1142.- Ong e trafficanti, soccorso su chiamata, con tanto di coordinate…. incredibile….

1486136567349.jpg--

Nawal Sos
11 febbraio 2016 ·
Urgenteeeeee
Stanno affondando …
Sono tra la Turchia e Lesbo…
Chiamiamo tutti insieme la guardia costiera Turca e Greca.
Questa e’ la posizione
39.066978,26.772890
Numero di tel a bordo ( da non contattare ) +905392316769
Consegnatelo solo alla guardia costiera.
Mi trovo obbligata a pubblicare il numero non posso scrivere in privato.

Nawal Sos
15 gennaio 2016 ·
37°17’34.3″N 27°09’36.9″E
Nuove coordinate
Onde sempre piu’ alte
Gommone in sovrappeso
Bambini a bordo
Il motore ha ripreso a funzionare
Vedono l’isola ma il gommone perde ancora aria.

Nawal Sos
15 gennaio 2016 ·
Aiutooooo
Chiamate roma guardia costiera ..chiamate la grecia e la turchia.
Ho internet ma nessuna copertura telefonica gommone sta x affondare.. a bordo molti bambini questa e’ la posizione 37°18’51.9″N 27°13’07.8″E.
Partito da Didim in turchia diretto verso isola farmaconisi.
Numero g c italiana 1530.

Nawal Sos
15 gennaio 2016 ·
37°17’34.3″N 27°09’36.9″E
Nuove coordinate
Onde sempre piu’ alte
Gommone in sovrappeso
Bambini a bordo
Il motore ha ripreso a funzionare
Vedono l’isola ma il gommone perde ancora aria.

Nawal Sos
5 gennaio 2016 ·
Turchia-Grecia 😥 😥 😥
Altri 36 morti…
Ieri ho ricevuto un sos da una persona che diceva ” aiutateci stiamo affondando” .
L’sos e’ stato inoltrato alla guardia costiera Italiana, Turca e Greca…..
Il nome della persona che ha lanciato l’sos era Ayman…
Non so piu’ cosa scrivere…
Non ha senso scrivere…

84eeeec0fb3a43fca2f97dd7d754762b_18
Nawal Sos
26 dicembre 2015 ·
Urgente urgente urgente
Mi serve una soluzione per i maghrebini presenti a Lesvos.
Abbiamo superato tutti i limiti… la polizia sta inseguendo i migranti e sta portando in carcere e ammanettando tanti ragazzi come se fossero dei terroristi…
Abbiamo bisogno di persone che possano raccogliere la richiesta di protezione umanitaria e in questo modo i migranti possono usare il documento che le autorita’ daranno per poter fare il biglietto per Atene.
Datemi una mano per favore… non ci resta altra soluzione se non fare delle catene umane e bloccare gli arresti di persone che gia’ da 15 giorni vivono in un carcere a cielo aperto e soffrono la fame e il freddo.

Nella trasmissione piazza pulita hanno fatto vedere un video in cui una giornalista aveva contattato uno trafficante libico, per mandare delle persone per attraversare il mediterraneo, lo scafista indica il prezzo e dice che è tutto a posto poi lui telefona a Nawal Sos la quale ha il numero satellitare del gommone, e poi da le coordinate a Medici Senza Frontiere….

C-a5jFFXYAAFd-I

Le navi delle ONG tedesche si moltiplicano come funghi fra Malta e la Libia. Dopo la fine dell’operazione Mare Nostrum nel Mar Mediterraneo, tre partner commerciali della Germania hanno deciso di fondare la ONG non-profit, Sea-Watch e.V., che ha appena aggiunto un’altra nave alla flotta d’invasione. Ma chi gestisce queste navi e quanto c’entra la Guardia Costiera italiana? Per esempio, proprio la Nave ONG Sea Watch I° risulterebbe ancorata a Malta ma il suo transponder non invia dati dal 14/4, può essere ovunque. Sarà legale?

Parla Nawal Soufi, lady Sos “I profughi siriani mi chiamano dai cargo e io lancio l’allarme” – Repubblica.it

Parla Nawal Soufi, lady Sos “I profughi siriani mi chiamano dai cargo e io lancio l’allarme”
Nata in Marocco 27 anni fa, vive a Catania ed è diventata punto di riferimento per chi fugge verso l’Italia: “Tutti hanno il mio numero, ne ho salvati a migliaia”

di FABIO TONACCI
Invia per email
Stampa
06 gennaio 2015

Nawal

Parla Nawal Soufi, lady Sos “I profughi siriani mi chiamano dai cargo e io lancio l’allarme”
Nawal Soufi
NAWAL lancia gli sos che salvano le vite dei profughi siriani con un cellulare vecchio di dieci anni. “Sì è vero, ma ha una batteria che dura quattro giorni di fila… – sorride – e io non posso permettermi di tenerlo spento”. Nawal Soufi, 27 anni, nata in Marocco ma cresciuta a Catania fin da quando aveva un mese, è a quattro esami dalla laurea in Scienze politiche, e intanto fa la “vedetta” del Mediterraneo.

È lei “Lady Sos”, come l’hanno soprannominata i siriani. Perché quando si trovano alla deriva, su un mercantile lasciato senza equipaggio, quando non rimane che disperazione e paura sanno che c’è un numero “d’emergenza” sempre attivo. Il suo.
Lei avverte la Guardia Costiera fornendo ai militari le coordinate della posizione dell’imbarcazione. Poi corre al porto ad accoglierli, fornisce loro cibo, acqua, vestiti, pannolini per bambini, contatti utili. Lo fa da quasi due anni, gratis, spinta da una passione incondizionata che si riassume in questa risposta: “È il cuore che mi paga”.

_80043928_025245359-1

È stata lei a segnalare l’arrivo di tutti i 13 cargo lanciati contro le coste italiane dagli scafisti, dal 28 settembre a oggi. “In quattro casi mi avevano detto di essere stati abbandonati. Con il Blue Sky M( intercettato il 30 dicembre con quasi 800 migranti a bordo, ndr), mi arrivò questo sms: “Abbiamo problemi a guidare il mercantile, non abbiamo controllo””.

_80030045_migrant_ships_routes_20150102_624_v6

1902184Le dicono chi sono gli organizzatori dei viaggi?
“No, c’è molta paura delle ritorsioni perché chi parte lascia la famiglia in Turchia o in Siria. Si limitano a dirmi: “I pezzi grossi non li conosciamo. Sappiamo solo chi sono quelli che raccolgono i passeggeri. Queste organizzazioni criminali si stanno arricchendo in modo pazzesco: nel Mediterraneo ci sono morti di prima, seconda e terza classe” .

Quanti messaggi di sos riceve ogni giorno?
“Decine, ormai ho perso il conto. Annoto le chiamate su un diario, le registro e pubblico i messaggi su Facebook. Così è tutto alla luce del sole. Alcune giornate non finiscono mai… Il 31 agosto scorso per esempio”.

Cosa successe?
“Leggo dal mio diario… “A mezzogiorno mi chiamano da un rimorchiatore con 800 persone a largo della Libia. Poi un secondo sms da un altro numero: Stiamo imbarcando acqua vicino alla piattaforma petrolifera Bouri Field, queste sono le nostre coordinate. Altro sms da un barcone di legno: Siamo 350, partiti da Sebrata, a bordo donne incinte. Altro sos: Siamo in 250, non abbiamo più credito nel telefono. Alle 16.30 poi: Siamo tutte famiglie, partiti dall’Egitto. Così fino a notte fonda. A volte poi arrivano messaggi particolari…”.

14117793_1160348100689777_9211660318216856631_nOvvero?
“Una volta un gruppo di 30 siriani, bloccati da 48 ore su un isoletta in mezzo al fiume di Evros, al confine tra Grecia e Turchia. Mi chiesero di contattare la Croce Rossa perché sostenevano che i “tedeschi”, così chiamano Frontex, li avevano picchiati. Un altro siriano mi cercò dall’aeroporto di Fiumicino: aveva il passaporto ma la polizia di frontiera aveva deciso di riportarlo in Turchia. Oppure messaggi tipo: Siamo in mare, lo scafista ci ha lasciati, siamo senza credito sul telefono satellitare, per favore facci una ricarica “.

In quel caso come si comporta?
“Pubblico la richiesta sulla mia pagina Facebook “Nawal Siriahorra”, che significa Siria Libera. Qualcuno degli altri attivisti italiani poi fa davvero la ricarica “.

Lei poi segnala tutto alla Guardia Costiera. Ma come fanno i profughi a fornire le coordinate esatte della posizione?
“Le trovano con gli smartphone che hanno il servizio Gps. Se non sanno come fare, glielo dico io. Urlo per farmi capire, chi sta dall’altra parte è nel panico e c’è il rumore del vento”.
420ca0c5-9d9a-42bb-88a6-d025f9bd0793_medium.jpg
Riesce a comprendere cosa dicono?
“Per passione mi sono messa a studiare tutti i dialetti del mondo arabo, per questo capita anche che la Guardia costiera mi faccia partecipare a telefonate di gruppo con i migranti per quale sia la situazione a bordo”.

Da quanto tempo fa questa vita?
“Sono impegnata nel sociale da quando avevo 14 anni. Ho anche un lavoro “vero”, faccio l’interprete presso tribunali e carceri siciliani. La prima barca con profughi siriani è arrivata in Sicilia tra il luglio e l’agosto 2013: li ho incontrati davanti al Cpa, ho preparato vestiti per i bimbi, ho spiegato loro quali erano i loro diritti e cosa fare per evitare gli scafisti di terra…”.

Scafisti di terra?
“Quelle persone che girano nei pressi di stazioni e porti e offrono biglietti e passaggi per Milano a 500 euro o più”.

Vestiti, cibo, biglietti, ricariche… dove trova i soldi?
“Promuovo raccolte ogni settimana, su Facebook. Sono in contatto con altri attivisti, abbiamo un deposito. La chiamo “accoglienza zero”: quando hai due o tre euro in tasca, puoi comprare palloncini e farci giocare i piccoli profughi”

Mac’è di più, molto di più.

C-ek7JOWsAAUHt6

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...