951.- Andiamo in Svezia nelle No-go zone: Sono zone di Malmö precluse alla polizia.

 

malmo-migranten-no-go-area

Circa 200.000 immigrati sono giunti negli ultimi due anni in Svezia, molti come in qualsiasi altro paese dell’UE. A giudicare dal numero degli abitanti, Malmö è la città con la più alta percentuale di immigrati. Il 32 % dei residenti sono nati all’estero, ma nel quartiere Rosengård sono circa il 60 %. Nove su dieci sono nati da immigrati. Ora, un rapporto della polizia svedese dice che, dal settembre 2015, in Svezia c’è stato un aumento del traffico di droga, dei reati sessuali, di furti, di atti di vandalismo e della violenza delle gang. Il quartiere Rosengård è considerato particolarmente pericoloso. Si tratta cioè (fonte: la polizia) di una delle aree a più alta criminalità del paese. La metà delle persone è disoccupata, nove su dieci residenti sono immigrati da aree in conflitto, come la Siria, l’Iraq, la Somalia e i Balcani. La maggior parte della popolazione è sotto i 35 anni. I conflitti etnici hanno portato lo scorso marzo, alla chiusura di una scuola secondaria, perché la sicurezza non poteva essere garantita. Ci sono 850 agenti di polizia per garantire la sicurezza di circa 300.000 abitanti. Ma la polizia sta per crollare. Gli attacchi contro le forze di polizia vanno aumentando, sempre più macchine della polizia vengono rubate da membri di bande mascherati. La polizia ora conta 55 aree in tutto il paese come “no-go zone”, dove in qualsiasi momento possono essere attaccate. Soprattutto le forze femminili sono a rischio e sono trattate senza rispetto.

Oltraggi alla sgombero della moschea

Un ufficiale di polizia ha dichiarato al quotidiano Bild: “A Malmö devi essere street-smart ‘, astuto; si impara quali aree è necessario evitare e in quale momento della giornata. Quando si entra in una zona a rischio, abbiamo sempre almeno due macchine della polizia. Un gruppo esegue l’azione, l’altro gruppo osserva la macchina della polizia parcheggiata”.

Nel 2008 c’è stato uno sgombero programmato di una moschea in un seminterrato nei distretti a rischio di gravi disordini. Alcune auto sono state bruciate e i soccorritori e la polizia sono stati respinti con pietre e fuochi d’artificio.

Grande frustrazione nella polizia a Malmö

La frustrazione negli agenti di polizia è grande, il portavoce della polizia Larsson dice: “Non siamo venuti per risolvere i crimini, perché siamo chiamati ogni giorno a così tanti interventi.” A Malmö, dal febbraio 2016, circa 70 auto sono state date alle fiamme. In particolare, le bande criminali si sono organizzate per prendere i funzionari nel buio: solo un sospetto, finora, è stato arrestato. La polizia svedese di Malmö ha dovuto ottenere più spazio per custodire tutte le armi confiscate.

Schermata 2016-01-12 alle 10.20.40.png

Anche qui le cose non vanno molto bene. Si dice così?

I Democratici svedesi lanciano l’allarme sulla perdita di controllo

“Ci sono troppo pochi poliziotti a Malmö”, criticano i Democratici di Svezia e avvertono dell’aumentare delle zone no-go. “La polizia ha perso il controllo di Malmö. Abbiamo bisogno dell’aiuto dei militari per sostenere la polizia “, dice Pontus Andersson, portavoce del partito a Malmö. I Democratici di Svezia sono stati eletti alle ultime elezioni generali con il 13 per cento dei voti per diventare il terzo partito più grande. In recenti sondaggi nazionali, è dato al 19 per cento. “Sempre più persone stanno lasciando Malmö e si stanno trasferendo nelle città vicine, spostandosi quotidianamente per lavorare in città” , secondo Andersson.

Scherno dei socialdemocratici

I socialdemocratici non vogliono ammettere che ci sono no-go zone a Malmö. “Secondo lei, significherebbe che l’azienda ha nascosto dei criminali?”, ha detto il socialista Schönström in consiglio comunale. Malmö ha un quartiere molto pericoloso.

Almeno in questa analisi dovrebbe essere nel giusto. L’ultima elezione ha portato i socialisti – per inciso – al peggior risultato elettorale mai avuto.

Nelle aree no-go

Furti, risse, stupri, accoltellamenti, omicidi – molte città della Germania stanno sperimentando un livello senza precedenti di violenza. Interi quartieri si sono trasformati in zone incontrollabili. La causa principale di questo stato di cose sono gli uomini dei clan arabi. Ma la politica e i media si attengono al politicamente corretto e si rifiutano di guardare la realtà.

L’agenda Secret Migration

Chi c’è dietro la migrazione verso l’Europa e chi la sostiene? Quali sono state le sue motivazioni? Con quali mezzi l’immigrazione viene promossa e perché le cause non vengono eliminate, ma viene ancor più alimentata? Con l’aiuto di politici venduti, una elitè finanziaria, con molti miliardi di dollari, ha avviato una migrazione di massa.

La Mecca Germania

Tutti se ne interessano, semplicemente, per scappare. Nelle nostre città si è creato un mondo parallelo in cui regna il Corano. Un happening incredibile in Germania, Austria e in molti altri paesi europei. Ma parlarne è tabù. C’è un cartello del silenzio, guardando lontano e Wegduckens. Ecco una pluralità di situazioni vengono sommate e il risultato da un totale scioccante: l’Europa è in Oriente, dove gli europei, presto, non avranno più niente da dire, ma dovranno solo pagare.

La migrazione di massa come arma

Il primo studio sistematico di questo fenomeno ha riguardato diversi Stati, ma è stato ampiamente trascurato. E’ dimostrato come questa forma non ortodossa di coercizione sia stata spesso utilizzata e di quanto successo abbia avuto. Ma chi sta usando questo strumento della politica? Per quale scopo viene usato? E come e perché funziona …?

Criminali senza freni

Mai prima d’ora così tanti cittadini hanno presentato domanda per una licenza di pistola. Mai prima d’ora così tante persone private hanno acquistato una cassetta di sicurezza. Mai prima d’ora così tante partecipazioni alle classi delle scuole di arti marziali. E mai prima d’ora, a livello nazionale, si era esaurito lo spray al pepe. Le persone sono ovviamente preoccupate per la loro sicurezza. Ed è giusto che sia così …!

Fonte: JOURNAL ALTERNATIVE MEDIEN ABO, di Gundel. 9 febbraio 2017. Traduzione di Mario Donnini

Canada, Toronto:

c4jhbw_wmaamufs-jpg-large

One of the founders of Black Lives Matter in Toronto says white people are “genetic defects” and should be “wiped out.”

Yusra Khogali has posted the controversial calls on her Facebook page, including another that says whites are “sub-human.”

“Whiteness is not humxness, in fact, white skin is sub-humxn,” she wrote. “All phenotypes exist within the black family and white ppl are a genetic defect of blackness.”

Khogali has garnered news coverage after BLM Toronto disrupted the Toronto Pride parade and engaged in heated confrontations with Ontario Premier Kathleen Wynne. A year ago, she said: “Plz Allah give me strength to not cuss/kill these men and white folks out here today.”

Now, she’s using her new-found fame to call for more violence by the extreme group.

Khogali says white people are inferior because they “have a higher concentration of enzyme inhibitors that suppress melanin production. They are genetically deficient because melanin is present at the inception of life.”

“Melanin enables black skin to capture light and hold it in its memory mode which reveals that blackness converts light into knowledge. Melanin directly communicates with cosmic energy. White ppl are recessive genetic defects. This is factual.”

She then muses about wiping out the white race. “Black ppl simply through their dominant genes can literally wipe out the white race if we had the power to.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...