874.- “Quitaly”: il The Guardian vede l’Italia fuori dall’€uro perché con la moneta unica il Belpaese non è più competitivo (di Giuseppe PALMA)

quitaly

Il The Guardian, quindi non di certo un giornale euroscettico o populista, prevede che l’Italia possa uscire dall’euro. La moneta unica rende infatti il Belpaese non più competitivo, e ciò sin dall’adozione dell’€uro, quindi – dopo la Brexit – potrebbe non essere escluso un “Quitaly” (dal verbo “quit”, lasciare).

L’analisi del The Guardian è più che altro rivolta ad affermare una vera e propria convenienza per l’Italia ad abbandonare la moneta unica. Noi di Scenarieconomici.it questo tipo di analisi – con le dovute dimostrazioni – le svolgiamo da oltre tre anni, ma siamo ingiustamente “bollati” come populisti. Tuttavia, siamo comunque convinti che la storia ci darà piena ragione!

Lo ripeto per l’ennesima volta: l’€uro è un accordo di cambi fissi, per cui ciascuno Stato dell’eurozona – per poter tornare ad essere competitivo – non potendo più intervenire sul cambio (SVALUTAZIONE DELLA MONETA), è costretto ad intervenire sul lavoro (SVALUTAZIONE DEL LAVORO), quindi riducendo i salari e contraendo le garanzie contrattuali e di legge in favore del lavoratore (il Jobs Act va esattamente in questa direzione). Ciò detto, la competitività è strettamente legata NON più ad interventi di politica monetaria (come avveniva in passato con le svalutazioni competitive della lira), bensì alla “necessità” di dover ridurre/smantellare gran parte delle conquiste sociali e democratiche degli ultimi duecento anni! Per dirla con parole povere, il peso della competitività – a causa dell’euro – non può più essere scaricato sul cambio bensì sul lavoro (salari e diritti)!

Da ‘Brexit’ a ‘Quitaly’. Il Guardian vede l’Italia fuori dall’euro

Il quotidiano britannico prevede il collasso della moneta unica. 28 Agosto 2016 – Dimenticate la Brexit, il prossimo scossone si chiamerà Quitaly. A dirlo non è un movimento populista o un giornale euroscettico, bensì il rinomato e tendenzialmente progressista The Guardian, che giocando sul verbo quit (lasciare) indica l’Italia come prossima defezione dall’Eurozona con conseguente collasso della moneta unica.

Il prossimo ‘big problem’ per l’Unione, secondo l’autorevole quotidiano britannico, è la possibilità che l’italia possa decidere di averne abbastanza dell’euro e tornare alla lira, visti i numeri che indicano come negli ultimi due decenni non vi sia stato alcun segnale di crescita nel Belpaese, con le merci italiane divenute sempre meno competitive sui mercati d’esportazione.

La crescita pressochè nulla e gli alti livelli di disoccupazione si riflettono sull’alto livello di crediti ‘non performing’, che stanno azzoppando le banche italiane. I potenziali crediti inesigibili sono quasi raddoppiati passando a circa 360 miliardi di euro negli ultimi cinque anni, e ora rappresentano il 18% di tutti i prestiti in essere. Ciò che è chiaro, però, è che i crediti non performing riflettono un’economia non-performing. Essi sono il sintomo del problema e non la sua causa.

A differenza di Grecia, Irlanda o Spagna, l’Italia non è passata attraverso un periodo di boom economico prima della grande recessione del 2008-09. Ora la sua economia si è ristretta del 10% rispetto a prima della crisi finanziaria, e di conseguenza la disoccupazione è alta e destinata a salire ancora.

Prima di entrare a far parte dell’euro, l’Italia era sempre in grado di farsi più competitiva svalutando la lira. Tale facoltà non è più disponibile.

I rischi previsti dal Guardian sono consequenziali: l’Europa subisce un rallentamento come risultato dello shock impartito dal Brexit, una già debole Italia soffre più di tutti e le sue banche iniziano a fallire, i piccoli investitori subiscono le conseguenze del bail-in. In questo scenario il governo già indebolito di Matteo Renzi rischia di perdere ulteriore forza e venire sostituito dall’emergente Movimento 5 Stelle, che ha promesso a suo tempo di indire un referendum per lasciare l’euro (comunque costituzionalmente non previsto ndr). Dato lo stato dell’economia, Quitaly non potrebbe essere escluso. E se così fosse, sarebbe il crollo della moneta unica.

crollo-ue

Intanto, la Gran Bretagna crescerà più della Germania ed è giusto che sia così, perché molta colpa del fallimento dell’€uro è tedesca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...