3624.- Taiwan, tremenda esplosione distrugge fabbrica farmaceutica dove si produce idrossiclorochina

Taiwan, distrutta una delle due più grandi fabbriche farmaceutiche al mondo dove si produce idrossiclorochina. L’umanità è impazzita! Rectius, i farisei sono impazziti!

Taiwan, tremenda esplosione distrugge fabbrica farmaceutica dove si produce idrossiclorochina.

Dicemmo: Vediamo cosa s’inventano per bloccare il vecchio farmaco.   Perché   il suo uso rischia di far svanire il terrore e rivelare il Covid 19 una affezione curabile, e anche il Covid-21 di cui   Bill Gates ipotizza una letalità superiore, del 30 per cento. L’intera impostura è a rischio, e dunque occorrerà  che prendano misure sempre più liberticide. La dittatura non cede  per così poco, anzi indurisce.

Ora possiamo dire: Hanno fatta saltare in aria la fabbrica.

Da Il Secolo d’Italia, La notizia. – “Nella città taiwanese di Taoyuan, un imponente impianto della casa farmaceutica SCI Pharmtech è stato devastato da un’esplosione che ha portato alla morte di un lavoratore filippino. L’incendio ha provocato all’azienda danni per 800 milioni di nuovi dollari taiwanesi, pari a più di 23 milioni di euro. La fabbrica, che impiega circa 270 operai, è il secondo fornitore mondiale del principio attivo dell’idrossiclorochina, il farmaco antimalarico da mesi al centro del dibattito scientifico circa la sua (chi dice presunta è in mala fede) capacità di contribuire alla guarigione dal Covid.”

Chi è la SCI Pharmtech, che fa tanta paura.

SCI Pharmtech Inc., fondata dalla Siegfried Ltd. con sede in Svizzera nel 1987, è ora una società per azioni quotata alla Borsa di Taiwan.
Dal 1989, SCI ha clienti di tutto il mondo con i suoi laboratori di ricerca completamente attrezzati, impianti pilota e di produzione e personale esperto che garantiscono uno sviluppo tempestivo e una produzione, anche di massa, conveniente.

La SCI Pharmtech, Inc. ha sede a Taoyuan City, Taiwan e fa parte dell’industria manifatturiera farmaceutica. SCI Pharmtech, Inc. ha 253 dipendenti totali in tutte le sue sedi e genera $ 77,20 milioni di vendite (USD).

La strana sospensione dell’autorizzazione dell’AIFA all’uso dell’idrossiclorochina

Il sì all’idrossiclorochina dal Consiglio di Stato. Ora cosa accade?

Dell’idrossiclorochina contro il SARS-CoV-2 abbiamo parlato nel n. 3572.

SCIENZA– 11 DICEMBRE 2020

Grazie all’Avv. Erich Grimaldi e soprattutto a valenti colleghi clinici come il prof. Cavanna, il dr. Mangiagalli di Milano e molti altri, tra i quali il sottoscritto, la III Sezione del Consiglio di Stato in data 10 dicembre 2020 ha accolto, in sede cautelare, il nostro ricorso e ha sospeso la nota del 22 luglio scorso di Aifa che vietava la prescrizione off label dell’idrossiclorochina per la lotta al Covid-19.“La perdurante incertezza circa l’efficacia terapeutica dell’idrossiclorochina, ammessa dalla stessa Aifa a giustificazione dell’ulteriore valutazione in studi clinici randomizzati – si legge nell’ordinanza – non è ragione sufficiente sul piano giuridico a giustificare l’irragionevole sospensione del suo utilizzo sul territorio nazionale”.Non è ipotizzabile che i medici di famiglia abbiamo oggi, in piena seconda ondata, indicazioni cliniche e idee meno chiare rispetto persino alla prima ondata. Sarebbe obbligo dello Stato italiano – non certo di case farmaceutiche private – non boicottare ma incentivare studi clinici seri (che chiede la stessa Aifa) sui trattamenti precoci domiciliari con farmaci antichi ma efficaci e poco costosi come i cortisonici, le eparine a basso peso molecolare, la stessa idrossiclorochina.

Sono certo che se il ministro Speranza avesse avuto come propri consulenti diretti medici che abbiano dovuto anche affrontare direttamente il Covid come ammalati e non come “star” in tv, avremmo ricevuto tutti indicazioni ministeriali più chiare per le terapie domiciliari precoci, che sembrano in contrasto persino con le pur restrittive indicazioni Aifa, senza dovere puntare, come soggetti a rischio e ammalati, tutte le nostre speranze su vaccini ancora non utilizzabili né certamente efficaci per almeno tutta la seconda ondata.

2 pensieri su “3624.- Taiwan, tremenda esplosione distrugge fabbrica farmaceutica dove si produce idrossiclorochina

  1. 3 aprile 2020, quando alla faccia dell’OMS,la Swiss pharma fornì clorochina gratuita
    “Di fronte alla crisi del coronavirus, il gigante Novartis e la società Mepha Svizzera donarono decine di migliaia di dosi di antimalarico alle autorità e agli ospedali svizzeri di tutto il Paese.
    Questo antimalarico fu distribuito gratuitamente dal gruppo renano, al fine di fornire supporto nella lotta contro la pandemia Covid-19.
    La Svizzera fu il secondo Paese al mondo a ricevere gratuitamente questo antimalarico, dopo gli Stati Uniti.
    Le 90.000 compresse di idrossiclorochina che la società farmaceutica Mepha Suisse donò agli ospedali svizzeri, consentirono di somministrare 9.000 trattamenti a pazienti con Covid-19 gravemente malatiì. La consociata di Teva, numero uno al mondo nel mercato dei generici, ricordò però che non esiste un farmaco sviluppato appositamente per curare il coronavirus e che non sono presenti importanti studi clinici che esaminano l’effetto dell’idrossiclorochina su Covid-19” […]

    "Mi piace"

  2. L’impostura vaccinale globalista che corre nel resto dell’Occidente non ha impedito agli svizzeri di distribuire – gratis – l’idrossiclorochina che sapevano e sappiamo efficace.
    Invece, in Italia, il governo Conte, Speranza, tutti i media hanno partecipato all’impostura,
    censurato, bollato come negazionisti criminali, e imposto sanzioni lavorative agli stessi medici che invocavano il permesso di poter usare l’idrossiclorochina, che abbiamo provato, personalmente, essere risolutiva specie nella fase iniziale: il governo italiano ha mostrato la sua lealtà al sistema Bill Gates e al progetto genocida del World Economic Forum, abbandonando alla morte sotto intubazione un numero non calcolato di suoi concittadini affetti dal virus, in gran parte, curabili con i farmaci.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...