1159.- ONG E TRAFFICANTI: ALTRO CHE BUFALE! SULLA SCRIVANIA DI ZUCCARO IL RAPPORTO MILITARE DI EUNAVFORMED

VQNShyUr

È l’alba di una fredda mattina dei primi giorni del 2017. Un pattugliatore dell’«Operazione Sophia» capta una conversazione radio sul canale (libero) 16, utilizzato per le comunicazioni in mare. Poche frasi dalle quali si intuisce che un membro di un equipaggio di una nave di soccorso comunica a un interlocutore che si trova sulla terra ferma la posizione della nave e da terra l’interlocutore avvisa che le imbarcazioni stanno partendo.

mare_nostrum_marina_lampedusa_migranti5Il pattugliatore ispeziona l’area dove si incontrano i migranti in mare e la nave che li deve salvare e documenta con delle foto l’incontro delle due imbarcazioni.

Ma c’è anche un altro rapporto militare finito a Bruxelles nel quale si sospetta che alcune navi Ong recuperino i motori dei gommoni degli scafisti per poi essere rivenduti e reimpiegati nella rete dei trafficanti.

«Operazione Sophia» nasce dopo il terribile naufragio della primavera del 2015, quando la Unione Europea decide di dare vita all’European Union Naval Force Mediterranean (Eunavfor Med), una operazione militare per neutralizzare le tratte consolidate delle rotte dei trafficanti.

E i militari impegnati nella ricognizione producono un rapporto che inspiegabilmente finisce al procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro. Che il 22 marzo scorso viene sentito dal Comitato parlamentare di controllo sull’attuazione dell’Accordo di Schengen. Le sue affermazioni sono esplosive.

«A partire dal settembre-ottobre del 2016 – denuncia il procuratore -, abbiamo registrato un improvviso proliferare di unità navali di queste Ong che hanno fatto il lavoro che prima gli organizzatori svolgevano, cioè quello di accompagnare fino al nostro territorio i barconi dei migranti».

Schermata 2017-05-01 alle 22.16.06

Audizione Zuccaro >>>

Accuse pesantissime. Nei fatti, sostiene la Procura di Catania, le navi Ong si sono trasformate in taxi del mare sostituendo i trafficanti dei migranti.

Dunque, sulla scrivania di Zuccaro finisce il rapporto di Eunavformed. Nelle sue interviste e dichiarazioni, il procuratore di Catania lascia intendere che questo materiale è inservibile ai fini processuali.

In realtà non è ancora chiaro se abbia delegato la polizia giudiziaria a sviluppare le indagini.

Perché un rapporto di una struttura militare europea finisce a un procuratore di Catania? Chi deve essere l’interlocutore istituzionale italiano di Eunavformed?

Naturalmente si conosce il giorno della conversazione captata, ovvero il giorno del passaggio dei migranti dai barchini dei trafficanti alla nave delle Ong. Basta poco per risalire alla nave e all’equipaggio (che sembrerebbe essere ucraino). Questo non per chiudere le indagini ma soltanto per aprirle. E invece il procuratore di Catania decide di giocare a carte scoperte. Creando una tempesta politica.

Guido Ruotolo  per TISCALI.IT

Zuccaro:

“Tra gli strumenti per poter meglio lavorare e riprendere l’azione investigativa sarebbero utili le intercettazioni delle comunicazioni satellitari usati per la richiesta di soccorsi dei migranti: dall’esame del traffico telefonico di questi Turaya potrebbero emergere elementi importanti per individuare di trafficanti”. Lo ha detto il procuratore della Repubblica di Catania, Carmelo Zuccaro, in audizione alla commissione Difesa del Senato. “Gli scafisti – ha ricordato Zuccaro – ricevono spesso l’indicazione di gettare in mare il telefono se il soccorso viene fatto da navi militari, mentre con navi civili il satellitare viene preso da terze persone e riutilizzato per altre operazioni di soccorso. Sono state infatti segnalate chiamate partite dallo stesso cellulare”.

Tra il il personale delle Ong vi sono figure “non proprio collimabili con quelle dei filantropi“. Lo ha detto il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro nel corso dell’audizione in Commissione Difesa del Senato ribadendo che sarebbe “molto utile individuare le fonti di finanziamento delle Ong di più recente nascita”. “Il fine di solidarietà è tra i più nobili tra quelli perseguiti dall’uomo – ha aggiunto – e tanto più è vasta tanto più è nobile. Ma in questo caso vi sono interessi in gioco non solo di chi viene salvato”.

“Gommoni e barconi carichi di migranti non sempre sono soli quando lasciano le acque territoriali libiche” ha poi riferito il procuratore nel corso della sua audizione in commissione Difesa del Senato, chiedendo che sul punto fosse sospesa la trasmissione del suo intervento. ANSA

 “Non si può ospitare in Italia tutti i migranti economici: per le ong questo non è un discrimine, ma per uno Stato sì”.

Le organizzazioni mafiose italiane appetiscono all’ingente quantità di denaro erogata per l’accoglienza dei migranti, parliamo di cifre notevoli, in parte intercettate dalle mafie“. Lo ha detto il procuratore della Repubblica di Catania, Carmelo Zuccaro, in audizione alla commissione Difesa del Senato, segnalando ad esempio che “ci sono centri che accolgono minori che non hanno idoneità”. ansa

dal video:

00:23:08 …”Nel corso del 2017, in cui c’è un proliferare di sbarchi veramente incredibile, noi abbiamo almeno il 50% dei salvataggi che viene effettuato da queste ONG. Parallelamente a questo, noi registriamo un dato che, ovviamente, ci desta preoccupazione e, cioè, il fatto che il numero di morti in mare nel corso del 2016 e del 2017, e parlo solo di dati ufficiali, ha raggiunto un numero elevatissimo. Nel corso del 2016 mi risulta che oltre 5.000 persone – dati ufficiali – sarebbero morte in mare nel tentativo di entrare in Europa. Per quanto il nostro distretto, quello catanese, abbiamo più di 2.000 morti nel triennio 2013-2015 e questo numero di morti non accenna a diminuire; vi ho detto che nel 2016 siamo arrivati a quella cifra. Il che mi induce a ritenere che la presenza di queste organizzazioni, a prescindere dagli intenti per cui operano, non ha attenuato, purtroppo, il numero delle tragedie in mare. Sono convinto del fatto che i dati ufficiali di questi morti rispecchino soltanto in maniera molto, ma molto approssimativa il dato effettivo delle tragedie che si verificano nel nostro mare. Perché questo? Perché noi stiamo constatando il fatto che, effettivamente, i barconi su cui queste genti vengono fatte salire sono sempre più inadeguati al loro scopo, sono sempre più inidonei e le persone che si pongono alla guida di questi barconi sono sempre più inidonee. Ormai, non sono più appartenenti, sia pure a livello basso, della organizzazione del traffico; ma stiamo parlando di persone che vengono scelte all’ultimo momento tra gli stessi migranti, a cui viene data in mano una bussola, quando gli viene dato in mano una bussola e un telefono satellitare, quando gli viene dato in mano un telefono satellitare e gli si dice di seguire una determinata rotta che tanto, prima o poi, questo è certo, li verrà a soccorrere, questo è certo – quello che viene detto a loro – li verrà a soccorrere una ONG. Io sono convinto del fatto che, per quanto possano essere numerose, quelle ONG non riescono a coprire tutto l’intenso traffico che sta avvenendo in questo momento dalle coste della Libia in particolare, che è il mio osservatorio principale. Resta il fatto che coloro che hanno la fortuna di salire su queste unità navali, affrontano il viaggio in condizioni, certamente, ottimali.” … “Tuttavia vi sono tutti gli altri, le cui speranze vengono alimentate dal fatto di potere contare sul salvataggio, che, poi, molte volte non si realizza. Ora, cosa questo comporta per quanto riguarda la nostra attività giudiziaria? Che la possibilità di poter intercettare i cosiddetti facilitatori, cioè, le imbarcazioni che accompagnavano, prima, nei primi tratti delle acque internazionali questi barconi di migranti, oggi ci possiamo dimenticare di poterli identificare. Noi, neanche a questo livello medio-basso dell’organizzazione del traffico riusciamo più ad arrivare perché queste ONG, indubbiamente, hanno fatto venir meno questa esigenza. …” 00:27:43

Ma, a ciel sereno: Che ci faceva oggi Soros nello studio di Gentiloni a Palazzo Chigi? Quali rapporti intrattiene con il Governo italiano il finanziatore delle ONG?

C-7xJNaXgAA5i8j

Annunci

Un pensiero su “1159.- ONG E TRAFFICANTI: ALTRO CHE BUFALE! SULLA SCRIVANIA DI ZUCCARO IL RAPPORTO MILITARE DI EUNAVFORMED

  1. IL PROCURATORE CARMELO ZUCCARO E LE ONG
    Prof Augusto Sinagra :Intervengo nella questione dei massicci e ripetuti sbarchi di presunti profughi (da guerre inesistenti in Africa) e delle supposte connessioni criminose tra scafisti e ONG. Potrei dire che lo faccio come ex magistrato, come Avvocato, come Professore di Diritto dell’Unione europea, come cittadino o come catanese. No, lo faccio perché sono profondamente indignato di questa campagna mediatica in danno del Procuratore Capo della Repubblica di Catania Dottor Carmelo Zuccaro. Non conosco Carmelo Zuccaro e non ho alcun motivo di captarne la benevolenza.
    Trovo indecenti gli attacchi diffamatori e intimidatori nei confronti del Dottor Zuccaro il quale ha semplicemente dato notizia (non coperta da alcun segreto istruttorio), di avvio di indagini conoscitive in coordinamento con altre Procure della Repubblica, in ragione di fondati motivi di complicità delittuosa tra scafisti e talune ONG in violazione delle leggi e in danno degli interessi nazionali. Dunque, si agisce preventivamente per impedire al Procuratore della Repubblica di fare il suo dovere in difesa della collettività.
    Un suggerimento mi permetterei di dare al Procuratore Capo Carmelo Zuccaro: di radicare subito un procedimento penale, ancorché al momento a carico di ignoti, dando così inizio all’azione penale e mettere a tacere queste aggressioni morali e politiche in suo danno. Purtroppo, chi tace, al momento, è la ANM che avrebbe il dovere di parlare e ancor più il CSM.
    Chi viceversa parla mentre invece dovrebbe tacere è il Ministro della Giustizia Andrea Orlando e il Ministro dell’Interno Marco Minniti. É ben vero che Orlando ha detto che non ci sono profili di esercitabilità dell’azione disciplinare. E vorrei ben vedere! Ma né Orlando che per di più è il Ministro della Giustizia, e neppure Minniti hanno avvertito il dovere di un istituzionale silenzio per rispetto all’esercizio delle funzioni giurisdizionali. Quando poi, in realtà, avrebbero avuto il dovere di parlare in difesa della autonomia dell’Ordine giudiziario.
    Se il comportamento dei due detti Ministri non integra certamente reati, coinvolge altrettanto certamente una precisa responsabilità politica nei confronti di questi fenomeni voluti e preordinati di forzata invasione migratoria del territorio dello Stato riconducibili alle mene dei vari George Soros e alle devastazioni mediorientali delle politiche bellicistiche statunitensi.
    E nonostante quanto abbia denunciato chiaramente FRONTEX e quanto sia poi di pubblica e certa conoscenza.
    Di questo qualcuno dovrà rispondere ma il dovere di ogni cittadino è ora quello di manifestare piena e incondizionata solidarietà al Dottor Carmelo Zuccaro affinché egli sappia che non è solo.
    Ricorrono tristemente le parole del sommo Poeta: “Oh, serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiero in gran tempesta non donna di province, ma bordello”.

    Patrizia Rametta

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...