865.- F-35 non vola (causa pioggia). Ma Trump lo cancellerà davvero?

aerei

“Il programma F-35 e il suo costo sono fuori controllo – ha twittato The Donald il 12 dicembre. – “Si potranno risparmiare miliardi di dollari in acquisti militari (ed altri) dopo il 20 gennaio”. Pochi giorni prima aveva criticato il costo del nuovo Air Force One, ossia la Boeing; adesso la Lockheed Martin. Non manca di coraggio, a sfidare le vacche sacre del sistema militare-industriale, che danno lavoro a migliaia di dipendenti e al Pentagono. La Lockehed ha risposto con un comunicato ammantato di virtù offesa, dove sostanzialmente si diceva: l’F-35 costa (ma la Casa proverà a ridurne il prezzo dai 100 agli 85 milioni a pezzo) per le sue “amazing technologies”, le sue meravigliose tecnologie; è “invisibile”, è un aereo della Quinta Generazione; è eccezionale, come l’America stessa è un paese eccezionale.

mg_0989-965x543-1
An F-35 fighter jet lands in the Nevatim air base in southern Israel on December 12, 2016. (Judah Ari Gross/Times of Israel)

Poi è avvenuto un piccolo fatto, che mostra come la fortuna aiuti gli audaci. Alla base aerea israeliana di Nevatim, è in corso una cerimonia importante: stanno per essere consegnati i due primi F-35 al solo e vero alleato. Sono presenti le massime autorità, ammiragli, generali e gallonati dei due paesi, piloti con le famiglie. Il rinfresco per il brindisi è già apparecchiato. Ashton Carter, l’ancora per poco ministro della Difesa, nel suo discorso si commuove liricamente per il fatto che Israele è il primo Stato fuori dagli Usa a ricevere quelle meraviglie . “Non c’è miglior simbolo dell’impegno americano alla sicurezza di Israele che l’F35, il migliore aereo nei cieli”0. Jeff Bibione, che della Lockheed è il capo-progetto del meraviglioso F-35 (un progetto in ritardo di soli 16 anni) è raggiante. Netanyahu è estasiato. Il presidente israeliano Reuvlen Rivlin, alato: “L’aereo che atterrerà qui cambierà le regole del gioco. Nella nostra regione non possiamo essere secondi”.
Sei ore di ritardo

Applausi. Poi tutti col naso in aria in attesa di vedere avvicinarsi dal cielo la coppia di meravigliosi caccia che stanno per cambiare le regole del gioco. Ma passano 20 minuti, e i meravigliosi non si vedono. Bibione diventa nervoso e s’attacca allo smartphone. Scambi di ansiose telefonate con la base del Sud Italia (forse Sigonella) da cui i due letali gioielli devono decollare. Ma in Italia c’è nebbia, dice ai presenti. Altre telefonate, poi: in Italia piove. Si aspetta che spiova. (Alla fine, la colpa sarà della base di Sigonella, “chiusa per condimento”.ndr)

I due F-35 arrivano con 6 ore di ritardo. “Ma si sa che appena entra in servizio”, commenta sarcastico Dedefensa, “una risoluzione del Congresso vieta alla pioggia di manifestarsi su una base dove l’F-35 è dispiegato, la macchina avendo reso chiaro che la sua eccezionalità gli vieta di rischiare la minima macchiolina sul suo rivestimento assolutamente stealth decollando e facendo evoluzioni col tempo cattivo. E’ così che si vincono le guerre, dettando le condizioni in cui si svolgerà il conflitto – tempo sereno e accordo del nemico di lasciare l’F-35 di sparare per primo (…) dopo che la cosa avrà decollato, abbronzata dal sole israeliano”.

Sempreché non abbia a che fare con un S-400. Perché, come ha valutato la forza aerea australiana, il cacciabombardiere “invisibile” può arrivare al punto di lancio delle armi, “ma non può sfuggire date le limitazioni di velocità. Un F-22 può”. Sicchè anche l’Australia ha imitato il Canada, acquistando invece 24 Super Hornet della Boeing ; seguendo l’esempio di Danimarca, Norvegia, Olanda che ha ridotto lo stanziamento per l’acquisto. Finisce che a mantenersi fedele all’impegno di acquistare 90 di queste meraviglie che non volano quando piove sarà – indovinate? L’Italia. Gentiloni è la persona più adatta. Deve anche farsi perdonare il fatto che è andato in Usa a fare il tifo per Hillary: da ministro degli esteri in carica, per giunta, si apprezzi il senso di responsabilità, la prudenza unita alla lungimiranza del grande statista: è l’F-35 della diplomazia.

air_f-35_manufacture_aft_lg

Le “riforme” vanno fatte al Pentagono

Torniamo al coraggio di Trump; non pochi ritengono che esso si manifesti a parole, ma aspettano di vedere gli atti. Parti e pezzetti da fabbricare di F-35 sono stati oculatamente sparsi dalla Casa costruttrice in numerosi distretti del Congresso; ogni sforzo di tagliare le spese della Meraviglia avrà la sicura opposizione di decine di senatori e deputati, il cui elettorato li aizzerà a resistere ai licenziamenti.

economic_impact-2__thumbnail
Gli Stati che fabbricano parti di F 35

Perché, in fondo, il complesso militar-industriale insieme al Pentagono sono l’equivalente, in misura titanica, del nostri sistema di pubblico parassitismo e di appalti pubblici: a modo suo Lockheed Martin “dà posti di lavoro” e il Pentagono, pagando cifre spropositate un aereo che non affronterà mai una battaglia, fa’ – in certo modo – spesa “sociale”. Naturalmente, come da noi, questa attività “sociale” comporta mazzette e collusioni incestuose pubblico-privato. Qualche giorno fa, in un discorso a Baton Rouge (Louisiana) Trump ha espresso il progetto di vietare per legge alle Case produttrici di armamenti e altri contractors per la Difesa, di assumere ex dirigenti del Pentagono, specie i responsabili degli acquisti. “Alla gente che fa questi contratti per il governo non deve mai essere consentito di andare a lavorare per quelle ditte…devono aver una restrizione per tutta la vita”.

generale capo di stato maggiore dell’aviazione Mark Welsh

Quando ha parlato così, la Northrop Grumman aveva appena assunto nel suo board il generale capo di stato maggiore dell’aviazione Mark Welsh, per sviluppare il nuovo bombardiere B-21 Raider (anche quello “invisibile”) di cui la Northrop s’è aggiudicata il succoso contratto da 100 miliardi, strappandolo alla Boeing e alla Lockheed. Responsabile del contratto per il Pentagono, è stato – indovinate? – il generale Welsh.

usmc-060914-m-5585b-006
generale dei Marines James Mattis, ritiratosi nel 2013, dunque ha bisogno di una deroga dal Congresso per poter ricoprire il ruolo, in quanto è richiesto che si sia lasciata almeno da sette anni l’attività operativa. Un altro dei problemi è un potenziale, risolvibile conflitto di interesse: è membro del board della General Dynamics, ditta appaltatrice della Difesa che costruisce sottomarini, blindati, aerei.
il gen. Michael Flynn per il ruolo di consigliere per la sicurezza nazionale e il gen. John F. Kelly (Marine) alla Homeland Security. Michael Flynn tenne il comando della Dia (Defence Intelligence Agency), l’agenzia militare di servizi segreti, dal 2012 al 2014, quando fu estromesso da Obama per divergenze di vedute.

Sono i generali che Trump ha scelto per il suo governo, Mattis alla Difesa, Kelly alla Homeland Security, Flynn come consigliere speciale – a suggerirgli questi propositi; sono esperti di dove si celano le pozze della “palude da prosciugare” al Pentagono.

Stato profondo contro stato profondo

La forza e la pericolosità delle potenze che sfidano all’interno degli Usa non va sottovalutata. La Cia (o sua frazione) che ambiguamente lo accusa di essersi fatto aiutare a rubare i voti da Putin, innescando l’attacco dei media ostili, agisce su indicazione di Obama. Al punto che John Bolton, il neocon che Donald Trump ha messo nel governo (però “sotto” Tillerson, l’amico di Putin segretario di Stato), ha ipotizzato che possa venire fuori una prova “fabbricata” – un false flag, e lui se ne intende – per invalidare la vittoria di Trump.

Anche l’attacco a sorpresa a Palmira, cui hanno partecipato 4-5 mila combattenti dell’IS armati di cingolati e Jeep con mitragliatrici, perfettamente comandati, porta la segnatura del CENTCOM, il quartier generale Usa per il Medio Oriente (che nell’area comanda 58 mila regolari Usa più 42 mila contractors): l’IS è sotto attacco a Mossul dagli iracheni; sotto attacco a Raqqa dai curdi YPG (protetti da Usa), sotto attacco dai turchi e loro turco foni tra Raqqa e Aleppo; la zona è sorvolata continuamente da droni e aerei Usa, e non sorvolata dai russi proprio per evitare incidenti; e improvvisamente, l’IS dispone di 4-5 mila uomini e carri armati per puntare su Palmira? Lavrov e i servizi siriani hanno accusato, l’uno velatamente e gli altri esplicitamente, l’intelligence americana che avrebbe teleguidato i tagliagole; è un colpo di coda di Ashton Carter prima di lasciare la scrivania? Una vendetta per la caduta di Aleppo? Logorare la povera armata siriana? Far pagare un prezzo ai russi?

Il tutto è condito di fake news, notizie false, per travolgere Trump. Un vero turbine.

Un ultimo esempio, aeronautico, per chiudere.

“La Cina ha fatto decollare bombardieri capaci di portare bombe atomiche prima della telefonata fra Trump e il presidente di Taiwan”: così titolava Fox News, il 5 dicembre.

china-h6

The Chinese H-6 bomber: year deployed 1965, range,  3.100 km,  is equivalent to combat radius, which for some H-6 bombers can be extended with air refueling. The H-6 bomber flew along the disputed "Nine-Dash line" Thursday, which surrounds the South China Sea and dozens of disputed Chinese  islands, many claimed by other countries in the region.

Peccato che Pechino non disponga di nessuna bomba atomica da aerotrasportare. Il suo deterrente strategico consiste in 260 testate nucleari montate su missili (Usa e Russia ne hanno ciascuno 7 mila), come risulta dallo studio del Bulletin of Nuclear Scientists, a firma di H.M. Kristensen e Robert S. Norris, che si basano anche su dati del Pentagono, intitolato Chinese Nuclear Forces 2016, e pubblicato online il giugno di quest’anno.

Tutta la “fake news” allarmistica di Pechino che fa’ decollare bombardieri strategici in risposta alla telefonata fra Trump e la presidente di Taiwan, non ha altro scopo che far credere che il presidente-eletto, con la sua “ignoranza”, ha dato prova di mancanza di diplomazia e mette in pericolo la sicurezza del popolo americano. In realtà, Donald Trump ha nominato ambasciatore a Pechino Terry Branstad, per sei volte governatore dello Iowa, “vecchio amico della Cina” e personalmente del presidente Xi Jinpin – che è stato nello Iowa un paio di volte. Questo stato agricolo è grande fornitore ai cinesi di soya e maiale. Sembra essere lo stile (commerciale) di The Donald: parole grosse e, poi, gesti piacevoli. E’ un modo di contrattare, di fare “un buon deal”.

Di Maurizio Blondet

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...