821.-MIGRAZIONI E FUTURO DELL’EUROPA

1043629_nigeria-fighting-polio-j16

L’accoglienza e la solidarietà, se gestite con raziocinio, possono condurre a risultati di segno positivo. “Science for Peace affronta il problema dell’immigrazione clandestina e dei profughi, proponendo le seguenti linee di azione ai decisori politici a livello europeo, nazionale e locale, secondo le rispettive competenze:

1 affrontare le cause alla base dei flussi migratori

2 creare canali sicuri di accesso all’europa

3 accogliere i migranti e gestire le procedure di asilo

4 integrare i migranti nelle nostre società”
Proprio per poter integrare i migranti nelle nostre società, ritengo si debba:

1) salvaguardare le identità dei paesi europei, risolvendo il problema della massa di clandestini presente in Europa e, segnatamente, in Italia. Nei limiti del possibile, a persone che hanno lasciato alle spalle la propria identità, si ha il dovere di offrire la nostra. Solo dopo, si potrà parlare di integrazione.

2) condivido la proposta di stipulare accordi bilaterali e multilaterali con i paesi di provenienza per investirvi in realtà imprenditoriali in compartecipazione; ma con il sostegno di un istituto finanziario nazionale.

science-for-peace

Appello finale Conferenza science for peace 2016

Le migrazioni costituiscono una delle sfide più grandi che l’europa si trova oggi a fron- teggiare. nel corso del 2015, oltre un milione di migranti hanno attraversato il Medi- terraneo. provenivano da paesi segnati da conflitti devastanti, come la Siria e l’iraq, o in cui lo stato viola i diritti fondamentali dei propri cittadini, come l’eritrea. non tutti i flussi migratori sono costituiti da rifugiati: molti dei migranti giunti in italia e provenienti dall’Africa sub-sahariana abbandonano contesti segnati da forte crescita demografica, sottosviluppo, povertà, mancanza di lavoro. Queste sono motivazioni strutturali che, con tutta probabilità, alimenteranno i flussi migratori verso l’europa nei prossimi decenni.

le stime mostrano una realtà drammatica: a novembre 2016 sono oltre 4.600 i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo, un numero addirittura superiore alle 3.770 vittime registrate nel 2015.

Dietro a questi dati si celano le vite di uomini, donne e bambini. Di fronte a loro Science for peace, in linea con la sua vocazione originale, intende ribadire con forza il ruolo della comunità scientifica nel superare le cause all’origine di conflitti, tensioni e disugua- glianze sociali, che spesso sono alla base dei flussi migratori. nello specifico, la comunità scientifica deve impegnarsi ad analizzare le ragioni all’origine di tali fenomeni e formulare, sulla base delle evidenze raccolte, linee di azione e proposte concrete. Tutto ciò con gli obiettivi di migliorare le condizioni di vita dei paesi di origine e supportare i paesi di destinazione nell’elaborazione di politiche e programmi efficaci di gestione e integrazione dei migranti.

l’appello

Science for peace rivolge un appello alle istituzioni europee e ai governi degli Stati membri della UE affinché, di concerto con l’intera comunità internazionale, affrontino le cause alla base dei flussi migratori forzati. in primo luogo, intensificando l’azione diplomatica per raggiungere una soluzione politica ai principali conflitti in corso. in secondo luogo, estendendo la portata dei programmi di cooperazione bilaterale e multilaterale, con l’obiettivo di favorire la stabilizzazione politica economica e sociale dei paesi di partenza dei migranti.

Parallelamente, è necessario operare in modo unitario per l’elaborazione di una politica europea negli ambiti dell’immigrazione e dell’asilo. Crediamo che la risposta alle sfide poste dai flussi migratori risieda nella solidarietà e nell’equa ripartizione della responsabilità fra gli Stati europei, come sancito dall’Articolo 80 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

le linee d’azione
Science for peace intende proporre le seguenti linee di azione ai decisori politici a livello europeo, nazionale e locale, secondo le rispettive competenze:

1  affrontare le cause alla base dei flussi migratori

2  creare canali sicuri di accesso all’europa

3  accogliere i migranti e gestire le procedure di asilo

4  integrare i migranti nelle nostre società

 

affrontare le cause alla base dei flussi migratori

Nel lungo periodo, una soluzione duratura ai flussi forzati non può che passare per un’azione incisiva sulle cause di ordine politico, economico e ambientale, in gran parte dovute ai cambiamenti climatici in corso, che ne stanno alla base.l’impegno dell’intera comunità internazionale deve rivolgersi, in primo luogo, alla prevenzione dei conflitti fra Stati, e interni agli stessi. la messa in atto di una realistica agenda politica per ridurre le spese militari e porre in essere efficaci strumenti di controllo del commercio di armi costituisce un obiettivo centrale per contrastare una delle principali cause delle migrazioni forzate.

È infine prioritario rafforzare i programmi di cooperazione bilaterale e multilaterale a sostegno dei paesi da cui provengono i migranti, ponendo le basi per la stabilizzazione politica e lo sviluppo economico di questi paesi. Un’attenzione specifica va posta anche ai paesi che ospitano il maggior numero di rifugiati. la comunità interna

zionale deve porre al centro dei suoi sforzi il supporto alle istituzioni nazionali e locali in ambiti cardine come la sanità, l’istruzione, il mercato del lavoro. inoltre, in linea con gli obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’ONU, è fondamentale adottare programmi per sradicare la povertà e garantire un accesso equo alle risorse primarie, quali l’acqua, il cibo e l’energia sostenibile. Come affermato dalla Dichiarazione di new York per i rifugiati e i migranti approvata dall’Assemblea generale delle nazioni Unite il 19 settembre 2016, migrare dovrebbe essere sempre una scelta e mai una necessità.

Le azioni intraprese devono mirare a consolidare la stabilità e la resilienza delle società in cui i migranti risiedono o in cui fanno ritorno, così da creare le condizioni per la messa in atto di soluzioni sostenibili e di lungo periodo alle sfide poste dai movimenti migratori forzati.

creazione di canali sicuri di accesso all’europa

Come drammaticamente mostrato dai tragici incidenti che si susseguono nel Mediterraneo, oggi chi necessita di protezione non ha modo di raggiungere in modo sicuro i paesi dell’Unione europea. Molte persone sono costrette a muoversi in modo non autorizzato, alimentando il business dei trafficanti ed esponendosi a rischi elevatissimi.

In questo contesto, come auspicato anche dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, è prioritario creare canali di accesso legale alla protezione nell’Unione europea. Questo obiettivo potrebbe essere perseguito:
• aumentando l’offerta di posti per il reinsediamento;

• erogando visti umanitari;
• esplorando ulteriori canali legali di accesso oltre a quelli umanitari (estensione delle opportunità di ricongiungimento familiare, erogazione di borse di studio per studenti, ulteriori possibilità di ingresso per motivi di lavoro).

accoglienza e gestione delle procedure di asilo

La gestione dell’accoglienza non può essere affidata solo a un numero limitato di Stati. oggi cinque paesi mem- bri (germania, italia, francia, Austria e Ungheria) gestiscono circa l’85% di tutte le domande di asilo presentate nella Ue. è prioritario mettere in atto un sistema di incentivi, anche economici, affinché tutti gli Stati membri contribuiscano all’accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati sulla base delle rispettive capacità e secondo modalità condivise.

Significative divergenze ancora sussistono fra gli Stati Ue sugli standard di accoglienza e le procedure per il ri- conoscimento della protezione internazionale. finché queste differenze non saranno colmate, non sarà possibile sanare gli squilibri che caratterizzano il sistema europeo comune di asilo, precludendone la piena attuazione. Si raccomanda, quindi, di procedere in tempi rapidi all’attuazione delle necessarie riforme legislative, con l’obiettivo di uniformare i criteri e le procedure per il conferimento della protezione internazionale, così come gli standard di accoglienza dei richiedenti asilo nei paesi europei.

Per quanto riguarda l’accoglienza, i decisori politici nazionali hanno la specifica responsabilità di superare la logica emergenziale che ha caratterizzato, e caratterizza tuttora, le strategie adottate in numerosi Stati europei. occorre mettere in atto riforme strutturali per creare sistemi di asilo organici, in grado di rispondere in modo efficace alle fasi della prima e della seconda accoglienza.

È necessario prestare particolare attenzione alle esigenze dei minori non accompagnati e di altre categorie vulnerabili – disabili, donne, vittime di tratta, vittime di tortura – nel pieno rispetto delle tutele già garantite dalla legislazione europea e internazionale.

L’italia, in particolare, si trova oggi in procinto di attuare una riforma in profondità del sistema di accoglienza. per gestire efficacemente la crescita significativa delle persone ospitate negli ultimi anni, occorre predisporre un approccio sinergico fra autorità centrali, enti locali e associazioni del terzo settore. La strada da percorrere deve prevedere, come delineato dall’intesa raggiunta nell’ottobre 2016 dal Ministero dell’interno e dall’AnCi, l’accoglienza diffusa dei migranti in tutti gli 8.000 comuni italiani.

integrazione dei migranti nelle nostre società

Occorre favorire un processo di graduale integrazione dei migranti all’interno della società ospitante, a prescin- dere dal fatto che essi si siano spostati per motivi di lavoro, ricongiungimento familiare o per motivi umanitari. l’acquisizione della cittadinanza rappresenta uno stadio decisivo all’interno di questo processo. per quanto ri- guarda l’italia, la rapida conclusione del processo di riforma della legge sulla cittadinanza per i figli di genitori stranieri, attualmente al vaglio del Senato, costituirebbe un primo importante segnale della volontà di creare una società inclusiva per le nuove generazioni.

L’accesso al mercato del lavoro costituisce una condizione prioritaria per garantire il benessere complessivo dei migranti e, al tempo stesso, promuovere la coesione sociale. i beneficiari di protezione internazionale presenta- no oggi livelli di accesso al mercato del lavoro inferiori, non solo rispetto ai nativi ma anche agli altri cittadini non-Ue. necessitano, quindi, di misure specifiche, che tengano conto delle maggiori difficoltà di integrazione che devono fronteggiare.

Andrebbero adottate, anche con il supporto finanziario e istituzionale dell’Unione europea, una serie di misure per favorire l’integrazione socio-economica dei migranti. in particolare, riteniamo utile:
a. semplificare e promuovere i sistemi di riconoscimento dei titoli di studio acquisiti all’estero. estendere e uniformare i sistemi di validazione degli apprendimenti non-formali e informali dei migranti, attraverso l’introduzione di strumenti di valutazione flessibili e favorendo il coinvolgimento del settore privato;

b. estendere e potenziare l’offerta di corsi di lingua sin dai primi mesi di permanenza, anche in vista di un rapido inserimento nel sistema educativo. promuovere l’apprendimento delle lingue o dei lessici utili in determinati  segmenti del mercato del lavoro, a integrazione delle competenze già acquisite da ciascun individuo;

c. favorire l’accesso dei migranti a esperienze lavorative qualificanti, quali programmi di tirocinio o apprendistato, attraverso la creazione di partnership con il settore privato, le ong, le fondazioni bancarie e di impresa;

d.  valorizzare e incentivare l’apporto dei richiedenti asilo e dei beneficiari di protezione per il rilancio economico e sociale dei territori abbandonati/spopolati o in fase di decrescita economica, promuovendo la messa in atto di iniziative di integrazione in quei contesti.

Milano, 18 novembre 2016

presidente science for peace:

umberto veronesi

vice presidenti:

giancarlo aragona, kathleen kennedy townsend, alberto martinelli

comitato di programma:

guido barbujani, emma bonino, domenico de masi, giulia innocenzi, letizia mencarini, telmo pievani, chiara tonelli, francesco vignarca

Annunci

Un pensiero su “821.-MIGRAZIONI E FUTURO DELL’EUROPA

  1. Tra le varie voce della bozza di legge di Stabilità, si leggono finanziamenti destinati ai migranti e all’Africa d’importo rilevante.
    L’articolo 79, come riporta il Giornale, prevede l’istituzione di un Fondo per l’Africa “con una dotazione finanziaria di 200 milioni di euro per l’anno 2017, per interventi straordinari volti a rilanciare il dialogo e la cooperazione con i Paesi africani d’importanza prioritaria per le rotte migratorie”. Soldi destinati a Egitto, Libia e Tunisia che finora hanno fatto ben poco per collaborare alla riduzione dell’emergenza sbarchi.
    Ci sono poi i 280 milioni di euro aggiuntivi stanziati per le attività di “accoglienza, inclusione e integrazione in materia di trattamento e di accoglienza per stranieri irregolari”. A goderne gli effetti saranno i centri di accoglienza e gestione dei profughi. A questi fondi vanno aggiunti quelli “ordinari”: per il 2016 è prevista una spesa di 1,5 miliardi di euro.
    A chi dice “aiutiamoli a casa loro” ecco la risposta del governo: 1,8 miliardi di euro erogati nel 2015 per la “cooperazione internazionale” che dovrebbe portare “sviluppo” e “aiuto concreto a uomini, donne e bambini” africani e non solo nei loro Paesi. Fin qui, si ragiona, ma, poi: Riepilogate anche le voci di intervento: un milione di euro erogato per “inclusione e reinserimento sociale delle persone che vivono in strada nelle città di Conakry, Kindia e Labè” in Guinea, 13,6 milioni di euro per il “risanamento urbano di Ca Mau City” in Vietnam (!!!) , fondi anche per aiutare la comunità gay e lesbica in Uganda (!!!!!!!!!!!!!!).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...