962.- Socci, così Trump ci salverà dal disastro. Il Papa, cosa sarà costretto a fare

1485017071734-jpg-socci__cosi_trump_ci_salvera_dal_disastro__il_papa__cosa_sara_costretto_a_fare

L’ 11 ottobre scorso Hillary Clinton – dal sito del New York Times – sentendosi sfuggire sempre più l’ agognata poltrona presidenziale, usò questo sobrio argomento dinamitardo: «Io sono l’ ultima cosa fra voi e l’ Apocalisse». La baggianata – che echeggia quella più celebre risuonata alla corte francese: «Dopo di noi il diluvio» – sottintendeva che Trump doveva essere considerato con terrore, come la fine del mondo. Gli americani hanno risposto con un colossale «vaffa», mandando a casa la Clinton, l’ establishment politico di Washington e quello dei salotti mainstream pieni di intellettuali, di chiacchieroni e di attrici.

Perché sapevano che in realtà Trump – come dice Tremonti – non è la fine del mondo, ma casomai la fine di «un» mondo, appunto quello guerrafondaio e aggressivo dei Clinton e di Obama (e dei Bush), i re del caos globale, i grandi registi dell’«ipocrisia progressista» e della strategia della tensione planetaria.

Sotto di loro infatti sono state destabilizzate una serie di aree (l’ Irak, la Libia, la Siria, l’ Africa centrale e l’ Ucraina), con conseguenze disastrose dal punto di vista umanitario e dal punto di vista politico. In particolare l’ idea di espandere la Nato verso Est, fin sotto le mura di Mosca, con una serie di provocatorie manovre militari al confine, ha fatto precipitare il mondo in un cupo clima da Guerra fredda e ha rischiato di trascinare l’ Europa nella terza Guerra mondiale.

Perfino il famoso «orologio dell’ Apocalisse» – quello del Bulletin of the atomic scientists science and security board, nel cui Board of sponsors ci sono 17 premi Nobel – nel gennaio di un anno fa collocava l’ umanità alle 23.57, cioè a tre minuti dalla mezzanotte nucleare, ovvero dalla «fine del mondo». Solo nel 2010 le lancette di questo Orologio simbolico, inventato nel 1947 dagli scienziati dell’ Università di Chicago, segnavano le 23,54. Questi «tre minuti» più vicini alla mezzanotte (peraltro la valutazione viene fatta in modo abbastanza «politically correct» e non certo da personalità filo Trump) fanno capire quanto ci hanno avvicinato all’ apocalisse Obama e la Clinton e dove saremmo finiti in caso di una vittoria di Hillary. Gli osservatori sanno bene che proprio quella della Clinton sarebbe stata una presidenza guerrafondaia e pericolosissima.

La strategia obamiana e clintoniana è stata descritta così da Francesco Alberoni: «Durante la presidenza Obama gli Usa hanno scatenato una vera guerra fredda contro la Russia sul piano propagandistico, mettendo sanzioni e accumulando armamenti in Polonia, Ucraina e Paesi baltici. Nello stesso tempo hanno appoggiato i Paesi islamici sunniti, Arabia Saudita, i Paesi del Golfo, il Pakistan e la Turchia che finanziavano e armavano gli integralisti islamici: dai talebani ad Al Qaida, all’ Isis e il Califfato. Sotto sanzioni in Europa, minacciata dagli americani attraverso la Nato e attaccata dagli integralisti islamici in Asia, la Russia è stata spinta a cercarsi un alleato nella Cina. Ma la Cina è l’ unica superpotenza che nei prossimi anni sfiderà il potere Usa. Una scelta dal punto di vista americano a dir poco catastrofica. Sembra impossibile, ma la politica di Obama si proponeva di espellere la Russia dall’ Europa, di farla alleare con la Cina, lasciando il Medio Oriente e l’ Africa del nord nelle mani all’ anarchia islamista». Questa assurda strategia, che ha avuto il sostegno quasi unanime e strategicamente importante del sistema mediatico, con Trump si avvia ad essere rovesciata.

Anzitutto finisce la demonizzazione della Russia. Poi il terrorismo dell’ Isis e di Al Qaeda sarà chiamato col suo nome, «terrorismo islamico» e combattuto come tale (Trump ha iniziato già in campagna elettorale questa rivoluzione linguistica e culturale).

«Dobbiamo cominciare a fidarci di Vladimir Putin», ha dichiarato Trump. Contemporaneamente la Russia ha annunciato l’ intenzione di coinvolgere Washington nel negoziato per la soluzione della terribile crisi siriana. Piccoli, grandi segnali che erano inimmaginabili con Obama e la Clinton e che potranno portare Usa e Russia a cooperare anche per risolvere la situazione libica. Siria e Libia, due dei focolai di crisi che – fra l’ altro – finora hanno provocato o aiutato l’ enorme e dirompente flusso migratorio verso l’ Italia e l’ Europa.

Basta questo per capire quanto sia importante, anche per l’ Italia, questo nuovo clima di collaborazione e dialogo fra le due superpotenze. Ma soprattutto con Trump dovrebbero venir meno le disastrose sanzioni commerciali contro la Russia che sono costate molto salatamente all’ economia italiana e anche questa è per noi una gran bella notizia. Insomma – pur volendo restare prudenti – possiamo dire che nel mondo, o almeno nell’ area mediterranea ed europea, sta per scoppiare la pace.
I media se ne accorgeranno per ultimi o comunque cercheranno di non dirlo, essendo gli stessi media che acclamavano il «Nobel per la pace» Obama (quello sotto la cui amministrazione gli Usa hanno inondato il mondo – soprattutto il mondo arabo – di armamenti). I media, nella stragrande maggioranza, oggi sono parte del problema. Perché – più o meno consapevolmente – sono stati partecipi, dal punto di vista ideologico e propagandistico, delle strategie dell’ establishment che ha dissestato il mondo. Purtroppo ha aderito in gran parte all’ agenda Obama anche il capo della Chiesa cattolica, arrivando addirittura ad entrare a gamba tesa contro Trump, durante le presidenziali americane. Lo ha fatto perché il pontificato di Francesco appartiene tutto, fin dalla sua origine, all’ epoca Obama/Clinton e rischia di tramontare con loro.

unnamedc07_xsvwgaasz0

Tuttavia il papa – ancora in carica – è pur sempre un leader spirituale che deve avere a cuore le sorti della pace e della collaborazione serena tra i popoli e gli Stati. Dunque dovrebbe benedire questa nuova stagione di pacificazione e dialogo che inizia fra Stati Uniti e Russia. Finalmente potrebbe realizzarsi la grande speranza di Giovanni Paolo II: un’ Europa che respira a due polmoni, quello occidentale e quello orientale. Un’ Europa dall’ Atlantico agli Urali.

Un’ Europa più grande economicamente e più ricca spiritualmente dell’ arida tecnocrazia dell’ euro. L’ Italia ha tutto da guadagnarci, anche nella prospettiva di liberarsi dalla gabbia dell’ egemonia tedesca che – attraverso quella tecnocrazia dell’ euro – ha messo in ginocchio la nostra economia e pure la nostra dignità nazionale.

Sarà anche l’ occasione per liberarsi dell’ altro aspetto deleterio dell’ imperialismo obamiano: la devastante dittatura «politically correct» imposta al mondo intero insieme alla nefasta «religione mercatista» che ha messo in ginocchio (dal punto di vista economico e della sovranità) i popoli e gli Stati.

Antonio Socci

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...