890.- Il suicidio della Germania

 

coqjtbmxgaetytt

di Guy Millière

Del milione e duecentomila migranti che sono arrivati in Germania nel 2014 e nel 2015, solo 34.000 hanno trovato lavoro.

Angela Merkel è andata a deporre delle rose bianche sul luogo dell’attentato al mercatino di Natale a Berlino. Migliaia di tedeschi hanno fatto lo stesso. Molti hanno portato candele e hanno pianto. Ma la rabbia e la volontà di combattere la minaccia sono rimaste in gran parte assenti.

Niente descrive meglio la situazione attuale della Germania del triste destino di Maria Ladenburger, una ragazza di 19 anni uccisa all’inizio di dicembre. La giovane, che faceva parte di un’organizzazione che offre assistenza umanitaria ai rifugiati, era fra coloro che hanno accolto i migranti nel 2015. È stata violentata e uccisa da una delle persone che stava aiutando. I genitori hanno chiesto a chi volesse rendere omaggio alla loro figlia di donare soldi alle associazioni che si occupano di rifugiati, in modo che altri profughi possano arrivare in Germania.

La legge che condanna l’incitamento all’odio, probabilmente al fine di impedire un ritorno delle idee naziste, pende come una spada di Damocle su chi parla troppo duramente della crescente islamizzazione del paese.

coke_6jwyaedb64

La grande maggioranza dei tedeschi non vuole rendersi conto che la Germania è in guerra, perché un nemico spietato gli ha dichiarato guerra. Essi non vogliono vedere che la guerra è stata dichiarata alla civiltà occidentale. Accettano la sconfitta e fanno docilmente ciò che i jihadisti vogliono che facciano: si sottomettono.

Se Angela Merkel non riesce a cogliere la differenza esistente tra gli ebrei sterminati dai nazisti e i musulmani che minacciano di sterminare i cristiani, gli ebrei e altri musulmani, allora è ancora più incapace di capire di quel che sembra.

L’attacco sferrato a Berlino, il 19 dicembre scorso, era prevedibile. La cancelliera tedesca Angela Merkel ha creato le condizioni che lo hanno reso possibile. Ella porta su di sé una responsabilità schiacciante. Geert Wilders, parlamentare olandese e uno dei soli leader politici europei perspicaci, l’ha accusata di avere le mani sporche di sangue. E ha ragione.

Quando la Merkel ha deciso di aprire le porte della Germania a centinaia di migliaia di musulmani provenienti dal Medio Oriente e da paesi più lontani, avrebbe dovuto sapere che i jihadisti erano nascosti tra la gente che arrivava a frotte. E avrebbe anche dovuto sapere che la polizia tedesca non avrebbe potuto controllare quegli arrivi in massa e sarebbe stata rapidamente sopraffatta dal numero di persone che avrebbe dovuto controllare. Ma la cancelliera l’ha fatto comunque.

Quando la notte di Capodanno dello scorso anno, a Colonia e in altre città della Germania, sono stati perpetrati centinaia di stupri e aggressioni a sfondo sessuale, la cancelliera aveva detto che i responsabili dovevano essere puniti ” a prescindere dalla loro origine”, ma non ha cambiato la sua politica. Subito dopo gli attacchi terroristici di Hannover, Essen, Wurzburg e Monaco, la Merkel si è astenuta dai commenti per poi pronunciare frasi asettiche sulla “necessità” di combattere il crimine e il terrore. Ma non ha fatto alcuna retromarcia.

Di recente, ha solo rivisto la sua posizione, a quanto pare perché vuole ricandidarsi nel 2017 e ha visto la sua popolarità in declino.

I commenti formulati subito dopo l’attentato del 19 dicembre sono stati noiosi. La cancelliera ha detto che “se l’autore di questo è un richiedente asilo” sarà “molto difficile da tollerare” e “particolarmente ripugnante per tutti i tedeschi che aiutano i rifugiati ogni giorno”.

Commenti del genere potrebbero sembrare ingenui se pronunciati da qualcuno disinformato, ma Angela Merkel non ha questa scusa. Non poteva ignorare i moniti emessi dai servizi di intelligence tedeschi e americani sulla presenza di terroristi dello Stato islamico nascosti tra i profughi che progettavano di usare camion per sferrare attacchi nel periodo natalizio. Da più di un anno i tedeschi vivono una situazione assai difficile da sopportare. La criminalità è ” salita alle stelle”; le malattie estinte da decenni sono ricomparse, senza poter disporre di vaccini per contrastarle; le seconde case sono state requisite dal governo per ospitare i migranti e così via dicendo. Non c’è voluto molto per scoprire che il principale sospettato dell’attentato di Berlino era un richiedente asilo che viveva in un centro di accoglienza per rifugiati.

In un altro paese, la Merkel forse sarebbe stata costretta a dimettersi. In Germania, invece, è in corsa per un nuovo mandato.

2156

La popolazione tedesca sta invecchiando e il tasso di natalità è pericolosamente basso: 1,38 figli per donna. Gli immigrati rimpiazzano la popolazione tedesca, che sta scomparendo poco a poco. I tedeschi che muoiono sono cristiani o, molto spesso, atei. Come dappertutto in Europa, il Cristianesimo sta rantolando e i migranti che sostituiscono i tedeschi sono musulmani.

L’economia tedesca è ancora forte, ma perde slancio. I rendimenti sul capitale investito sono notevolmente diminuiti. In un’epoca in cui il capitale umano è la principale fonte di profitti, il capitale umano tedesco è al collasso: le persone provenienti dai paesi sottosviluppati non possono facilmente rimpiazzare i tedeschi altamente qualificati. La maggior parte non ha le qualifiche adatte al mercato: i nuovi arrivati rimarranno a lungo senza lavoro e continueranno a non essere autonomi. Del milione e duecentomila migranti che sono arrivati in Germania nel 2014 e nel 2015, solo 34.000 hanno trovato lavoro. Se il tasso di disoccupazione è basso, il motivo è dovuto a una crescente carenza di manodopera: oggi il 61 per cento dei tedeschi ha tra i 20 e i 64 anni. Si prevede che entro la metà del secolo, la cifra scenderà al 41 per cento.

I discorsi di propaganda politicamente corretti che vengono inesauribilmente diffusi in Germania – come nel resto d’Europa – non parlano mai di demografia. Piuttosto, confutano ogni prova che l’economia tedesca va male. Dicono anche che il Cristianesimo e l’Islam sono equivalenti; sono ostinatamente ciechi al fatto che l’Islam è più che una religione: è un sistema politico, economico e morale che ingloba ogni aspetto della vita e non è mai coesistito a lungo e pacificamente in una cultura differente dalla sua. Questi discorsi ignorano quasi totalmente l’ascesa dell’Islam radicale e l’emergenza terrorismo; invece, essi affermano che l’Islam radicale è un culto marginale e che il terrorismo jihadista si limita a reclutare lupi solitari o malati di mente. Ma soprattutto ripetono costantemente che ogni critica mossa alla migrazione o all’Islam è ignominiosa e razzista.

La popolazione tedesca è intimidita dalla paura del comportamento antisociale di molti migranti e dal controllo delle idee da parte del proprio governo. Molti tedeschi non hanno nemmeno il coraggio di parlare. Quelli che usano i mezzi pubblici si rassegnano agli insulti. Abbassano la testa e corrono a rifugiarsi nelle loro case. La frequentazione di ristoranti e teatri è in forte calo. Le donne si sono rassegnate a indossare abiti “modesti” e stanno attente a non uscire da sole. Le proteste organizzate da Pegida (acronimo che sta per “Patrioti europei contro l’islamizzazione dell’Occidente”) non hanno mai attirato più di qualche migliaio di persone dopo che è stata diffusa una foto del suo fondatore con tanto di baffi e taglio di capelli alla Hitler.

Il partito Alternativa per la Germania (AfD), che chiede di fermare l’immigrazione musulmana in Germania e continua a guadagnare voti, resta comunque un partito di minoranza. La legge che condanna l’incitamento all’odio (Volksverhetzung), probabilmente al fine di impedire un ritorno delle idee naziste, è maneggiata come una spada che pende su chi parla troppo duramente della crescente islamizzazione del paese.

Il 20 dicembre, Angela Merkel è andata a deporre delle rose bianche sul luogo dell’attentato al mercatino di Natale a Berlino. Migliaia di tedeschi hanno fatto lo stesso. Molti hanno portato candele e hanno pianto. Ma la rabbia e la volontà di combattere la minaccia sono rimaste in gran parte assenti. Entro poche settimane si volterà pagina la pagina, fino alla prossima volta.

Niente descrive meglio la situazione attuale della Germania del triste destino di Maria Landenburger, una ragazza di 19 anni uccisa all’inizio di dicembre. La giovane, che faceva parte di un’organizzazione che offre assistenza umanitaria ai rifugiati, era fra coloro che hanno accolto i migranti nel 2015. È stata violentata e uccisa da una delle persone che stava aiutando. I genitori hanno chiesto a chi volesse rendere omaggio alla loro figlia di donare soldi alle associazioni che si occupano di rifugiati, in modo che altri profughi possano arrivare in Germania.

La grande maggioranza dei tedeschi non vuole rendersi conto che la Germania è in guerra, perché un nemico spietato gli ha dichiarato guerra. Essi non vogliono vedere che la guerra è stata dichiarata alla civiltà occidentale.

Accettano la sconfitta e fanno docilmente ciò che i jihadisti vogliono che facciano: si sottomettono.

Analizzando l’attentato del 19 dicembre al mercatino di Natale, il giornalista tedesco Josef Joffe, direttore di Die Zeit, ha spiegato la decisione di Angela Merkel di accogliere i rifugiati come “un atto espiatorio” e un modo di accogliere una popolazione minacciata, sette decenni dopo l’Olocausto. Joffe ha inoltre spiegato la passività di numerosi tedeschi con un senso di colpa collettivo.

Se Joffe ha ragione, se Angela Merkel non riesce a cogliere la differenza esistente tra gli ebrei sterminati dai nazisti e i musulmani che minacciano di sterminare i cristiani, gli ebrei e altri musulmani, allora è ancor più incapace di capire di quel che sembra.

Se molti tedeschi sono pieni di senso di colpa collettiva al punto che vogliono rimediare a quello che la Germania ha fatto agli ebrei accogliendo centinaia di migliaia di musulmani, molti dei quali dicono apertamente che vogliono rimpiazzare la cultura giudaico-cristiana della Germania con l’Islam, e che stanno sostituendo la sua popolazione cristiana con una popolazione musulmana – che includerà nei suoi ranghi degli assassini spietati – questo mostra che i tedeschi oggi si detestano così tanto da desiderare la loro stessa distruzione o che hanno semplicemente perso la voglia di difendere quello a cui tengono, un atteggiamento altrimenti conosciuto come resa.

di Guy Millière 3 gennaio 2017.

unknown    gatestone-logo-1000

Guy Millière, dottore in letteratura, è stato assistente e poi docente presso l’Università di Parigi, fino al 2014 ed è autore di 27 libri sulla Francia, l’Europa e gli Stati Uniti. 
Collabora a numerosi gruppi di riflessione, tra cui il Gatestone Institute, i siti web Dreuz.info e Upjf.org, oltre che a Israël Magazine e Metula News.
Sostiene le tesi dei neo-conservatori e ha parteggiato, in particolare, per il candidato del partito repubblicano nelle elezioni presidenziali americane del 2000, 2004 e 20088 ed è stato un sostenitore dell’invasione dell’Iraq nel 2003 .
Si è trasferito negli Stati Uniti nel 2016 e ha sostenuto la campagna di Donald Trump nel 2016.
Le sue opere nel campo della politica:
– Une Torpeur française ou la démocratie totalitaire, Éditions Hallier, 175 p., 1979.
– L’Amérique monde: les derniers jours de l’empire américain, Hors Collection, Éditions François-Xavier de Guibert, 278 p., 2000.
– Un goût de cendres… France, fin de parcours ?, Éditions François-Xavier de Guibert, 222 p., 2002.
– Ce que veut Bush, Éditions La Martinière, 390 p., 2003.
– Qui a peur de l’islam ?, Collection Essais, Éditions Michalon, 139 p., 2004.
– Pourquoi Bush sera réélu, Collections Essais, Éditions Michalon, 157 p., 2004.
– Le Futur selon George W. Bush, Collection Essai Politique, Éditions Page après Page, 271 p., 2005.
– Pourquoi la France ne fait plus rêver, Essai Politique, Éditions Page après Page, 95 p., 2006.
– Houdna, Éditions Underbahn, 213 p., 2007.
– Michael Moore. Au-delà du miroir, collection Document, Éditions du Rocher, 297 p., 2008, [présentation en ligne [archive]].
– Survivre à Auschwitz, Éditions Cheminements, 154 p., 2008.
– Mille et une vies: la vie ordinaire et extraordinaire de Fereydoun Hoveyda, diplomate iranien, écrivain, artiste, penseur, entretiens avec Fereydoun Hoveyda, Éditions Turgot, Cheminement/ L’Apart, 243 p., 2008.
– L’Amérique et le Monde après Bush, collection: PAR DE VERITÉ, Éditions Cheminements/ L’Apart, 280 p., 2008.
– La Septième dimension. Le nouveau visage du monde : après la crise, Éditions Cheminements/L’àpart de l’esprit, 390 p., 2009.
– La résistible ascension de Barack Obama, Collection Ma part de vérité, Éditions L’àpart de l’esprit, 250 p., 2010.
– Comme si se préparait une seconde Shoah, Collection: Les incorrects, Éditions de Passy, 100 p., 2011.
Face à l’islam radical (en coll. avec Daniel Pipes), Collection: ARTICLES SANS C, Éditions David Reinharc, 76 p., 2012.
– Le désastre Obama, Éditions Tatamis, 215 p., 2012.
– L’islam radical est une arme de destruction massive, Collection: ARTICLES SANS C, Éditions David Reinharc, 71 p., 2013.
– L’État à l’étoile jaune, Éditions Tatamis, 230 p., 2013.
– Voici revenu le temps des imposteurs, Éditions Tatamis, 80 p., 2014.
– Après Obama, Trump ?, La Maison d’Edition, 100 p., 2016.
– Israël raconté à ma fille, Les Provinciales, 124 p., 2016.

 

Annunci

2 pensieri su “890.- Il suicidio della Germania

  1. Geert Wilders ha scritto:
    In Europa, si prepara una rivoluzione politica
    Le autorità tedesche sottovalutano pericolosamente la minaccia dell’Islam. (…) Hanno tradito i loro cittadini.
    Non permettete a nessuno di dirvi che solo gli autori di questi crimini sono colpevoli. Lo sono anche i politici che hanno accolto con favore l’Islam nel loro paese. E non solo Frau Merkel in Germania, ma l’intera élite politica dell’Europa occidentale.
    Per correttezza politica, essi hanno volutamente chiuso un occhio sull’Islam. Si sono rifiutati di informarsi sulla sua vera natura. Si rifiutano di riconoscere che è tutto scritto nel Corano: il permesso di uccidere ebrei e cristiani (Sura 9: 29); terrorizzare i non musulmani (8:12); violentare le ragazze (65: 4); ridurre in schiavitù le persone per sesso (4: 3); mentire sui veri obiettivi (3:54) e il comando di fare guerra agli infedeli (9:123) e sottomettere il mondo intero ad Allah (9:33).
    Dovremo de-islamizzare le nostre società. (…) Ma tutto comincia dai politici che avranno il coraggio di affrontare la realtà e dire la verità.
    Sempre più cittadini sono consapevoli di questo. Ecco perché in Europa si sta preparando una rivoluzione politica. I partiti patriottici sono in rapido aumento ovunque. Essi rappresentano l’unica speranza per l’Europa di un futuro migliore.

    Mi piace

    1. Quando lo scorso anno la cancelliera Angela Merkel ha aperto i confini della Germania a quasi un milione di profughi e richiedenti asilo, ha accolto il cavallo di Troia dell’Islam nel suo paese. Tra i cosiddetti rifugiati c’erano molti giovani uomini islamici, pieni di odio per l’Occidente e la sua civiltà. Uno di loro era Anis. A. .
      C’è voluto quasi un anno perché le autorità tedesche respingessero la sua richiesta di asilo, ma nel frattempo l’uomo era scomparso. La polizia tedesca lo ha indicato come principale sospettato dell’attacco di lunedì a Berlino; quella italiana lo ha identificato e ucciso tre giorni dopo a Sesto San Giovanni.
      Le autorità tedesche sottovalutano pericolosamente la minaccia dell’Islam. E tutti lo possono vedere. A ottobre, un richiedente asilo afgano ha stuprato e ucciso una ragazza tedesca di 19 anni a Friburgo. E un ragazzino iracheno di 12 anni è stato catturato prima che facesse esplodere una bomba a chiodi nel mercatino di Natale di Ludwigshafen.
      L’estate scorsa, un afgano armato di ascia ha aggredito i passeggeri di un treno a Heidingsfeld, un siriano ha ucciso con un machete una donna incinta a Reutlingen, un altro siriano si è fatto esplodere a un festival musicale ad Ansbach, un palestinese ha cercato di decapitare un medico a Troisdorf. E chi ha dimenticato le aggressioni sessuali di massa compiute la notte di Capodanno dai migranti ai danni di centinaia di donne a Colonia?
      Quest’anno, 1.500 agenti di polizia hanno pattugliato le strade di Colonia la vigilia di Capodanno. Dieci volte di più rispetto allo scorso anno. Ma il prossimo anno quanti poliziotti saranno necessari? E l’anno dopo? E cosa accadrà quando saranno in inferiorità numerica? Non occorrono solo più agenti di polizia, c’è bisogno di una rivoluzione politica democratica; ma attenzione! c’è bisogno di tutelare i popoli europei e anche quelli africani, che in questa situazione hanno tutto da perdere.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...