871.- I mandanti di Ankara. Hanno lasciato la firma. Di Maurizio Blondet

3832664

“Dobbiamo sapere chi ha dato gli ordini”: così Vladimir Putin ha commentato l’assassinio dell’ambasciatore Karlov a Ankara. Da vecchio agente dei servizi, non crede nemmeno per un attimo allo “spontaneo assassino solitario”.
Meno legato da obblighi diplomatici, Vladimir Zhirinovsky, capo del Partito Liberal Democratico (nazionalista): è stata “un’operazione false flag dell’Occidente”. Aleksei Pushkov, già capo della commissione esteri alla Duma: “E’ stata un’azione pianificata…ed è altamente probabile che ci siano dietro elementi dei servizi della NATO. E’ una vera provocazione e una sfida per la Russia”.

3b85d82e00000578-0-image-a-2_1482171685400ankara-amb-russ

676a36dce91a4741886c40130f100e1c-gthmb

Nessun organo italiano ha riportato queste accuse, ci han continuato a far credere al pazzo solitario. Eppure non vengono da siti complottisti, bensì dal britannico Independent:

http://www.independent.co.uk/news/world/europe/russia-ambassador-shooting-turkey-nato-security-services-andrey-karlov-a7485296.html :
A senior Russian MP and Putin ally has said Western countries planned the fatal shooting of Russia’s ambassador to Turkey. Andrey Karlov was shot dead at an art gallery in Ankara by a man believed to be Mevlűt Mert Altintaş, 22, an off-duty Turkish police officer. Altintaş reportedly shouted: “We die in Aleppo, you die here”, before shooting the ambassador repeatedly in the back. The Russian Foreign Ministry confirmed shortly after that Mr Karlov had died from his wounds and called the killing “a terrorist act”. Foreign ministry spokeswoman Maria Zakharova said: “Today in Ankara as a result of an attack, the ambassador of the Russian Federation to Turkey, Andrey Gennadyevich Karlov, received a wound from which he died.
“We regard this as a terrorist act.”
Vladimir Zhirinovsky, who leads the right-wing nationalist Liberal Democratic Party of Russia, said the killing was “a false flag operation by the West”.  Mr Zhirinovsky claimed the West orchestrated the shooting to prevent Turkish-Russian rapprochement following a year of tensions, which have gradually eased in recent months. Other Russian politicians also rushed to link Western governments to the assasination. Alexey Pushkov, the former head of the foreign affairs committee of the Russian State Duma, or lower house of parliament, claimed the killing was a direct result of media “hysteria” concerning Aleppo, purveyed by “enemies” of Moscow. Frantz Klintsevich, the deputy chairman of the upper chamber of the Russian Parliament’s defence and security committee, reportedly said the assassination of Mr Karlov was a “true provocation”. He said: “It was a planned action. Everyone knew that he was going to attend this photo exhibition. 
“It can be Isis, or the Kurdish army which tries to hurt Erdogan. “But may be – and it is highly likely – that representatives of foreign Nato secrets services are behind it. “What has happened is a true provocation, a challenge. It is a challenge for Russia”, he added. Mr Klintsevich has previously promised a “harsh and unambiguous” response from Russia in response to NATO expansion and said Russia would “aim our weapons, including the nuclear ones” at any countries that seek to join the Western military pact. The shooting came a day before Russia, Turkey and Iran were due to hold talks over the ongoing conflict in Syria. Russia and Iran have backed Syrian President Bashar al-Assad while Turkey has supported his enemies. World leaders and foreign minsters rushed to condemn the assassination. UK Foreign Secretary Boreign Johnson called it “despicable” and “cowardly”.

 

Un americano “professionista” anche lui, Scott Bennett, ex ufficiale dell’Ufficio Guerra Psicologica dell’US Army, ha detto a caldo:

“Questa è la tipica azione di elementi ‘terzi’ (third party elements) come il Mossad israeliano e Netanyahu, o genuini simpatizzanti IS per alienare Russia e Turchia”.

The assassination of Russia’s ambassador to Turkey on Monday may have been plotted by elements in Israel or by Daesh (ISIL) sympathizers to damage the improving ties between Moscow and Ankara and disrupt the peace process in Syria, a political analyst in California says. The murder may have also been ordered by Turkish President Recep Tayyip Erdogan to falsely blame the attack on US-based Turkish opposition cleric Fethullah Gulen and push for his extradition, said Scott Bennett, a former US Army psychological warfare officer.
“This is a typical move by third-party elements such as the Israeli Mossad and [Prime Minister Benjamin] Netanyahu or genuine ISIL sympathizers to trigger an alienation between Russia and Turkey,” Bennett told Press TV on Wednesday. The Russian ambassador to Turkey, Andrei Karlov, was fatally shot on Monday by an off-duty policeman while attending an event at an art gallery in Ankara. The assailant, identified as 22-year-old Mevlut Mert Altintas, was later killed in a shootout with police. After carrying out the murder, which was caught on camera, the assailant went on a rant, blaming Russia for the death of civilians in the Syrian city of Aleppo. The assassination was condemned by the Turkish and Russian leaders as an attempt to derail bilateral ties. It came as the countries are maintaining cooperation over the Syrian crisis.
Moscow and Ankara support the opposing sides of the conflict in Syria and the two have military presence in the Arab country. On Tuesday, Turkey blamed Gulen for the assassination and tried to place blame on the United States for allowing the cleric to live in the country. However, US Secretary of State John Kerry denied American involvement in the assassination, voicing concern about Ankara’s rhetoric against Washington. Kerry has raised concerns about “some of the rhetoric coming out of Turkey with respect to American involvement or support, tacit or otherwise, for this unspeakable assassination yesterday because of the presence of Mr. Gulen here in the United States,” US State Department spokesperson John Kirby told reporters on Tuesday.

Ammazzare un ambasciatore non è solo un crimine. Se ordinato da uno Stato occidentale, è una barbarie che degrada l’Occidente, i suoi millenni di cultura politica, e svelle alla base ogni minima di fiducia fra nazioni: dopo un simile delitto, le riunioni internazionali devono seguire i rituali dei gangster (americani), con perquisizioni, “lasciate le pistole nel guardaroba”, e fuori i guardaspalle di ogni cosca con il mitra e colpo in canna.

Ricordo che progetti di assassinio “alla gangster” di russi sono stati enunciati senza pudore da Michael Morell, un ex capo della Cia:

Clinton/Morell: “Make Russia Pay a Price”

Quindi è quasi ovvio che nelle ultime ore si siano indicati fra i sospsetti mandanti: Erdogan – che non è occidentale – Israele (“Netanyahu”) che schifa la civiltà per principio talmudico, e Barak H. Obama, il presidente uscente, già noto per queste punture di scorpione, campione di doppiezza e estraneo alla cultura politica occidentale, compreso l’ordine di Norimberga instaurato dagli Usa. E’ il presidente che da anni ha decretato assassini mirati coi droni, scegliendo le sue vittime da liste della Cia – che ha trasformato, come dice Shamir, nella Centrale di Assassini.

Il movente è stato l’affronto a Washington

Schermata 2016-12-23 alle 16.04.20.png

Il motivo indicato: i negoziati per la pace in Siria fra Russia, Turchia ed Iran, che Putin è riuscito a organizzare e si è tenuto a Mosca. Gli Stati Uniti non sono stati invitati. “Per Washington, un affronto”, che per di più ne sanciva l’irrilevanza nell’area. Anche “Netanyahu” forse è offeso di non essere stato invitato.

Gli ambienti neocon “americani” non sono riusciti a nascondere la loro gioia ed esultanza per l’omicidio di Karlov.

c0musejuqaa0bqvcol_hdr_kuntzman  Gersh Kuntzman: “Non piangiamo per il lacché di Putin”

(questo tipico ipocrita a stelle e strisce non si fa carico delle distruzioni e dei milioni di morti causati dagli americani in Medio Oriente e ovunque nel mondo, non guarda al supporto dato ai terroristi dal triplo Obama, ma, come un’invasato, biasima soltanto la difesa russa dello spazio vitale. ndr)

e esordisce con un articolo quasi incredibile per l’odio e la violenza che esprime sul New York Daily News:

japan-russia
So now Vladimir Putin is demanding an apology from me. Who knew that a strongman supporting mass atrocities in Syria could be so sensitive?
Putin has, of course, thrown his military might behind the campaign to crush Syrian rebels. Russian aircraft have savagely bombed the city of Aleppo, killing untold innocents, including children.
“The responsibility for this brutality lies in one place,” President Obama said on Monday, assigning the blame clearly to Russia and co-conspirator Iran.
“This blood and these atrocities are on their hands,” our president added.

russiagersh.jpg

Schermata 2016-12-23 alle 18.22.45.png

“Come uomo di Putin in Turchia, Karlov era la faccia pubblica dei crimini di guerra commessi nel mondo da quel dittatore assassino e della sua opressione in patria. Andrei Karlov è l’incarnazione in forma umana di direttive che hanno usato bombe ‘bunker buster’ per uccidere bambini, ha mandato i caccia a fare terra bruciata con le bombe di un’intera città” [sembra quasi che parli di Obama o Netanyahu, ma no:] ha aiutato il pazzo siriano Assad nella compagna che ha ammazzato centinaia di migliaia, ed ha persino ordinato aggressioni contro i soccorritori dell’ONU [sic]. Giustizia è stata fatta”. Non è questa l’America in cui crediamo!

Un delirio, un rantolo di rabbia e di menzogna, senza freni inibitori. Come qualche lettore che abbia “orecchio” ai toni del Talmud può aver già indovinato, l’autore è un Gershon Kuntzman, della nota ‘cultura’. Infatti, l’assassinio dell’ambasciatore Karlov gli ha fatto venire a mente “il caso di Ernst vom Rath, il diplomatico nazista in Francia, che fu sparato dentro il suo consolato da uno studente ebreo nel 1938”.

“Come Karlov, Rath era la faccia pubblica dell’atrocità, nel suo caso del genocidio, antisemitismo e prossima aggressione mondiale di Adolf Hitler. Era forse Rath una vittima innocente? Certo no. Non solo appoggiò l’oppressione degli ebrei come ‘necessaria’ perché la Germania prosperasse, ma ha affiancato Hitler senza far nulla mentre divorava lì Europa….”.

Similmente, ringhia Kuntzam, “il lavoro di Karlov in Turchia era di alleviare le tensioni sulle atrocità della Russia in Siria e le sue incursioni dentro la Turchia stessa [sic: notate la menzogna aperta e svergognata, tipica della ‘cultura’] ossia il suo lavoro era di abilitare e normalizzare Vladimir Putin”.

“Dato questo suo ruolo, egli non era un diplomatico ma un soldato, e la sua morte è la stessa, che sia accaduta in battaglia fuori Aleppo o in una galleria d’arte ad Ankara. Anche il suo killer era un soldato – attenti, non un terrorista ma un soldato. I terroristi ammazzano gente innocente con i camion nei mercatini di Natale o con aerei contro i grattacieli. I soldati ammazzano altri soldati”.

Praticamente, è la firma di “Ysroel” sull’assassinio. Con le tipiche auto-assoluzioni talmudiche quando Ysroel infrange qualche pilastro del diritto pubblici europeo, ossia della civiltà – “non era un diplomatico ma un soldato” – e perfino il tocco di spudorata chutzpah: “terroristi” sono quelli che ammazzano innocenti, che hanno fatto l’’11 Settembre (e Kuntzman lo sa bene, chi l’ha fatto), quelli che “lanciano camion contro i mercatini di Natale” (anche di questi sa chi sono i mandanti).

Il padrone del giornale su cui scrive è Mortimer Zuckerman: non solo miliardario ebreo, non solo finanziatore della Clinton; è l’uomo che ha riunito almeno una discretissima riunione di giuristi e milionari per esaminare come “la morte di un candidato può annullare le elezioni”, insomma quale fosse il momento più opportuno della morte di Donald Trump, in modo da mantenere al potere Obama.

zuckerman

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...