809.-Il trattato di Maastricht e quello che i giornalai non ti dicono…

storia-ue-caterina-vittoria-e-ludovica-3-638

Il trattato di Maastricht,che nel 1992 delegò molti poteri dagli stati membri a Bruxelles,fu un’altra legislazione non letta da quasi tutti i parlamentari che la votarono in Gran Bretagna.Un ministro dell’epoca,Kenneth Clarke (Gruppo Bilderberg) ,durante una intervista con la BBC ammise di non aver letto la legge,sebbene in quel momento la sostenesse attivamente.E questo accadde in un periodo storico di cui è di vitale importanza studiare attentamente ogni comma legislativo,perchè stiamo assistendo nientemeno che dall’introduzione clandestina di un regime fascista in un paese dopo l’altro.E chi si prende il disturbo di seguire la faccenda,vedrà che ora non è nemmeno piu così “clandestina”.
Dietro al titolo apparentemente insignificante si celebra il potere di promulgare moltissime leggi senza i normali passaggi parlamentari.John Spencer,professore di giurisprudenza a Cambridge,l’ha ribattezzata “Legge per l’abolizione del Parlamento”.Il testo dona all’esecutivo il potere di imprigionare i cittadini per un anno,imporre gli arresti domiciliari e concedere alla polizia piu poteri per arrestare e interrogare i sospetti,senza alcun dibattito parlamentare.Permette di creare nuovi tribunali e cambiare la legislazione in materia di immigrazione,nazionalità ,divorzio,eredità.
UN esempio:

“La sottosezioni (4) e (5) sono provvedimenti di transazioni.Riguardano le consultazioni avvenute antecedente l’entrata in vigore di questi articoli.Se una consultazione avviene prima che la sottosezione (4) entri in vigore,e se tale consultazione soddisfa qualcuno dei requisiti siano stati soddisfatti.Non è quindi necessario ripetere le consultazione.La sottosezione (5) si applica specificamente laddove la legge del 2001 è stata abrogata al momento dell’emissione di un decreto.In queste circostanze, dove la proposta di un decreto conforme all’articolo I di questa legge sia la medesima proposta in base alla sezione I di questa legge sia la medesima proposta in base alla sezione I della legge del 2001 e queste proposte siano state sottoposte a consultazione in conformità a tale legge,allora si riterrà che la consultazione è avvenuta per gli scopi di questo articolo (anche laddove le proposte siano state variate a seguito di una consultazione in base alla legge del 2001 e si fosse ritenuto opportuno escludere ulteriori consultazioni).Questo significa che tali proposte non necessitano di essere nuovamente sottoposte a consultazione se un decreto andava promulgato in base alla legge del 2001,ma verrà invece promulgato in conformità all’articolo I di questa legge.

Il trucco è nascondere le gravi riforme del sistema dietro ingarbugliati passaggi come quello appena citato ed è un metodo di manipolazione usato in tutto il mondo dai potenti.
Tomas Garulli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...