dal Primo Ministro. Solanto nel caso in cui il Regno Unito cessasse di esistere dopo un attacco nucleare preventivo, il comandante dell’unità aprirebbe la lettera di ultima istanza, custodita in una cassaforte nel ponte della sala di controllo e ne seguirebbe le istruzioni.

Le Lettere di Ultima Istanza

Al momento del suo insediamento, il Primo ministro inglese, a cui è conferita la capacità di ordinare un attacco nucleare, scrive a mano le quattro “Letters of last resort”. Ogni lettera rappresenta l’incertezza del deterrente ed è immediatamente riposta dai servizi segreti nella cassaforte della sala di controllo di ogni sottomarino. Il comandante del sottomarino deve avere una ragionevole certezza che un disastro nucleare abbia colpito il Regno Unito. Qualora fallissero i tentativi di entrare in contatto con il Comando Navale e se non venissero captate le principali emittenti radio inglesi, come i programmi sulla BBC Radio 4, il comandante del sottomarino aprirà il documento sigillato. Il contenuto di quelle lettere rappresenta l’ultimo ordine diretto del governo britannico, che si ritiene possa essere stato cancellato da un attacco nucleare preventivo. Il vertice dell’autorità politica, il Primo ministro (vi è anche una seconda figura designata non pubblica), concede all’autorità militare, il comandante del sottomarino, la completa autonomia decisionale sul lancio dei missili strategici e consigli, come quello di mettere l’unità sotto il comando degli Stati Uniti (qualora esistessero ancora) o di fare rotta verso l’Australia. Quelle lettere rappresentano sia il testamento di chi le scrive che l’ordine di ritorsione contro chi ha presumibilmente cancellato la Gran Bretagna.

Il problema dell’affidabilità dell’arsenale nucleare della Royal Navy

Tra il 2008 e il 2013, il Ministero della Difesa inglese ha registrato 316 incidenti di sicurezza nucleare. Questa definizione generale include sia la contaminazione radioattiva che le carenze nei protocolli di sicurezza standard. Tre quarti dei 262 incidenti registrati tra il 2008 ed il 2012 sono imputabili ad un errore umano. Nella base di Clyde nota come Faslane, si sarebbero verificati la maggior parte degli incidenti che, secondo il Ministero della Difesa inglese, non hanno mai causato danni a militari e civili. Nella base inglese di Devonport (poco distante dalla città di Plymouth), la più grande base navale in Europa occidentale, si sono verificati alcuni incidenti, compresa la perdita di alimentazione per 90 minuti al sistema di raffreddamento del reattore di un sottomarino nucleare. Preoccupazioni confermate anche da un documento del 2011, precedentemente classificato e poi reso pubblico, sulla pericolosità dei reattori nucleari dei sottomarini basati a Devonport. Nonostante lo scafo di un sottomarino sia progettato per contenere la maggior parte del materiale radioattivo all’interno, qualche perdita è ritenuta probabile. Se un sottomarino nucleare dovesse esplodere a Devonport, contaminerebbe nell’immediato un’area di due chilometri, raggiungendo Plymouth. Il problema dei reattori ad acqua pressurizzata è noto. Qualora cedesse il circuito primario, si potrebbe verificare un immediato aumento della temperatura del reattore con possibile rilascio di radiazioni dal nocciolo. Un episodio simile, per intenderci, alla tragedia del K-19, nel 1961. A Devonport gli inglesi hanno diversi sottomarini dismessi e svariate tonnellate di barre di combustibile nucleare. Ed il numero dei sottomarini nucleari dismessi continuerà ad aumentare.

Il mistero del Trident lanciato contro gli Usa

Nel giugno dello scorso anno sarebbe avvenuto, Londra ha ordinato il silenzio stampa, un presunto test fallito di un missile balistico Trident II D5. Lo scorso giugno, il sottomarino balistico a propulsione nucleare della Royal Navy, l’HMS Vengeance, durante una serie di test programmati, ha lanciato un missile balistico Trident disarmato. La quarta unità della classe Vanguard, prima di raggiungere Port Canaveral, in Florida, base statunitense utilizzata dalla Royal Navy per i test finali, ha subito interventi di manutenzione presso l’HMS Drake di Devenport. L’obiettivo del missile Trident era localizzato nel cosiddetto campo di tiro orientale, al largo della costa occidentale dell’Africa. Qualcosa però sembra essere andato storto: il missile sembrerebbe aver fatto rotta verso la costa della Florida. Il lancio di un missile balistico è un evento raro, ma molto pubblicizzato dal governo che lo effettua. Il Regno Unito ha lanciato soltanto cinque Trident nel XXI° secolo: ogni missile costa circa 21 milioni di dollari. Tuttavia, per il lancio del giugno dello scorso anno, la Royal Navy non ha rilasciato alcun report o video sul test di volo effettuato. Subito dopo l’espulsione del missile, sarebbe avvenuto un qualche tipo di malfunzionamento. Il Trident, invece di volare attraverso l’Atlantico, avrebbe fatto rotta verso la terraferma americana. Downing Street ha immediatamente posto il segreto militare sull’operazione ed imposto il silenzio stampa sulle dinamiche del test. La componente Trident rappresenta la spina dorsale del deterrente strategico britannico: un malfunzionamento di un tale asset potrebbe portare a perdite inimmaginabili. In un breve comunicato sul blog del Ministero della Difesa inglese, si legge che “l’HMS Vengeance ha condotto un test di volo di ruotine: la prontezza al combattimento dell’equipaggio e dell’unità è stata certificata con successo. Il governo non fornisce ulteriori dettagli sulle operazioni sottomarine per ovvie ragioni di sicurezza nazionale”.

Nessun commento da Lockheed Martin, produttore dei Trident. La produzione dei D5 è al momento fissata a dodici missili l’anno.

Secondo i media britannici, il “governo inglese avrebbe deciso di insabbiare il fallimento del missile balistico a causa dell’imminente dibattito che si sarebbe svolto poche settimane dopo in Parlamento per il voto cruciale sul futuro del programma deterrente nucleare della Gran Bretagna, pari a 40 miliardi di sterline”.

fonte Il Giornale.it

1211.- AI FANATICI DELLA NATO TRUMP NON E’ PIACIUTO.

timthumb.php

No, non ha ripetuto che l’Alleanza Atlantica è “obsoleta”. Ma col linguaggio del corpo, Trump è stato inequivocabile. A  cominciare da  come ha sbattuto da parte il primo ministro del Montenegro Dusko Markovic, prossimo membro della NATO: certo,   Donald non lo conosceva (e chi mai lo conosce?) ma l’atto è altamente  simbolico: Stoltenberg e i servi europei di Obama hanno voluto  il Montenegro nella NATO, contro Mosca, a tutti i costi,  al punto da tentare un colpo di Stato per farlo.  Per il resto, ha ripetuto agli alleati a muso duro: pagate per la nostra protezione. Un discorso da commerciale, il che è un benefico miglioramento rispetto  moralismo bellicista coltivato dai Stoltenberg e dai Tusk in funzione anti-Mosca, il Bene  in lotta contro il Male, contro il Putin “aggressivo alle frontiere”.

Soprattutto, attenzione, Trump si è rifiutato di evocare esplicitamente l’articolo 5: ossia il principio che l’attacco ad un solo membro dell’Alleanza sarà considerato automaticamente un attacco a tutti. Ogni presidente americano prima di lui ha ripetuto l’impegno a rispettare l’aricolo 5, ad alta ed esplicita voce;  a Trump  era stato chiesto, con insistenza, dietro le quinte; lui, duro, niente. Un anonimo funzionario della Casa Bianca ha spiegato poi che l’impegno all’articolo 5 veniva da sé…

Ma no, ha  risposto The Guardian fremente di rabbia: “Per gli alleati, specie per quelli sulla frontiera d’Europa all’ombra di una Russia sempre più aggressiva, non va da sé”. Insomma i baltici e la Polonia “avevano bisogno di sentirlo dalle labbra del presidente, e non l’hanno sentito”.  Il  Guardian giunge al punto di dire:   “L’ostinazione del suo rifiuto di usare il linguaggio  che è stato consueto a tutti i presidenti di prima, ha rafforzato i diffusi e persistenti  riferimenti che Mosca ha una qualche  influenza sul presidente”: il che è la solita accusa demente  a cui in Usa gli anti-Trump cercano invano di dare concretezza, ma è  bello vedere un giornale progressista  schierarsi coi più guerrafondai dell’Alleanza.

“Un grave colpo per l’Alleanza”, ha commentato un ex ambasciatore americano alla NATO, Ivo Daalder

Invece di nominare Mosca come nemica, Trump alla NATo ha dedicato molti passi alla “lotta contro il terrorismo e contro l’immigrazione”, e ancora una volta il Guardian non si contiene dal commentare: “Non è chiaro che ruolo si aspetti che la NATO svolga  nella gestione dell’immigrazione”. Chissà, magari bombardare meno la Siria? Smettere di destabilizzare la Libia? Sparare agli scafisti?

“La  prima visita di Trump era una opportunità di unire l’Alleanza; purtroppo, la NATO è oggi più divisa che mai”, ha commentato l’ex ambasciatore Daalder. Del che personalmente non ci addoloreremo troppo.

Perché Macron riceve Putin, a Versailles

Un altro colpo all’Alleanza  è pronto:  sorprendentemente, il neo-presidente Emmanuel Macron  sta per ricevere Putin. Lo riceverà a Versailles, laddove fu ricevuto nel 1717 Pietro il Grande, gesto altamente simbolico.  Il motivo per cui  Macron  ha  deciso di dedicare alla Russia la prima visita ufficiale che accoglie, è molteplice. Da una parte, si tratta di correggere l’orrenda mascalzonesca ostilità che Hollande ha dedicato a Mosca, a cominciare dal rifiuto di venderle le navi Mistral che aveva pagato, fino a  provocare Putin a annullare una sua visita  a  Parigi un anno fa, per le restrizioni offensive che Hollande aveva posto al  viaggio. Una stupidità politica e diplomatica senza precedenti.

Più vicini di quanto si creda?

L’altro motivo è che Macron ha bisogno di una sponda, in vista della dura opposizione che si aspetta dalla Merkel:  il giovinotto ha promesso di “fare le riforme” (tagli ai salari) come Angela chiede, ma per poter poi esigere “un bilancio comune della zona euro controllato da un parlamento dell’eurozona”.  Buona fortuna:   vuol costringere Berlino a mettere in comune i suoi surplus con i deficit e debiti  italiani, spagnoli, francesi, greci,  in un debito pubblico condiviso e solidale.   Ciò ovviamente non avverrà mai: la Germania ha sempre ripetuto a tutti, “prima”, fate le riforme. Ossia riducete il bisogno di solidarietà, anzi fate sparire il bisogno di  solidarietà  verso i paesi in deficit, e solo poi noi accederemo alla solidarietà.  In questo però Trump  ha dato una   mano insperata a  Macron, ripetendo che la Germania è “cattiva” per via dell’enorme surplus (280 miliardi) della sua bilancia commerciale.

Insomma   la situazione è in movimento.   Di fatto, fino ad oggi, è stata la Germania non solo a dettare la linea ostile a  Putin nella UE, ma anche a fare  la sola interlocutrice (e grassi affari)  a nome della UE con la Russia; ora Macron, certo su consiglio del suo creatore Attali, sta cercando di riprendere una certa iniziativa in fatto di politica estera, una vaga eco di gollismo…

Un’altra ragione è che, al contrario di Hollande, Macron non ha manifestato  alcuna voglia di impegnare le forze armate francesi contro Assad,  nella “lotta al terrorismo”, insomma ha dei motivi per allentare un po’ l’impegno  bellicista  in Medio Oriente. Lo ha detto in modo singolarmente esplicito: “Metterò fine agli accordi che favoriscono il Katar in Francia. C’è  stata troppa compiacenza…”. Il Katar? Il massimo finanziatore (in concorrenza con l’Arabia Saudita, più che in coordinamento)  dei terroristi in Siria, è un cliente  di gran valore   per la Francia, perché compra i suoi “Rafale”.

Ryad e il Katar ai ferri corti, quasi in guerra

Un grosso affare che profuma di scandali mal coperti e di mazzette miliardarie, di cui non ci si stupirebbe di apprendere, un giorno, che alcune sono finite nelle tasche di Hollande e del suo entourage:  tutto l’affare è stato basato sulla “amicizia personale” fra Hollande  e il pretendente al trono katarino Tamim bin Hamad Al Thani, spesso invitato all’Eliseo;  reciprocamente, Hollande ha visitato il Katar due volte, confricandosi coi miliardari locali.

Al Thani sotto attacco saudita.

Ora, sta succedendo qualcosa di grave proprio alla   famiglia Al Thani  del Katar:  la sua tv Al Jazeera è stata attaccata e silenziata da hackers; la tv saudita Al Arabyia ha dato notizia che il Katar “ha convocato i suoi ambasciatori dall’Arabia Saudita ,  Bahrein, Egitto, Emirati”: notizia falsa, che   il Katar ha dovuto smentire.

Sono, come si è potuto intuire, atti di ostilità messi in atto dal principe saudita Bin Salman (notoriamente “Impulsivo”)  che comanda al posto del vecchio re Alzheimer, contro   il mal sopportato concorrente in terrorismo. Fonti chiaramente saudite attribuiscono al katarino Al Thani  propositi come: Hezbollah è “un movimento di resistenza” (fra i wahabiti è obbligo definirlo “terrorista”),  “c’è della pazzia nel voler persistere in ostilità verso l’Iran”, lui,  Al Thani, vuole “cooperare  coi vicini a portare la pace nella regione”, intrattenendo buone relazioni sia con l’Iran sia con gli Usa, le cui truppe “proteggono il Katar dalle  voglie territoriali dei vicini” (delicata allusione a contestazioni confinarie coi sauditi).

Al Jazeera vittima di hackers (no, stavolta non è stato Putin).

Sono frasi che fanno di Al Thani un filo-sciita e dunque, per i Saud e i wahabiti in genere,   un candidato alla decapitazione  come kafir. Non si sa se le abbia davvero pronunciate, anzi si tende ad escluderlo: si tratterebbe di “fake news” messe in  giro per ordine della corte saudita, e dell’impulsivo Bin Salman, che ha un modo tutto suo di usare l’informazione. Certo è che  ciò avviene a sole  48 ore dalla visita di Trump con la sua volontà di  costituire una “NATO del Golfo”   per  combattere il “terrorismo” iraniano.

Gran disordine sotto il cielo, dunque tempi eccellenti. O almeno meno peggio del prevedibile.

Minolta DSC      Maurizio Blondet 26 maggio 2017

1209.- Foreign Policy: la Germania sta silenziosamente costruendo un esercito europeo sotto il suo comando

22xJ6H58

Hitler è risorto nel silenzio dei media…Germania pronta a reclutare volontari in tutti i Paesi UE.

 

 Dal crollo del Muro di Berlino, venuta meno la minaccia sovietica, le forze armate tedesche sono state costantemente ridimensionate in numero e investimenti, tanto che nel 2014 un’indagine parlamentare ne denunciava la scarsa operatività. Ma, diventata il nuovo egemone europeo grazie alla crisi dell’euro e spronata dagli alleati, USA inclusi, ad assumere un maggiore ruolo militare, negli ultimi anni la Germania ha aumentato gli investimenti nella difesa e, per accelerare il recupero delle capacità militari, grazie ad una propria iniziativa all’interno della NATO, ha iniziato a integrare nel proprio esercito alcune divisioni di paesi alleati satelliti, con rapporto di mutuo beneficio per i partecipanti. Così, mentre a Berlino si discute anche della possibilità di dotarsi dell’atomica, silenziosamente la Germania sta costruendo il potenziale nucleo di una futura forza armata dell’Unione Europea, ovviamente sotto il suo comando.

di Elisabeth Braw, 22 maggio 2017 –  Foreign Policy.

Ogni pochi anni, l’idea di un esercito dell’UE torna a farsi strada tra le notizie, facendo molto rumore. Per alcuni è un’idea fantastica, per altri un incubo: per ogni federalista di Bruxelles convinto che una forza di difesa comune sia ciò che serve all’Europa per rilanciare la sua posizione nel mondo, ci sono quelli, a Londra e altrove, che inorridiscono all’idea di un potenziale rivale della NATO.

Ma quest’anno, lontano dall’attenzione dei media, la Germania e due dei suoi alleati europei, la Repubblica Ceca e la Romania, hanno silenziosamente fatto un passo  avanti radicale verso un qualcosa che assomiglia ad un esercito UE, evitando le complicazioni politiche che questo passo comporta: hanno annunciato l’integrazione delle loro forze armate.

L’intero esercito della Romania non si unirà alla Bundeswehr, né le forze armate ceche diventeranno una semplice divisione tedesca. Ma nei prossimi mesi, ciascun paese integrerà una brigata nelle forze armate tedesche: l’81a Brigata Meccanizzata della Romania si unirà alla Divisione delle Forze di Risposta Rapida della Bundeswehr, mentre la 4a Brigata di Dispiegamento Rapido della Repubblica Ceca, che ha servito in Afghanistan e in Kosovo ed è considerata la punta di lancia dell’esercito ceco, diventerà parte della Decima Divisione Blindata tedesca. Così facendo, seguiranno le orme di due brigate olandesi, una delle quali è già entrata a far parte della Divisione delle Forze di Risposta Rapida mentre l’altra è stata integrata nella Prima Divisione Blindata della Bundeswehr. Secondo Carlo Masala, professore di politica internazionale presso l’Università della Bundeswehr a Monaco di Baviera, “il governo tedesco si sta dimostrando disposto a procedere verso l’integrazione militare europea” – anche se altri paesi del continente ancora non lo sono.

Il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha ripetutamente ventilato l’idea di un esercito dell’Unione europea, solo per ricevere in risposta derisione o un imbarazzato silenzio. È così anche adesso che l’UK, eterno nemico dell’idea, sta uscendo dall’unione. C’è poco accordo tra i rimanenti Stati membri su come dovrebbe essere organizzata esattamente una simile forza ed a quali  competenze le forze armate nazionali dovrebbero conseguentemente rinunciare. E così il progresso è stato lento.

A marzo di quest’anno, l’Unione europea ha creato un quartier generale militare congiunto – ma ha soltanto la responsabilità dell’addestramento delle missioni in Somalia, Mali e Repubblica Centrafricana e ha un magro personale di 30 unità. Sono state progettate anche altre forze multinazionali, come il Gruppo da Battaglia del Nord, una piccola forza di reazione rapida di 2.400 militari formata dagli Stati baltici, da diversi paesi nordici e dai Paesi Bassi, e la Forza Congiunta di Spedizione della Gran Bretagna, una “mini NATO” i cui membri includono gli Stati baltici, la Svezia e la Finlandia. Ma in assenza di adeguate opportunità di schieramento, questi gruppi operativi potrebbero anche non esistere.

Tuttavia sotto la blanda etichetta del Framework Nations Concept, la Germania ha lavorato a qualcosa di molto più ambizioso: la creazione di quella che sostanzialmente è una rete di mini-eserciti europei, guidata dalla Bundeswehr.

“L’iniziativa è scaturita dalla debolezza della Bundeswehr“, ha dichiarato Justyna Gotkowska, analista di sicurezza dell’Europa settentrionale presso il think tank polacco Centro per gli Studi Orientali. “I tedeschi hanno capito che la Bundeswehr doveva colmare le lacune delle sue forze terrestri … per guadagnare influenza politica e militare all’interno della NATO“.

Un aiuto da parte dei partner potrebbe essere la carta migliore a disposizione della Germania per rinforzare rapidamente il suo esercito – e i mini-eserciti a guida tedesca potrebbero essere l’opzione più realistica per l’Europa, se deve considerare seriamente la sicurezza comune. “È un tentativo per impedire che la sicurezza comune europea fallisca completamente“, ha detto Masala.

“Lacune” della Bundeswehr è un eufemismo. Nel 1989, il governo della Germania Occidentale spendeva il 2,7% del PIL per la difesa, ma nel 2000 questa spesa era scesa all’1,4%, dove è rimasta per anni. Infatti, tra il 2013 e il 2016, la spesa per la difesa è rimasta bloccata all’1,2% – lontano dal livello di riferimento del 2% della NATO. In un rapporto del 2014 al Bundestag, il Parlamento tedesco, gli ispettori generali della Bundeswehr hanno presentato un quadro imbarazzante: la maggior parte degli elicotteri della Marina non funzionava e dei 64 elicotteri dell’esercito solo 18 erano utilizzabili. E mentre la Bundeswehr della Guerra Fredda era composta da 370.000 soldati, la scorsa estate era forte soltanto di 176.015 tra uomini e donne.

Da allora la Bundeswehr è cresciuta a più di 178.000 soldati attivi; l’anno scorso il governo ha aumentato i finanziamenti del 4,2%, e quest’anno la spesa per la difesa crescerà dell’8%. Ma la Germania è ancora molto lontana dalla Francia e dall’UK come forza militare. E l’aumento della spesa per la difesa non è immune da polemiche in Germania, dato che il paese è consapevole della propria storia come potenza militare. Il ministro degli Esteri Sigmar Gabriel ha recentemente affermato che è “completamente irrealistico” pensare che la Germania raggiunga il riferimento di spesa per la difesa della NATO del 2% del PIL – anche se quasi tutti gli alleati della Germania, dai più piccoli paesi  europei agli Stati Uniti, la stanno sollecitando ad avere un ruolo militare più importante nel mondo.

La Germania può non avere ancora la volontà politica di espandere le sue forze militari alle dimensioni che molti sperano – ma ciò che ha avuto dal 2013 è il Framework Nations Concept. Per la Germania, l’idea è di condividere le sue risorse con i paesi più piccoli in cambio dell’uso delle loro truppe. Per questi paesi più piccoli, l’iniziativa è un modo per far sì che la Germania sia più coinvolta nella sicurezza europea, evitando la difficile politica dell’espansione militare tedesca.

“È un passo verso una maggiore indipendenza militare europea“, ha detto Masala. “L’UK e la Francia non sono disposte a prendere la guida della sicurezza europea” – l’ UK è in un via di collisione con i suoi alleati dell’UE, mentre la Francia, un peso massimo militare, ha spesso mostrato riluttanza verso le operazioni multinazionali della NATO. “Resta solo la Germania“, ha detto.

Operativamente, le risultanti unità bi-nazionali sono maggiormente dispiegabili perché sono permanenti (la maggior parte delle unità multinazionali fino ad ora sono state temporanee). Questo amplifica in modo determinante il potere militare dei paesi partner. E se la Germania decidesse di schierare un’unità integrata, potrebbe farlo solo con il consenso del partner minoritario.

Naturalmente, dal 1945 la Germania è stata straordinariamente riluttante a dispiegare il suo esercito all’estero, addirittura  fino al 1990 ha vietato alla Bundeswehr di schierarsi fuori dai confini. In effetti, i partner minoritari – e quelli potenziali – sperano che il Framework Nations Concept farà assumere alla Germania più responsabilità nella sicurezza europea. Finora, la Germania e i suoi mini-eserciti multinazionali non sono altro che delle iniziative su piccola scala, ben lontane da un vero esercito europeo. Ma è probabile che l’iniziativa cresca.

I partner della Germania hanno sfruttato i vantaggi pratici dell’integrazione: per la Romania e la Repubblica Ceca, significa portare le proprie truppe allo stesso livello di addestramento delle forze tedesche; per i Paesi Bassi, ha significato riconquistare competenze coi carri armati (gli olandesi avevano venduto l’ultimo dei loro carri armati nel 2011, ma le truppe della 43a Brigata Meccanizzata, che sono in parte acquartierate con la Prima Divisione Blindata nella città tedesca occidentale di Oldenburg, ora guidano i carri armati tedeschi e potrebbero utilizzarli se schierati con il resto dell’esercito olandese). Il colonnello Anthony Leuvering, comandante della 43a Meccanizzata di base a Oldenburg, mi ha detto che l’integrazione ha avuto veramente pochi intoppi: “La Bundeswehr ha circa 180.000 unità, ma i tedeschi non ci trattano come l’ultima ruota del carro“. Si aspetta che altri paesi si uniscano all’iniziativa: “Molti, molti paesi vogliono collaborare con la Bundeswehr“. La Bundeswehr, a sua volta, ha in mente un elenco di partner secondari,ha dichiarato Robin Allers, un professore tedesco, associato presso l’Istituto norvegese per gli Studi sulla Difesa, che ha visto l’elenco dell’esercito tedesco. Secondo Masala, i paesi scandinavi, che già utilizzano una grande quantità di apparecchiature tedesche, sarebbero i migliori candidati per il prossimo ciclo di integrazione nella Bundeswehr.

Finora, l’approccio empirico di basso profilo del Framework Nations Concept è andato a vantaggio delle Germania; poche persone in Europa hanno obiettato all’integrazione di unità olandesi o rumene con le divisioni tedesche, in parte perché potrebbero non averla notata. E’ meno chiaro se ci saranno ripercussioni politiche nel caso in cui  più nazioni dovessero unirsi all’iniziativa.

Al di fuori della politica, il vero test sul valore del Framework Nations Concept sarà il successo in combattimento delle unità integrate. Ma la parte più complessa dell’integrazione, sul campo di battaglia e fuori, potrebbe rivelarsi la ricerca di una  lingua franca. Le truppe dovrebbero imparare le lingue gli uni degli altri? O il partner minoritario dovrebbe parlare tedesco? Il Colonello Leuvering, olandese di lingua tedesca, riferisce che la divisione bi-nazionale di Oldenburg si sta orientando verso l’uso dell’inglese.

germania_Bunderswehr

Siamo alle porte di una NATO Bis, con chissà quali conflitti e di un balzo avanti rispetto all’Eurogendfor del Trattato di Velsen.

Germania pronta a reclutare volontari in tutti i Paesi UE. 

L’europarlamentare Borghezio, preannunciando un’interrogazione, ha denunciato che, fra gennaio e febbraio, vi sono state, ad opera di navi sospette, moltissime consegne di merce in Europa dopo che le stesse avevano fatto sosta, spegnendo accuratamente i radar, in zone controllate dall’Isis e da Al Queda e si domanda: “Se oggi l’UE non è in grado di contrastare questi traffici, che valore possiamo dare al vasto programma sulla sicurezza e la difesa europea?”

Borghezio osserva non esserci una politica estera dell’Europa degna di questo nome, che definisca chi sono gli amici e i nemici, laddove è invece chiaro che oggi la minaccia viene dal terrorismo islamico e, ultimamente, dalla Turchia che prossima nuovamente a farci invadere.

Per quanto riguarda il progetto di ‘esercito europeo’, Borghezio sottolinea che “c’è già un Paese – la Germania -, la cui Bunderswehr si appresta a reclutare volontari in tutti i Paesi europei come si legge nel nuovo Libro Bianco del Dipartimento della Difesa tedesco”. E conclude osservando: “La Germania, dunque, dopo 70 anni si appresta a guidare l’Europa anche sul piano militare…” Così, l’On. Mario Borghezio – Deputato Lega Nord al P.E.

Marine Le Pen, allora candidata del Front National francese alle presidenziali, aveva accusato l’Unione europea di “deriva autoritaria” perché sta lavorando a un “progetto oscuro” di un esercito europeo che ha l’obiettivo di “tenere a bada il popolo con le armi”.

“Oggi il ‘sistema’ cerca di venderci l’idea assurda, stupida di un esercito europeo – aveva dichiarato Le Pen parlando a 1.500 persone durante un comizio in una sala mezza vuota – “L’Europa dal punto di vista della realtà politica e umana sarà sempre una moltitudine di popoli, di stati e di interessi. Quindi mi chiedo ancora, a che serve un esercito europeo?”. E la risposta che diede la candidata del Fn fu: “Forse per mettere a tacere tutte le velleità di indipendenza degli stati e finalmente tenere a bada il popolo con le armi?”. E ancora: “Questo costituirebbe una minaccia intollerabile per le libertà fondamentali dei popoli europei”E, per l’A.N.P.I. di Smuraglia, Marine Le Pen incarnerebbe il neo-fascismo!

1138.- L’ultimo affronto al milite ignoto: dimenticato in una scatola

L'ultimo affronto al milite ignoto: dimenticato in una scatola
Lo scheletro e uno scarpone ritrovati nella primavera 2015 nelle Dolomiti 

Lo scheletro dell’alpino, recuperato nel 2015 nelle Dolomiti, non ha una tomba per colpa della burocrazia

di PAOLO RIMUZ

Attenti: se trovate un Caduto, rimettetelo subito sotto terra. Riconsegnate il corpo alle stelle alpine, alle primule, alla pace ritrovata dei luoghi dove ha combattuto. Altrimenti, se ne denuncerete la presenza secondo le procedure di legge, lo farete finire in qualche sottoscala o in uno scaffale, ed egli diventerà numero, rapporto, carteggio, faldone, scartoffia, italica scocciatura. Sarà annichilito dagli ingranaggi di una macchina burocratica che ha dimenticato cosa sia la memoria e la riconoscenza per chi ha fatto il suo dovere.

È il destino del milite ignoto trovato nella primavera del 2015, a cent’anni esatti dall’inizio della Grande Guerra, sotto la Cima di Costabella in Dolomiti, tra la Marmolada e il Passo di San Pellegrino, dove Italiani e Austriaci si sono combattuti per due anni e mezzo in condizioni estreme. Ventidue mesi dopo il ritrovamento e trasferimento a valle, il cadavere è ancora lì, alla stazione dei Carabinieri di Moena, non si sa se in un sacco, una cassetta o una scatola, in attesa di un “Requiem” e di un camposanto dove riposare.

A Moena tutti hanno fatto il loro dovere. Il “recuperante”, Livio Defrancesco, che ha trovato il corpo senza nome in fondo a un canalone dopo un violento temporale che aveva smosso le ghiaie sopra lo scheletro. Il magistrato che ha avviato la pratica. I Carabinieri, che hanno avvertito i loro superiori. La stampa locale e nazionale, che ha informato gli Italiani.

Non il ministero della Difesa, che attraverso l’apposito istituto interforze denominato “Onorcaduti”, avrebbe dovuto occuparsi della sepoltura. Morale: i Cc di Moena vivono dal luglio del 2015 con in caserma un morto che nessuno vuole. Ci avranno fatto quasi l’abitudine, a quel mucchietto di femori, clavicole, costole e falangi, chiusi non si sa dove con probabile targhetta di cartone. Tutto questo a pochi chilometri dal cimitero militare di Santa Giuliana, a Vigo di Fassa, dove altri Caduti della Grande Guerra hanno trovato onorevole riposo, in una prateria con vista sui monti più belli del mondo.

E sì che, dal 2001, il comando di “Onorcaduti” è in mano a commissari scelti dall’arma dei Carabinieri, che alla tenenza di Moena avrebbero dovuto dare risposta immediata. Nell’ordine, i generali Bruno Scandone, Vittorio Barbato, Silvio Ghiselli e, ora, Rosario Aiosa, il quale si è trovato a fronteggiare le commemorazioni del centenario con mezzi inadeguati, in gran parte grazie all’aiuto volontario di associazioni combattentistiche e d’arma, a fronte di una situazione disastrosa, con ossari e cimiteri in pessime condizioni.

Se una civiltà si giudica dai suoi cimiteri, allora è possibile dire che con la nuova gestione sono finiti, anzi sepolti per sempre, i tempi in cui “Onorcaduti”, nati nel 1919 con al comando nientemeno che il generale Armando Diaz, portarono a compimento la missione in posti come El Alamein e il fronte russo. Tempi in cui l’istituto fu trascinato dall’entusiasmo di figure mitiche, come i generali Umberto Ricagno e Ferruccio Brandi, o da superiori iper-attivi come Benito Gavazza, che nel 1990 avviò il rimpatrio dei Caduti sul fronte del Don.

Ma tu chi sei, alpino di Costabella? Sì, perché tu, soldato, morto certamente in azione sul canalone Ovest della montagna, col cranio spaccato da un masso a soli cinquanta metri dalle linee austriache, eri un alpino che andava all’assalto. Un alpino gigantesco per l’epoca, alto sul metro e ottantacinque. Lo dicono i tuoi femori. Dovevano conoscerti tutti, per la tua forza. Lo sappiamo con sicurezza in che compagnia stavi, perché su quel tratto di fronte c’eravate solo voi, ragazzi della 206.a, battaglione Val Cordevole, settimo reggimento.

L'ultimo affronto al milite ignoto: dimenticato in una scatola

Tu ignori, per fortuna, la miseria dei nostri tempi. Noi, invece, sappiamo qualcosa di te e dei tuoi compagni. Eravate tappi di un metro e sessanta di media, ma capaci di sopportare fatiche da bestie. Gente come Giacomo Dall’Osbel detto “Ross faghèr”, faggio di pelo rosso, in grado di portare sulle spalle un quintale e mezzo in salita. O il vostro capitano, Arturo Andreoletti, immenso alpinista, che ebbe il fegato di mandare a quel paese il generale Peppino Garibaldi per gli ordini che dava, considerati suicidi.

Come l’assalto al Col di Lana, una vera tomba per gli Italiani. Sappiamo anche quando, presumibilmente, precipitasti in quel canalone: fu alla fine del tremendo inverno del 1916, in cui caddero, in Dolomiti, diciotto metri di neve.

L'ultimo affronto al milite ignoto: dimenticato in una scatola

Sono tutte cose che Livio Defrancesco sa bene. È da bambino che batte le sue montagne e oggi, con i materiali che ha trovato, ha aperto in casa propria uno dei più bei musei della guerra alpina. Si definisce un miracolato, per essere sopravvissuto a tre esplosioni, tra cui il botto micidiale di una bombarda. “I tre jolly della mia vita li ho già giocati”, commenta rudemente, come chi ha già visto cosa c’è oltre la linea d’ombra.

“Ero sotto la cima di Costabella a fare manutenzione dei sentieri – racconta – e ho visto delle scarpe chiodate, tipiche di quella guerra in montagna. Le ho prese in mano e ho sentito che dietro venivano i piedi, la gamba, il corpo. Le ossa erano perfette, grandi più del normale. Accanto al corpo, un arpione per far sicurezza ai compagni, una gavetta e una bomba a mano. Niente piastrina di riconoscimento. L’elmetto era spezzato. Era stato chiaramente portato via da una valanga o da una frana”.

L'ultimo affronto al milite ignoto: dimenticato in una scatola

Chissà se, attraverso questa denuncia, riusciremo a sapere il tuo nome, soldato di Costabella. “Gli alpini della 206.a compagnia non erano poi tanti, ed erano sicuramente bellunesi – commenta Mariolina Cattaneo, coordinatrice della rivista “L’Alpino” a Milano – se poi si pensa alla statura inconsueta dell’uomo e alla memoria leggendaria di quegli scontri, forse qualche parente o studioso della Grande Guerra si farà vivo per sciogliere l’enigma”.

E chissà, a quel punto, che non requiescat in pace.

da La Repubblica, 27 aprile 2017

1133.- LO SCANDALO DELLA GUARDIA COSTIERA che non fa la guardia ai clandestini.

C-RZHXBXkAYPH91.jpgCRONACHE DELL’INVASIONE. IL SENATO CHIEDE ALLA GUARDIA COSTIERA  PER QUALE MOTIVO NON FERMA I BARCONI

La Verita’  maurizio-belpietro Un po’ di chiarezza dal

quotidiano  indipendente  diretto da Maurizio-Belpietro

nave_diciotti_gc300714

Sotto accusa i controlli della Guardia costiera in mare e le ONG, che operano in Mediterraneo, sulle coste libiche, accusate di favorire gli scafisti, d’intesa con le nostre vedette. Finalmente, la Commissione del Senato ha convocato l’ammiraglio Vincenzo Melone per capire in che ruolo sta giocando.

Da un articolo di Francesco Borgonovo, 25 aprile.

“….  Viene da chiedersi, infatti, che ruolo giochi la Guardia costiera italiana in questa strana partita. Le Ong sentite dalla Commissione Difesa del Senato hanno dichiarato a più riprese di agire in accordo con le nostre autorità competenti. Giusto  ieri, i vertici di Medici senza frontiere hanno ribadito che le loro operazioni di soccorso “avvengono secondo il diritto del mare e dei rifugiati con il coordinamento e le indicazioni della Guardia costiera italiana”.

Il fatto è che le Ong non mentono. Sul sito Web della Guardia costiera troviamo, tra gli altri, un comunicato stampa del 6 aprile scorso che recita: “Sono circa 1350 i migranti tratti in salvo nella giornata di oggi, nel Mediterraneo centrale, in 12 distinte operazioni di soccorso coordinate dalla centrale operativa della Guardia costiera a Roma”. Leggendo il testo, si scopre che gli immigrati “a bordo di 1 barcone, 5 gommoni e 6 barchini” sono stati recuperati dalla nave Dattilo della Guardia costiera, ma pure “dalla nave Sea Watch 2 della Ong Sea Watch e dalla nave Golfo Azzurro della Ong Proactiva open arms”. Le Ong Sea Watch e Proactiva open arms sono tra quelle di cui si sta occupando la Commissione Difesa del Senato, ed è evidente che la Guardia costiera ha rapporti con loro. Del resto, sono le autorità italiane – come spiega nell’intervista a La Verità il il procuratore Vincenzo Zuccaro – ad autorizzare le operazioni di soccorso e a indicare alle navi delle Ong in quali porti devono attraccare. Che cosa sta succedendo, dunque? La Guardia costiera protegge le nostre coste oppure aiuta le associazioni straniere a traghettare qui gli immigrati?Speriamo di scoprirlo presto, precisamente la prima settimana di maggio, quando davanti alla commissione del Senato dovrebbe comparire l’ammiraglio Vincenzo Melone, l’ammiraglio che dal 2 novembre 2015 ricopre l’incarico di “comandante generale del Corpo delle capitanerie di porto – Guardia costiera”. Sarebbe il caso che melone spiegasse perché, invece di fermare l’invasione, le nostre navi la stiano di fatto consentendo se non agevolando. …”

E’ un fatto che la Marina ha dato all’Italia più dispiaceri che successi, da Lissa, alla notte di Taranto, alla resa della nave “Pola” a Matapan, alla fine penosa del Convoglio Duisburg, alla resa di Malta ed è senza pregio l’appellarsi alla Convenzione di Amburgo che si applica a casi eccezionali, come ai naufragi e non al traffico di esseri umani!

Il traffico prosegue a ritmo battente. Ora ci sono 3-4 navi delle ONG vicino alle acque libiche, una sta operando ai limiti delle acque tunisine (ma poi li porterà in Italia), una è risalpata da Malta e un’altra della tedesca  solo poche ore fa.

 

1131.- GENERALI FRANCESI. COSA PENSANO DEL PENTAGONO E DELLE SUE IMPRESE.

Di Maurizio Blondet

Il generale Dominique Delawarde, francese,  è stato capo della Guerra Elettronica e Informazione allo Stato Maggiore Interarmi di pianificazione operativa.  Sulle ultime imprese del Pentagono, e specie sul  lancio della MOAB,  descritta dai media occidentalisti come  la tremenda “madre di tutte le bombe”, la “bomba non atomica più potente  in mano ai militari Usa”,  ha scritto un rapporto, come dire?, alquanto beffardo. Che dice qualcosa sulla considerazione in cui gli alti gradi militari  di  Francia tengono la qualità militare della Unica Superpotenza Rimasta.

General_Dominique_DELAWARDE
generale Dominique Delawarde– Ancien chef «Situation-Renseignement-Guerre électronique» à l’État-major interarmées de planification opérationnelle

Vale la  pena di tradurre:

“Una settimana dopo il suo attacco spettacolare ed illegale in Siria, Trump continua la sua dimostrazione di forza in Afghanistan utilizzando per la prima volta la bomba ‘non-nucleare’ più potente del suo  arsenale,   soprannominata MOAB (Mother of all Bombs).  Con questa nuova iniziativa, offre a ciascuno l’opportunità di porsi delle domande sugli attacchi Usa in generale, e questo in particolare.

1 – Quadro  generale.

In  base alle fonti ufficiali Usa  facilmente consultabili  (

http://blogs.cfr.org/zenko/2017/01/05/bombs-dropped-in-2016/

http://www.afcent.af.mil/Portals/82/December%20Airpower%20Summary.pdf?ver=2017-01-04-094321-250)

appare che, in rigorosa applicazione del diritto del più forte, senza accordo dell’Onu  e in genere senza l’accordo dello Stato interessato,  le forze  aeree Usa  hanno nel 2016  bombardato 7 paesi e lanciato un totale di 26.172 bombe,  al minimo.

Un totale impressionante che è in aumento: di 3 mila bombe (+12%)  rispetto al 2015. Da notare: la US  Air Force ha effettuato il 67% dei bombardamenti della coalizione occidentale in Irak, con il consenso del governo, e il 96% dei bombardamenti della coalizione in Siria  senza  consenso del governo legale. Questo scarto percentuale sembra mostrare una reticenza della maggioranza dei paesi della coalizione ad intervenire in Siria  senza mandato Onu e senza il permesso del governo legale.

II – Il bombardamento in Afghanistan

Schermata 2017-04-13 alle 22.23.21

Giovedì 13 aprile alle  ore  19.32 locali, l’US Air Force ha lanciato da  un C130 il  primo  esemplare, dei 15-20 esemplari in servizio, della sua “Mega bomba a spostamento d’aria” (GBU-43/B Massive Ordnance Air Blast Bomb: MOAB) su una rete di tunnel fortificati che  sarebbero serviti di base a Daesh.  Il  lancio è stato fatto col consenso del presidente afghano Ashraf Ghani.

moab-effetti

(Effetti del MOAB, prima e dopo)

Testata prima della messa in servizio nel 2003, questa bomba,   la più potente  non-nucleare dell’arsenale Usa, pesa 10,3 tonnellate, sviluppa  una potenza esplosiva equivalente a 11 tonnellate di tritolo e costa  16 milioni di dollari ad unità,  ossia il prezzo di 16  o  25  missili Tomahawk, secondo i modelli di quest’ultimi.  Il suo raggio di efficacia totale  di soli 150  metri.

Particolare aneddotico, secondo il New York Times,  la rete di tunnel presi di mira sarebbe stata finanziata con varie decine di milioni di dollari, negli anni ’80 dalla Cia,  per  sostenere i mujaheddin nella loro lotta contro l’URSS  (il contribuente americano paga la costruzione, e poi la distruzione…).

“E i russi ce l’hanno più grossa…”

“Altro dettaglio aneddotico:  la famosa MOAB è largamente superata in potenza ed efficacia dalla «Aviation Thermobaric Bomb of Increased Power».  Questa bomba non nucleare russa, testata prima della sua messa in servizio nel 2007,  è stata, per derisione del MOAB, FOAB (Father of  all  Bombs). Essa è del 30% più   leggera della MOAB (7,1  tonnellate contro più di 8) ma sviluppa una potenza esplosiva equivalente  a 44  tonnellate di TNT (4 volte superiore a quella di 10 tonn del MOAB Usa), grazie al suo esplosivo sviluppato con l’impiego di nanotecnologie.  Il suo raggio di efficacia è di 300 metri, il doppio di quella americana.

images

Un fotomontaggio russo che mostra la FOAB e il suo vettore Tupolev Tu 160

Quanto all’efficacia dell’attacco in Afghanistan, abbiamo due versioni di cui nessuna può esser considerata più valida dell’altra. Il comunicato “Us government – Afghan” rende conto di 96  combattenti di DAESH uccisi. Il comunicato di DAESH  sostiene che questo    attacco non ha fatto alcuna vittima.  Siamo qui nella guerra dell’informazione e dei comunicati.

III – Conclusioni.

Braccato  quotidianamente dai media e dai neocon da quando è entrato in funzione, Trump sembra lanciarsi in una retotica  bellicista per tre ragioni:

  • Disarmare i neocon e dare qualcos’altro da raccontare ai media perché lo lascino un po’ in pace. Questa tecnica è stata utilizzata con successo da Bill Clinton il 16  dicembre 1998,  alla vigilia dell’esame per la sua destituzione (impeachment) da  parte della  camera dei rappresentanti per le sue menzogne nell’affare Lewinsky: allora ordinò degli attacchi aerei sull’Irak (Operazione Desert Fox).  Furono lanciati 415 missili Tomahawks facendo da 600 a 2 mila uccisi  in  3 giorni.  L’attenzione dei media fu distolta dallo scandalo Lewinsky.  Beninteso, gli iracheni ne hanno  pagato  il prezzo.
  • Dare agli americani “lambda” l’immagine di un comandante in capo solido, determinato, che non arretra, e tentare di ricostruire un minimo di coesione e di unità nella popolazione USA :  non c’è niente come una buona guerra per unificare un paese [effettivamente la popolarità di Donald è salita  al 50%  dopo il lancio dei Tomahawks.  ]
  • Inviare un messaggio subliminale agli  avversari (Siria, Iran, Corea del Nord, Russia, Cina..): “Gli Usa sono forti, fortissimi. Possono agire in modo unilaterale, brutale e imprevedibile, senza il permesso dell’ONU.  Il loro comandante in capo non esiterà..”.

Dunque questi bombardamenti hanno  meno a che fare con la ricerca de una efficacia militare, che con “cinema e comunicazione”.  La semplice aritmetica mostra che le 26.172 bombe lanciate dagli Us Air Force nel 2016 rappresentano, senza fare altrettanto rumore, l’equivalente di 3 MOAB al giorno”.

 “I militari  USa hanno  ancora i mezzi per le loro ambizioni?”

 Ora,  per i lettori dei nostri blog alternativi quelle qui date dal generale non sono novità sensazionali. Ma  il punto è che   vengono da un esperto militare, uno specialista in valutazioni strategiche e  operative:  che non nasconde il suo disprezzo per la puerilità, incompetenza e nullità tattica e  strategica delle scelte militari della supposta superpotenza. Lo spreco di risorse costosissime per “il cinema”   suscita nel generale Delawarde i sarcasmi  che abbiamo letto.

Una tale valutazione delle sceneggiate aggressive americane è, vedo, largamente condivisa negli ambienti francesi della Difesa.

Il sito Dedefensa, spesso da noi citato, interpreta la furia bellicista di Trump e dei generali che gli hanno messo attorno (McMaster come  capo del consiglio di sicurezza nazionale, Mattis al Pentagono)  quasi come un rabbioso attacco di panico di fronte alla scoperta che le forze armate russe sono state ricostituite, snelle ed efficaci, mentre negli ultimi vent’anni “la situazione generale  delle forze Usa s’è naturalmente degradata, come è naturale per un bilancio militare che arriva penosamente [sic: sarcasmo] a 700 miliardi di dollari l’anno [la spesa della difesa russa è inferiore di 10 volte, ndr.] –   Il Pentagono è da molto tempo  ormai in una crisi costante di gestione,  ossia nell’incapacità di realizzare un lavoro normale di produzione, manutenzione e modernizzazione delle forze armate  esistenti, e non si parla del loro rafforzamento.  La situazione di queste forze armate che sono all’opera un po’ dappertutto [700 basi all’estero!, ndr.] è dunque estremamente indebolita,  costantemente  in durata, con la tendenza normale all’indebolimento a causa dell’invecchiamento e dell’usura dei materiali”.

[…] “Questi militari si trovano più o meno a dover frenare insieme  i loro ardori e la  belva che hanno scatenato in Trump, nella misura in cui si accorgono, presto, che non hanno  i mezzi per le loro ambizioni”.

Giorni fa  si è attribuito al generale McMaster  il progetto di  mandare 50 mila uomini che avrebbe voluto mandare in Siria, a combattere Assad (e i russi, gli iraniani, Hezbollah..) ma poi, è caduto il silenzio.   Il clamore è stato puntato sulle portaerei  mandate  a minacciare la Corea del Nord – cosa che Emmanuel Todd ha chiamato operazione di “militarismo teatrale”  – e i media volonterosi hanno restituito agli Usa la corona di gendarme del mondo, e a Trump quella del solito grande presidente americano di guerra.  Per Philippe Gasset  di Dedefensa,  “diventa un Trump che  ogni volta conduce  la macchina dell’americanismo all’orlo dell’abisso di decisioni sempre più difficili da prendere”.

Come abbiamo detto  (grazie amico Nicolas Bonnal che l’ha segnalato), Emmanuel Todd parla di “militarismo teatrale” : attenzione:   ne parlava già 15 anni fa nel suo saggio Aprés l’Empire  (2001), dove profetizzava il declino della superpotenza.

“Assistiamo a un militarismo teatrale che comprende tre elementi essenziali:

  • Mai risolvere un problema, onde giustificare  l’azione militare indefinita dell’unica superpotenza su scala planetaria.
  • Prendersela con micro-potenze  – Irak, Iran, Corea del Nord, Cuba eccetera. Il solo modo di restare politicamente al centro del mondo è di “affrontare” degli attori minori, valorizzanti per la potenza americana, onde impedire, o almeno ritardare la presa di coscienza delle potenze maggiori chiamate a condividere con gli Stati Uniti il controllo del pianeta: l’Europa, il Giappone e  la Russia a medio termine, la Cina a più lungo termine.
  • Sviluppare armi nuove, che si suppone mettano gli Stati Uniti “più avanti” nella corsa agli armamenti, che non deve mai cessare.

Questa strategia  – concludeva Emmanuel Todd nel 2001 –  fa dell’America un ostacolo nuovo e inatteso alla pace nel mondo”.

Chiunque vede, spero, la pericolosità  di questa psiche collettiva: la Superpotenza  dubita di poter vincere una guerra contro una  vera forza armata moderna, e perciò non solo provoca  sovversioni e destabilizzazioni, ma è tentata di rincarare la posta per poter  ricorrere all’unico apparato militare in cui ha, o crede, di “essere ancora più avanti”: l’arma atomica.

Rammodernare e sofisticare armamento nucleare con “nuove armi avanzate”  era l’ossessione del precedente ministro della Difesa americano, Ashton Carter, colto da rabbia e panico alla scoperta che la Russia   era intervenuta  in Siria, spostando i suoi caccia e bombardieri senza che la  costosissima intelligence Usa (17  enti) se ne accorgesse.

Di fatto,   come ha rivelato Manlio Dinucci del Manifesto,  Washington ha messo a punto la nuova bomba atomica B61-12 che potrà essere adesso prodotta in serie,  e che gli Usa daranno da lanciare anche “all’aviazione italiana, in violazione dei trattati di non-proliferazione e della  Costituzione italiana” (la più bella del mondo)..(ma in galera non va mai nessuno? ndr).

b61

La B61-12, nuova bomba nucleare USA destinata a sostituire la B-61 schierata in Italia e altrove, è nella fase di ingegnerizzazione che prepara la produzione in serie

“La B61-12 non è una semplice versione ammodernata della precedente, ma una nuova arma: ha una testata nucleare a quattro opzioni di potenza selezionabili a seconda dell’obiettivo da colpire;  un sistema di guida che permette di sganciarla non in verticale, ma a distanza dall’obiettivo; la capacità  di penetrare nel terreno per distruggere i bunker dei centri di comando in un first strike nucleare”.

E ricorda che quando ebbero l’ordine di mandare altri uomini per la “Operazione Serval in Mali” (una guerra di tuareg contro il governo di Bamako, presto metamorfosata in Al Qaeda nel Maghreb Islamico, 2012-2015), “il capo di stato maggiore generale e i capi di SM delle tre armi si sono detti pronti a dare le dimissioni al ministro della difesa. La gente non lo sa, ma venti generali erano pronti a seguire i loro capi.  Bisogna rompere il silenzio per consentire una presa di coscienza. La politica esita troppo: se non è messa davanti  a situazioni drammatiche, non si prendono decisioni”.

Leggete il resto qui:

http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=127673

Air Force Nuclear Weapons Center comunica il 13 aprile che, nel poligono di Nellis in Nevada, «un caccia F-16 della U.S. Air Force ha sganciato una bomba nucleare B61-12 inerte, dimostrando la capacità dell’aereo di usare quest’arma e testando il funzionamento dei componenti non-nucleari della bomba, compresi l’armamento e azionamento del sistema di controllo, il radar altimetrico, i motori dei razzi di rotazione e il computer di controllo». Ciò indica che la B61-12, la nuova bomba nucleare USA destinata a sostituire la B-61 schierata in Italia e altri paesi europei, è ormai nella fase di ingegnerizzazione che prepara la produzione in serie. I molti componenti della B61-12 vengono progettati e testati nei laboratori nazionali di Los Alamos e Albuquerque (Nuovo Messico), di Livermore (California), e prodotti in una serie di impianti in Missouri, Texas, Carolina del sud, Tennessee. Si aggiunge a questi la sezione di coda per la guida di precisione, fornita dalla Boeing.
La B61-12 non è una semplice versione ammodernata della precedente, ma una nuova arma: ha una testata nucleare a quattro opzioni di potenza selezionabili a seconda dell’obiettivo da colpire;  un sistema di guida che permette di sganciarla non in verticale, ma a distanza dall’obiettivo; la capacità  di penetrare nel terreno per distruggere i bunker dei centri di comando in un first strike nucleare.
Il test conferma che la nuova bomba nucleare può essere sganciata dai caccia F-16 (modello C/D) della 31st Fighter Wing, la squadriglia di cacciabombardieri USA dislocata ad Aviano (Pordenone), pronta all’attacco attualmente con 50 bombe B61 (numero stimato dalla Fas, la Federazione degli scienziati americani).
2560px-B-61_bomb_rack.jpgCome siamo diventati guerrafondai e come finiremo fra le scorie nucleari, a nostra insaputa

La B61-12, specifica il comunicato, può essere sganciata anche da cacciabombardieri Tornado PA-200, tipo quelli del 6° Stormo dell’Aeronautica italiana schierati a Ghedi (Brescia), pronti all’attacco nucleare attualmente con 20 bombe B61. In attesa che arrivino anche all’aeronautica italiana i caccia F-35 nei quali, annuncia la U.S. Air Force, «sarà integrata la B61-12».

Che piloti italiani vengano addestrati all’attacco nucleare sotto comando USA – scrive la Fas – lo dimostra la presenza a Ghedi del 704th Munitions Support Squadron, una delle quattro unità della U.S. Air Force dislocate nelle basi europee (oltre che in Italia, in Germania, Belgio e Olanda, da decenni, almeno dagli anni ‘60) «dove le armi nucleari USA sono destinate al lancio da parte di aerei del paese ospite». I piloti dei quattro paesi europei e quelli turchi vengono addestrati all’uso delle B-61, e ora delle B61-12, nella Steadfast Noon, l’esercitazione annuale NATO di guerra nucleare. Nel 2013 si è svolta ad Aviano, nel 2014 a Ghedi.
Secondo il programma, le B61-12, il cui costo è previsto in 8-10 miliardi di dollari per 480 bombe,  cominceranno ad essere fabbricate in serie nel 2020. Da allora saranno sostituite alle B-61 in Italia e negli altri paesi europei. Foto satellitari, diffuse dalla Fas, mostrano che nelle basi di Aviano e Ghedi, e nelle altre in Europa e Turchia,  sono già state effettuate modifiche a tale scopo.
Non si sa quante B61-12 siano destinate all’Italia, ma non è escluso, data la crescente tensione con la Russia, che il loro numero sia maggiore di quello delle attuali B61. Non è neppure escluso che, oltre che ad Aviano e Ghedi, esse vengano dislocate in altre basi, tipo quella di Camp Darby dove sono stoccate le bombe della U.S. Air Force.
Il fatto che, all’esercitazione NATO di guerra nucleare svoltasi a Ghedi nel 2014, abbiano preso parte per la prima volta anche piloti polacchi con cacciabombardieri F-16C/D, indica che con tutta probabilità le B61-12 saranno schierate anche in Polonia e in altri paesi dell’Est. Caccia F-16 e altri aerei NATO a duplice capacità convenzionale e nucleare sono dislocati, a rotazione, nelle repubbliche baltiche a ridosso della Russia.
Una volta iniziato nel 2020 (ma non è escluso anche prima) lo schieramento in Europa della B61-12, definita dal Pentagono «elemento fondamentale della triade nucleare USA» (terrestre, navale e aerea), l’Italia, ufficialmente . per il suo popolo – paese non-nucleare, verrà confermata nella prima linea di un ancora più pericoloso confronto nucleare tra USA/NATO e Russia.
Lo stesso  generale James Cartwright, già capo del Comando strategico degli Stati uniti, avverte che «armi nucleari come le B61-12 di minore potenza (da 0,3 a 50 kiloton) e più precise aumentano la tentazione di usarle, perfino di usarle per primi invece che per rappresaglia». In tal caso è certo che l’Italia sarebbe il primo bersaglio della inevitabile rappresaglia nucleare.
Fonte: il manifesto, 18 aprile 2017.

NEWS_263051

Due parole sul generale Delawarde e i  suoi sarcasmi. Il fatto che li abbia resi pubblici è una rottura della norma, da parte di un ufficiale dell’intelligence. Essa riflette il nervosismo, anzi l’insofferenza degli alti gradi francesi, al comando della sola forza armata in Europa di alta qualità e di specifica cultura (giacobino-napoleonica, e patriottico-gaullista,  comunque sia  non-atlantista), di  essere stati assoggettati dai politici borghesi (Sarkozy e Hollande) alla NATO, e al comando di una simile forza idiota e pericolosa.

Da tempo i generali francesi danno segni di volontà di critica radicale al potere civile e alle sue politiche.  Il generale Tauzin ha tentato di presentarsi alle elezioni presidenziali, deriso dai media. Un generale Picquemal ha partecipato a  manifestazioni contro “l’accoglienza” dei “migranti”, ed è stato per questo sottoposto a sanzioni disciplinari .

ob_98215b_cajtpk4wcaewp87

Generale Chistian Piquemal
Si può arrestare un generale pluridecorato, un eroe per l’opinione pubblica, uno che ha servito la patria con lealtà e abnegazione, senza mai venir meno ai suoi doveri, reo di aver partecipato ad una manifestazione non  autorizzata a Calais (6 febbraio 2016,ndr)? Stiamo parlando di Chistian Piquemal, reduce dall’Algeria, alla testa di un infinità di missioni segrete come capo della Legione straniera, chiamato dai governi francesi (anche da quelli a guida socialista) a condurre delicate e pericolose azioni militari in Ciad, Nuova Caledonia, Bosnia. Il generale Piquemal , 75 anni, è presidente di “Citoyens-Patriotes”, una associazione che si prefigge di difendere la nazione, la sua identità e i diritti dei cittadini. Sabato scorso i “Patrioti” avevano aderito alle manifestazioni indette dal movimento Pegida (Patriottici europei contro l’islamizzazione dell’Occidente) in molte città europee. Quella di Calais, dove vivono cinquemila persone tra immigrati e rifugiati, era stata vietata dalle autorità. Nonostante il divieto migliaia di persone si erano presentate all’appuntamento. Tra queste, il generale Piquemal. Per il quale è scattato  il fermo e la custodia cautelare. Un’onta alla quale il militare non ha retto. Dopo 50 ore di arresto, Piquemal si è sentito male. Di qui il ricovero immediato in ospedale e, dopo la visita, il permesso di tornare a casa per riprendersi. Secondo i medici le sue condizioni di salute non erano tali da consentirgli di poter essere  presente alla udienza prevista per lunedì scorso. Udienza spostata , quindi, al 12 maggio. L’arresto di Piquemal ha provocato un’ondata di sdegno in tutta la Francia. E la reazione, soprattutto, della destra francese, a cominciare dal Front National di Marine e Marion Le Pen.  Pochi istanti prima di essere arrestato, Piquemal aveva parlato in Tv definendo “scandalosa” la proibizione della manifestazione e censurando il comportamento di quei gendarmi che “quando risuona la Marsigliese restano a riposo invece di mettersi sull’attenti e cantare con noi”. “Questo mi dice che la Francia sta morendo”, aveva aggiunto. Il governo di Hollande è considerato privo di nerbo difronte alla minaccia terroristica e permissivo nei confronti di chi infanga la reputazione della Francia “faro di civiltà”. Si permette – è l’accusa che viene dalla destra e non solo dalla destra – che i militanti di sinistra imbrattino la statua del generale De Gaulle e poi si fa arrestare un eroe pluridecorato  perché ha manifestato contro l’invasione di immigrati. Un problema sul quale la gran parte dell’opinione pubblica transalpina la pensa come Piquemal. (di Karim Bruno)

General-Piquemal-arrestato

Un generale Soubelet  ha appoggiato il candidato Macron per qualche settimana, per poi allontanarsene quando ha visto che dietro a Macron c’era Hollande…Adesso il  presidente degli ufficiali della riserva, generale Anoine Martinez, ha scritto un libro  “Quand la Grande Muette prendra la parole” –   (la Grande Muta è, per tradizione, l’Armée Francaise,  per dire che obbedisce tacendo – anche se freme) dove dice: basta con questo dovere di tacere; abbiamo il dovere di parlare. E giù critiche alla politica  di immigrazione, “importiamo una religione che vuole la nostra morte” – e racconta di episodi di ammutinamento di soldati “francesi” islamici  in zone d’operazione in paesi musulmani –   giù allarmi sulla “unità della Nazione” in pericolo,  giù  critiche alla riduzione di  personale:

“Le forze armate sono state tagliate di 54 mila uomini fra il 2008 e il 2015. L’attuale presidente [Hollande] ha previsto di ridurle di altri 34 mila uomini, insomma circa 90 mila uomini in   meno. Ciò pone enormi problemi di avvicendamenti, anche perché non sono mai state tanto impegnate all’estero come adesso”.GRANDE-MUETTE