1305 .- In gommone dalla Tunisia a Marsala. La rotta segreta dei sospetti jihadisti

di SALVO PALAZZOLO

074210017-f18b9704-f3a3-448f-b439-1e632cd0f69d

Il selfie del capo dell’organizzazione durante la traversata 

Immigrazione clandestina, blitz della Guardia di finanza: 15 fermi. Uno degli intercettati: “Spero di arrivare in Italia e che non mi rimandino indietro per terrorismo”Schermata 2017-07-18 alle 21.25.53.pngUn’agenzia molto particolare organizzava trasferimenti riservati dalla Tunisia alla Sicilia. A bordo di modernissimi gommoni che impiegavano tre ore e mezza per la traversata. Prezzi, fra 2000 e 3000 euro. Viaggio garantito per clienti selezionati, approdo assicurato nella zona di Isola Grande, Marsala. Su quei gommoni sarebbero saliti anche sospetti jihadisti in transito dall’Italia verso il Nord Europa. Lo svela una delle intercettazioni del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Palermo, che ha chiuso il cerchio attorno a un’organizzazione formata da tunisini e italiani. Uno dei clienti, ascoltato al telefono dagli investigatori del Gico, dice: “Spero di arrivare in Italia e che non mi rimandino indietro per terrorismo”.

In gommone dalla Tunisia a Marsala. La rotta segreta dei sospetti jihadisti

Questa mattina, all’alba, è scattato un provvedimento di fermo per 15 persone, firmato dal procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi, dai sostituti Geri Ferrara, Claudia Ferrari e Federica La Chioma. Viene contestata l’associazione a delinquere, finalizzata a “commettere una pluralità di delitti di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”.

In gommone dalla Tunisia a Marsala. La rotta segreta dei sospetti jihadisti

Uno dei gommoni sequestrati a Marsala

Un lavoro complesso quello del comando provinciale diretto dal generale Giancarlo Trotta e della Compagnia di Marsala, che si avvalso di intercettazioni ma anche di lunghi pedinamenti e inseguimenti in mare, fatti dalle motovedette e da un aereo della componente aeronavale della Guardia di finanza. Su quei gommoni viaggiavano anche carichi di sigarette di contrabbando. Un viaggio è stato interrotto, a bordo c’erano 14 persone e 103 chili di sigarette, c’erano anche 375 litri di carburante distribuito in 16 contenitori, il necessario per la traversata Tunisia-Sicilia-Tunisia. A capo del gruppo, un tunisimo di 28 anni, che poteva contare su molte complicità nel territorio italiano, soprattutto in Toscana, ma anche nel Nord Europa.

La rotta Tunisia – Marsala

Si continua a indagare sull’organizzazione, soprattutto per scoprire l’identità di alcuni clienti, sospetti fiancheggiatori del terrorismo islamico. Il nucleo di polizia tributaria di Palermo, coordinato dal colonnello Francesco Mazzotta, sta seguendo anche una pista che porta ai canali di finanziamento delle traversate, sarebbero stati già individuati dei conti correnti su cui transitavano bonifici internazionali.Schermata 2017-07-18 alle 21.28.16

Dice Lo Voi: “L’organizzazione scoperta era operativa e alcuni componenti avevano manifestato la volontà di allontanarsi dall’Italia. Ecco perché abbiamo proceduto all’emissione di un provvedimento di fermo”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...