691.-Da MPS a Unicredit: l’attacco al sistema bancario italiano (di Primo Gonzaga)

Di fronte ai continui attacchi criminali della finanza, passando attraverso
le nostre banche, verso l’economia reale di chi vive e lavora in Italia, senza che nessuno delle nostre autorità (?)preposte alzi la guardia e ponga un argine invalicabile,(sono stati bravi solo a rubare?), almeno un punto fermo lo dobbiamo fare per avere la consapevolezza di quello
che realmente sta succedendo, senza badare a quello che passa attraverso giornali e tv:

Allego per questo un articolo che purtroppo condivido.

Speriamo si faccia avanti qualcuno che unisca le forze e abbia ancora la
coscienza del valore della ns Nazione.  Massimo Giacon, VENETO UNICO.

gonzaga_primo_emilio_rubrica

La crisi da MPS è passata a Unicredit e alle altre banche. Vediamo il perché. Cosa sta succedendo e cosa fare per il futuro, la metafora della savana:

savana1

  • Prima di tutto sgombriamo il campo dai falsi miti creati da giornalisti e politici ignoranti: la speculazione è solo un alibi. Di fatto la cosiddetta “speculazione “ non esiste. Semplicemente i mercati sono strutturalmente vocati a scoprire le inefficienze. In altre parole gli operatori vendono i titoli che reputano deboli, cioè di quelle aziende che hanno prospettive negative. La metafora che più si addice ai mercati è quella della savana, dove i leoni attaccano gli animali più deboli e lenti, quelli ormai vecchi e incapaci di correre come il branco. Tigri e Leoni non attaccano mai gli elefanti e nemmeno i loro cuccioli perché il branco dei grandi pachidermi fa scudo ai piccoli.
    Unicredit è come una vecchia zebra che arranca in coda al branco, i leoni la tenevano d’occhio da tempo ed ora la stanno braccando. Lo stato italiano sta a guardare impotente e fa come il branco che ignora chi è in difficoltà e scappa sperando di portare in salvo qualche altro membro.
    In lontananza il branco di elefanti (UE e BCE) potrebbe intervenire, ma chi glielo fa fare di scomodarsi per salvare una vecchia zebra zoppa. Il capo branco risponde alle urla di aiuto dicendo che ci sono delle regole, e le regole vanno rispettate e si gira dall’altra parte.
    Purtroppo c’è una grande differenza, tra quello che accade nella savana e quello che accade oggi in Europa: le regole non sono quelle di natura, le regole del gioco le hanno scritte i “leoni” e le hanno fate in modo da mettere talmente tanti vincoli e tanti ostacoli alla Zebra/Unicredit da impedirgli di correre.Il Bail In è un assurdo storico, mai applicato negli ultimi cento anni in nessun grande stato occidentale. Nella realtà USA, Inghilterra e Germania solo negli ultimi 10 anni hanno speso risorse pubbliche ingentissime per garantire e ricapitalizzare banche che nel 2007/8 erano tecnicamente fallite, ricordo che solo la Germania nell’ottobre 2008 ha stanziato 480 Miliardi di Euro per salvare il suo sistema bancario (vedi sotto copia del comunicato stampa di Soffin la bad bank tedesca tutt’ora attiva).

savana2

Figura 1 La copia del comunicato stampa con la quale si annunciava lo stanziamento di 480 Miliardi per salvare le banche tedesche.

  • Le regole sulla Unione Bancaria Europea sono nate monche, perché si da alla BCE e all’EBA il potere di controllo ma si è vietata una garanzia UE sui depositi. Quindi si è demandato ai “leoni” di fare il check up alle nostre banche disseminando il terreno di tutte le trappole possibili per rallentare il cammino, mentre banche pericolosissime come Deutsche Bank sono lasciate tranquille a “pascolare” e si è tolta la garanzia pubblica per i correntisti. L’obiettivo è chiarissimo permettere ai leoni di fare un lauto pasto senza alcuna fatica. Leggasi comprare per due lire, pardon 2 Euro, Il nostro sistema bancario e quindi controllare il risparmio degli Italiani.
  • Ci si domanda come mai i capi branco delle zebre hanno sottoscritto regole capestro tanto assurde e autolesioniste, come mai Banca d’Italia e Ministri Economici e ABI abbiano accettato supinamente che il cammino delle grandi banche italiane fosse disseminato di trappole? Ignoranza o malafede? In ogni caso a certi livelli nemmeno l’ignoranza è tollerabile.

Cosa è successo negli ultimi giorni:

  • Il Governo italiano imprigionato dalle regole UE ha scelto la cosiddetta “via di mercato” per salvare MPS; bello, bellissimo, a parole! Peccato che le peggiori schifezze di MPS le dovrà digerire il fondo Atlante 2, e chi è che finanza questo fondo? Le altre banche italiche (Unicredit, Intesa etc) . E’ stato facilissimo per i leoni capire che la zavorra passava da MPS ad Unicredit e così zavorrata sarebbe stato difficile alla Zebra/Unicredit correre. Ecco che parte un’altra caccia.
  • EBA poi da mesi con il giochino degli stress test parla di aumenti di capitale, del tutto inutili come dimostrato dai fatti recenti (sia Unicredit che MPS ne hanno appena fatti 2 ciascuno) però utilissimi per dissanguare gli attuali azionisti e permette ai leoni di papparsi facilmente una preda cui sono state tolte le residue energie.

Qual è la vera soluzione:

  • Denuncia del Bail In perchè incostituzionale in quanto viola l’Art 47 della Costituzione Italiana perché toglie la tutela del risparmio (questo dovrebbero farlo tutti i partiti italiani uniti per il bene comune.
  • Richiesta all’Unione Bancaria UE di introduzione immediata della garanzia sui depositi pena l’Uscita dalla Unione Bancaria
  • Intervento immediato della Cassa Depositi e Prestiti nel finanziamento diretto di Atlante senza il coinvolgimento di altre banche o peggio delle Casse previdenziali di Medici o Commercialisti.

Diranno che non si può fare, che ci sono le regole, che c’è il divieto di “Aiuti di stati” e bla bla bla.

Tutto vero, ma dall’altra parte c’è la sopravvivenza economica delle banche Italiane e quindi del nostro intero sistema economico (il 95% dei finanziamenti alle PMI e l’85% alle grandi imprese italiane ha origine bancaria) .

Quando in gioco c’è la sopravvivenza bisogna giocare duro.

In tutto questo l’Italia ha un alleato: nemmeno i leoni possono distruggere l’Italia perché crollerebbe il mondo (altro che crisi Lehman) loro semplicemente vogliono mangiarsi qualche pezzo pregiato e mantenerci deboli ma nessuno vuole il default del sistema. E’ su questo che deve fare leva Renzi e sparigliare il gioco. E’ ora di trasformare la nostra debolezza in forza e attaccare i bla bla delle regole assurde della UE. Non c’è alternativa. Se questo non avverrà sarà uno stillicidio terribile e per le banche e gli Italiani saranno pianti e stridori di denti.

Renzi/Italia batti un colpo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...