655.-MOGHERINI: “L’ISLAM È L’EUROPA E L’EUROPA È L’ISLAM“.

CmcvwjzWYAAsN0kCi chiedono di verificare il testo contenuto di questa immagine diffusa via Facebook da diverse pagine, tra cui “NO, l’Italia NON riconoscerà lo Stato Palestinese” il 3 dicembre 2015 e precedentemente ImolaOggi, il 27 giugno 2015 e riapparsa a seguito dell’attentato di Dacca.

Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, avrebbe detto ai microfoni di Al Jazeera “la pace è Europa e l’Europa è islam”.

Nella condivisione di ImolaOggi venne riportato un link a Youtube, tuttavia il video è stato rimosso. Cercando invece sul sito di Al Jazeera troviamo un articolo del 25 giugno 2015 dal titolo “موغيريني: الإسلام هو أوروبا وأوروبا هي الإسلام” (“Mogherini: L’Islam è l’Europa e l’Europa è l’Islam“), il quale fa riferimento ad un intervento del 24 giugno 2015 ad una conferenza del FEPS (Foundation for European Progressive Studies) che Vi offriamo e che è stato pubblicato in lingua inglese nel sito dell’UE (qui il testo completo in formato PDF). Ovviamente queste pagine e questi siti si soffermano alla sola immagine condivisa e non vanno ad analizzare i contenuti effettivi del discorso per capirne il significato che la Mogherini voleva dargli nell’occasione.

 

Il testo dell’intervento non sarebbe a sostegno dell’Islam radicale o l’Islam estremista, come sostiene qualcuno online riportandone solo qualche frase dell’intervento per farla passare per una sostenitrice, al contrario vi leggo un tentativo di fare salvo l’ISLAM, condannando Da’esh o ISIS (notare la presa di distanza dalla religione), i terroristi e la loro propaganda, sottolineando che le prime vittime dello Stato Islamico “sono” i musulmani in medio oriente. Sull’onda dell’orrore suscitato dalla strage, queste dichiarazioni hanno suscitato violenti dissensi e sdegno, particolarmente in quanti pensano di conoscere a sufficienza l’ISLAM per non credere alla sua partizione in moderato e fondamentalista o radicale. Sostengo infatti che la vittima di questa sospinta islamizzazione sarà la radice cristiana dei popoli europei, quindi, gli europei tutti, non solo, fisicamente, le vittime degli attentati. Dissensi e sdegno che, per rispetto alla persona e alla sua carica, pongono l’interrogativo se non si tratti di una qualche ignoranza relativa e sappiamo che la conoscenza dell’ISLAM deve fare il conto con la scrittura del Corano in un arabo antico, come, per noi, sarebbe un testo latino. Tuttavia, Federica Mogherini possiede certamente una cultura sua sull’ISLAM, essendosi laureata in Scienze Politiche con il massimo dei voti proprio discutendo una tesi di filosofia politica sul rapporto tra religione e politica nell’Islam, redatta durante l’Erasmus a Aix-en-Provence, in Francia (Istituto di studi politici di Aix-en-Provence / Sciences Po Aix). Nella sua carriera politica, rigorosamente PCI, è stata Responsabile nazionale Esteri e Relazioni Internazionali nella segreteria del Segretario nazionale Piero Fassino, dove ha seguito in particolare i dossier relativi all’Iraq, all’Afghanistan e sul processo di pace in Medio Oriente.

Riportiamo qualche frase del suo intervento (lo riportiamo in calce tradotto per intero e nel testo originale nel formato PDF) sulla questione Islam ed Europa:

In the following years the idea of a clash between Islam and “the West” – a word in which everything is put together and confused – has misled our policies and our narratives. Islam holds a place in our Western societies. Islam belongs in Europe. It holds a place in Europe’s history, in our culture, in our food and – what matters most – in Europe’s present and future. Like it or not, this is the reality. As Europeans, we should be proud of our diversity. The fear of diversity comes from weakness, not from a strong culture.

As Europeans, we should be proud of our diversity. The fear of diversity comes from weakness, not from a strong culture.

I shall be even more clear on that: the very idea of a clash of civilisations is at odds with the most basic values of our European Union – let alone with reality. Throughout our European history, many have tried to unify our continent by imposing their own power, their own ideology, their own identity against the identity of someone else. With the European project, after World War II, not only we accepted diversity: we expressed a desire for diversity to be a core feature of our Union. We defined our civilisation through openness and plurality: a mind-set based on blocs does not belong to us.

Quick Adsense WordPress Plugin: http://quicksense.net/

Some people are now trying to convince us that a Muslim cannot be a good European citizen, that more Muslims in Europe will be the end of Europe. These people are not just mistaken about Muslims: these people are mistaken about Europe – that is my core message – they have no clue what Europe and the European identity are.

Di seguito le considerazioni e riflessioni su Da’esh(ISIS):

For Europe and Islam face some common challenges in today’s world. The so-called Islamic State is putting forward an unprecedented attempt to pervert Islam for justifying a wicked political and strategic project.

Talking about Da’esh, the king of Jordan told the European Parliament a few months ago said: “The motive is not faith, it is power; power pursued by ripping countries and communities apart in sectarian conflicts, and inflicting suffering across the world”.

Western media like to refer to Daʼesh with the world “medieval”. This does not help much to understand the real nature of the threat we are facing. Daʼesh is something completely new. This is a modern movement, reinterpreting religion in an innovative and radical way.

It is a movement that, rather than preserving Islam, wants us to trash centuries of Islamic culture in the name of their atrocities. Da’esh is not a State, and it is not a State for Islam. The Grand Imam of al Azhar, Ahmed el Tayeb, argued:

“There is no Islamic State, but a number of Islamic countries that the terrorists are trying to destroy”. This is the reality we face and we don’t say this often, but we should do so to dismantle their narrative. Sometimes, by describing the atrocities of Da’esh, we do them a favour: atrocities are part of their propaganda. The more we describe them as evil, the happier they are.

Daʼesh is Islam’s worst enemy in today’s world. Its victims are first and foremost Muslim people. Islam is a victim itself.

Non vi è alcun sostegno al terrorismo islamico, al contrario condanna il comportamento dei terroristi che sfruttano la religione per raggiungere altri scopi, che l’Isis è il male dello stesso Islam e dei musulmani. Non solo attraverso le sue parole, ma citando il Re di Giordania e l’imam Ahmed el Tayeb.

Conclude così:

Let me say something more about migration. We have supported the “bring back our girls” campaign for Nigerian girls kidnapped by Boko Haram. There is such a contradiction between our solidarity when these girls are far away, and our lack of solidarity when they are at our door. This is impossible to sustain. In the coming days and months we need to find solutions not only for the girls in Nigeria, but for their sisters and mothers and daughters who are forced to flee by the very same radicalised movements.

If we do not realise this, our whole message risks to sound empty. We need to pass a cultural message, to lay the basis for our political message: any attempt to divide the peoples of Europe into “us” and “them” brings us in the wrong direction. The migrants and us. The Muslims and us. The Jews and us, as anti-Semitism has not been defeated at all. The “other” and us. We learnt from our history that we all are someone else’s “other”. The fear of the other can only lead us to new conflicts.

I hope we can work together to increase our self confidence. When we say we are European, we should also remember what is the root of our European culture: our diversity. That is our strength, and we should learn to be proud of it.

Siamo tutti bravi a sostenere le donne vittime dei terroristi, come le ragazze nigeriane rapite da Boko Haram, a sostenere ragazze lontane e manchiamo di dare solidarietà quando sono davanti alle nostre porte. Sostiene, infine, che ci voglia un messaggio culturale dove gettare le basi non dividere i popoli d’Europa in “noi” e “loro”, “l’altro” e “noi”, i “migranti” e “noi”, i “musulmani” e “noi”, gli “ebrei” e “noi” (si, perché ancora oggi l’antisemitismo non è tutt’ora scomparso ed è molto vivo in Europa, che la paura dell’altro non può che portare a nuovi conflitti.

Il problema è sempre lo stesso: estrapolare una frase dal suo contesto, evitando di comunicarlo e di informare il lettore sul perché di una tale frase che può far pensare tutt’altro.

Riportiamo di seguito il testo completo dell’intervento come è pubblicato in lingua inglese nel sito dell’UE in formato PDF e come lo abbiamo tradotto.

Let me begin by thanking Massimo D’Alema for organising this conference and for inviting me. As I told him while entering this room, this conference shows we are finally approaching the question of Islam and Europe from the right perspective, after years – or decades – of misunderstandings.

I will start with an anecdote. I graduated two years before 9/11 and it was hard at that time to find a professor who would accept that political Islam could be the subject for a dissertation in political science. Italy has a great university system, but I had to go to France with the Erasmus programme to find someone who would consider Islam as a topic not for history, or literature, or cultural studies thesis, but for political science.

A lot has changed since then. In the following years the idea of a clash between Islam and “the West” – a word in which everything is put together and confused – has misled our policies and our narratives. Islam holds a place in our Western societies. Islam belongs in Europe. It holds a place in Europe’s history, in our culture, in our food and – what matters most – in Europe’s present and future. Like it or not, this is the reality.

As Europeans, we should be proud of our diversity. The fear of diversity comes from weakness, not from a strong culture.

I shall be even more clear on that: the very idea of a clash of civilisations is at odds with the most basic values of our European Union – let alone with reality. Throughout our European history, many have tried to unify our continent by imposing their own power, their own ideology, their own identity against the identity of someone else. With the European project, after World War II, not only we accepted diversity: we expressed a desire for diversity to be a core feature of our Union. We defined our civilisation through openness and plurality: a mind-set based on blocs does not belong to us.

Some people are now trying to convince us that a Muslim cannot be a good European citizen, that more Muslims in Europe will be the end of Europe. These people are not just mistaken about Muslims: these people are mistaken about Europe – that is my core message – they have no clue what Europe and the European identity are.

This is our common fight: to make this concept accepted both in Europe and beyond Europe.

For Europe and Islam face some common challenges in today’s world. The so-called Islamic State is putting forward an unprecedented attempt to pervert Islam for justifying a wicked political and strategic project.

Talking about Da’esh, the king of Jordan told the European Parliament a few months ago said: “The motive is not faith, it is power; power pursued by ripping countries and communities apart in sectarian conflicts, and inflicting suffering across the world”.

Western media like to refer to Daʼesh with the world “medieval”. This does not help much to understand the real nature of the threat we are facing. Daʼesh is something completely new. This is a modern movement, reinterpreting religion in an innovative and radical way.

It is a movement that, rather than preserving Islam, wants us to trash centuries of Islamic culture in the name of their atrocities. Da’esh is not a State, and it is not a State for Islam. The Grand Imam of al Azhar, Ahmed el Tayeb, argued:

“There is no Islamic State, but a number of Islamic countries that the terrorists are trying to destroy”. This is the reality we face and we don’t say this often, but we should do so to dismantle their narrative. Sometimes, by describing the atrocities of Da’esh, we do them a favour: atrocities are part of their propaganda. The more we describe them as evil, the happier they are.

Daʼesh is Islam’s worst enemy in today’s world. Its victims are first and foremost Muslim people. Islam is a victim itself.

This is not to say that we should overlook the ideology of Daʼesh. If we want to fight it, we need first of all to know it and to understand it. We need to know where it comes from, and how it got to be what it is.

First of all, I believe the Daʼesh propaganda fills a void, a vacuum. The terrorists are recruiting people who feel they do not hold a place in their own communities, that they do not belong in their own societies.

I was very much impressed, when I was visiting Tunis… Tunisia is a modern country and still is one of the countries with the highest number of foreign fighters in Da’esh. I asked a young girl, very engaged with civil society, why she believed so many people her age were joining Daʼesh. She told me something I will never forget: you know, people my age in Tunisia feel they have no place in the organigram. They are looking for their own box, for a role, for defining who they are. They ask: where is my place? What is my role? This is the real challenge not only in the Arab world, but here in Europe.

That is why I believe the best way to prevent radicalisation in Europe and in our region is not only education, but also employment. We have so many well educated and frustrated young people, with a lot of energy, a lot of willingness to find their place in their society and their community. And they have lost hope that they will be able to do so.

This does not justify the choice to turn to terrorism. People are responsible for their own actions and their own crimes. Still, if we look at ways to prevent radicalisation we need jobs and good jobs. Not just a place in the “organigram”, but a good place.

Da’esh longs for people who have lost their place in society, their role, their sense of belonging and hope. We need inclusive societies. So many times we have heard a narrative opposing security and open societies. It is a false dilemma. We should start saying more clearly that a society can be stable and safe only when it is democratic.

Of course I know each country has a specific history, and needs to follow its own path towards democracy. Not so long ago, and still today, there are people in “the West” arguing democracy can be exported militarily. We have all realised – in this room for sure – how bad this idea was. This does not mean we are not ready to support democracy and democratic processes: quite the contrary. But we need to consider the specificity of each process.

We need to show some humble respect for diversity. Diversity is the core feature of our European history, and it is our strength. But we should also show respect for diversity when we look outside our borders. We need to understand diversity, understand complexity. This is difficult, but maybe a bit less difficult for us Europeans. We know diversity and complexity – especially here in Brussels – from our own experience.

For this reason I am not afraid to say that political Islam should be part of the picture. Religion plays a role in politics – not always for good, not always for bad. Religion can be part of the process. What makes the difference is whether the process is democratic or not. That is what matters to us, the key point.

We need to work for regional frameworks, in the Middle East and the Arab world, in which every one has a responsibility and a chance to contribute – Muslim, Christian, Jew or non-believer, Sunni or Shia, Arab, Kurd, whatever. One of the weaknesses of our policies so far has been to focus on dividing lines, as if everyone can fit in a

box. People do not live in boxes. People live in communities and societies. The more open the communities and the societies are, the better it is for the democratic process. All communities should be granted with their own rights and their own responsibilities, with an opportunity to do their part for the stability and the security of their own country.

This is the path we are finally trying to follow in some key Arab countries, like Iraq: we are finally understanding we need to put people together, not to tear them apart.

Inclusiveness can be the key to our success – both when we talk foreign policy and when we deal with our home affairs. Sometimes we go out of our borders and preach, but then we look at ourselves and we falter. Enlargement processes involve us and our partners for years, but maybe we should also take time to brush up on the “acquis” with some Member States. We have a problem of internal coherence – when it comes to rights, to democracy, to the respect of diversity, when it comes to some of the difficult choices we make, including on migration policies.

The battle for hearts and minds is not only a battle we need to fight in the Middle East, but also here inside our European Union.

It is a difficult battle: this is not a popular argument, not an easy issue. After years of economic and political weakness, our societies are naturally afraid. When you are weak, the reaction is closing the door and pretending to solve issues with isolation. On the contrary, the only chance we have as Europeans is to be proud and strong of our basics: and our basics are respect and diversity.

Let me say something more about migration. We have supported the “bring back our girls” campaign for Nigerian girls kidnapped by Boko Haram. There is such a contradiction between our solidarity when these girls are far away, and our lack of solidarity when they are at our door. This is impossible to sustain. In the coming days and months we need to find solutions not only for the girls in Nigeria, but for their sisters and mothers and daughters who are forced to flee by the very same radicalised movements.

If we do not realise this, our whole message risks to sound empty. We need to pass a cultural message, to lay the basis for our political message: any attempt to divide the peoples of Europe into “us” and “them” brings us in the wrong direction. The migrants and us. The Muslims and us. The Jews and us, as anti-Semitism has not been defeated at all. The “other” and us. We learnt from our history that we all are someone else’s “other”. The fear of the other can only lead us to new conflicts.

I hope we can work together to increase our self confidence. When we say we are European, we should also remember what is the root of our European culture: our diversity. That is our strength, and we should learn to be proud of it.

TRADUZIONE (da migliorare)

Vorrei cominciare ringraziando Massimo D’Alema per l’organizzazione di questa conferenza e per avermi invitato. Come gli ho detto durante l’inserimento di questa sala, questa conferenza dimostra che stiamo finalmente avvicinando la questione dell’Islam e dell’Europa dal giusto punto di vista, dopo anni o decenni di incomprensioni.

Inizierò con un aneddoto. Mi sono laureata due anni prima del 9/11 ed era difficile a quel tempo per trovare un professore che avrebbe accettato che l’Islam politico potrebbe essere oggetto di una tesi di laurea in scienze politiche. L’Italia ha un grande sistema universitario, ma ho dovuto andare in Francia con il programma Erasmus di trovare qualcuno che potrebbe considerare l’Islam come un argomento non per la storia, o la letteratura, o gli studi culturali tesi, ma per la scienza politica.

Molto è cambiato da allora. Negli anni successivi l’idea di uno scontro tra l’Islam e “Occidente” – una parola in cui tutto è messo insieme e confuso – ha indotto in errore le nostre politiche e le nostre narrazioni. L’Islam ha un posto nelle nostre società occidentali. L’Islam appartiene in Europa. Essa detiene un posto nella storia d’Europa, nella nostra cultura, nel nostro cibo e – ciò che più conta – nel presente e il futuro dell’Europa. Piaccia o no, questa è la realtà.

Come europei, dovremmo essere orgogliosi della nostra diversità. La paura della diversità deriva dalla debolezza, non da una cultura forte.

Sarò ancora più chiaro su questo: l’idea stessa di uno scontro di civiltà è in contrasto con i valori fondamentali della nostra Unione europea – e tanto meno con la realtà. Nel corso della nostra storia europea, molti hanno cercato di unificare il nostro continente imponendo il proprio potere, la propria ideologia, la propria identità contro l’identità di qualcun altro. Con il progetto europeo, dopo la seconda guerra mondiale, non solo abbiamo accettato la diversità: abbiamo espresso un desiderio per la diversità di essere una caratteristica fondamentale della nostra Unione. Abbiamo definito la nostra civiltà attraverso l’apertura e la pluralità: una mentalità basata su blocchi non ci appartiene.

Alcune persone stanno ora cercando di convincerci che un musulmano non può essere un buon cittadino europeo, che più musulmani in Europa sarà la fine dell’Europa. Queste persone non sono solo in errore sui musulmani: queste persone sono in errore circa l’Europa – che è il mio messaggio centrale – non hanno idea di ciò che sono l’Europa e l’identità europea.

 

Riportiamo di seguito il testo completo dell’intervento tradotto da noi.

Questa è la nostra lotta comune: per fare questo concetto accettato in Europa e oltre l’Europa.

Per l’Europa e l’Islam affrontare alcune sfide comuni nel mondo di oggi. Il cosiddetto Stato islamico sta mettendo avanti un tentativo senza precedenti di pervertire l’Islam per giustificare un progetto politico e strategico malvagio.

Parlando Da’esh, il re di Giordania ha detto al Parlamento europeo alcuni mesi fa ha dichiarato: “Il motivo non è la fede, che è il potere; potere perseguito da paesi e comunità lacerando in conflitti settari, e infliggendo sofferenze in tutto il mondo “.

I media occidentali piace fare riferimento al Da’esh con il mondo “medievale”. Questo non aiuta molto a comprendere la vera natura della minaccia che stiamo affrontando. Da’esh è qualcosa di completamente nuovo. Questo è un movimento moderno, reinterpretando la religione in modo innovativo e radicale.

Si tratta di un movimento che, invece di preservare l’Islam, ci vuole Cestino secoli di cultura islamica nel nome delle loro atrocità. Da’esh non è uno Stato, e non è uno Stato per l’Islam. Il grande imam di Al Azhar, Ahmed el Tayeb, ha sostenuto:

“Non c’è Stato islamico, ma un certo numero di paesi islamici che i terroristi stanno cercando di distruggere”. Questa è la realtà che abbiamo di fronte e che non lo dico spesso, ma dobbiamo fare in modo di smantellare la loro narrazione. A volte, descrivendo le atrocità della Da’esh, facciamo loro un favore: atrocità fanno parte della loro propaganda. Quanto più li descriviamo come il male, più felici sono.

Da’esh è il peggior nemico dell’Islam nel mondo di oggi. Le sue vittime sono prima di tutto persone musulmane. L’Islam è una vittima stessa.

Questo non vuol dire che dobbiamo trascurare l’ideologia del Da’esh. Se vogliamo combattere, abbiamo bisogno prima di tutto di conoscere e di capire. Abbiamo bisogno di sapere da dove viene, e come sia arrivato ad essere quello che è.

Prima di tutto, credo che la propaganda Da’esh riempie un vuoto, un vuoto. I terroristi stanno reclutando persone che si sentono che non occupano un posto nelle loro comunità, che non appartengono a loro società.

Sono stata molto impressionata, quando ero in visita a Tunisi … La Tunisia è un paese moderno ed è tuttora uno dei paesi con il più alto numero di combattenti stranieri in Da’esh. Ho chiesto a un ragazzo giovane, molto impegnato con la società civile, perché ha creduto così tante persone della sua età si siano unite a Da’esh. Mi ha detto una cosa che non dimenticherò mai: si sa, la gente della mia età in Tunisia sente di non avere un suo posto nell’organigramma. Sono alla ricerca di una propria casella, per un ruolo, per la definizione di quello che sono. Essi chiedono: dove è il mio posto? Qual è il mio ruolo? Questa è la vera sfida non solo nel mondo arabo, ma qui in Europa. Ecco perché credo che il modo migliore per prevenire la radicalizzazione in Europa e nella nostra regione non sia solo l’istruzione, ma anche l’occupazione. Abbiamo tanti giovani ben istruiti e frustrati, con un sacco di energia, un sacco di volontà di trovare il loro posto nella loro società e la loro comunità. E hanno smesso di sperare che essi saranno in grado di farlo.

Questo non giustifica la scelta di passare al terrorismo. Le persone sono responsabili delle proprie azioni e dei proprie crimini. Eppure, se guardiamo i modi per prevenire la radicalizzazione abbiamo bisogno di posti di lavoro e buoni posti di lavoro. Non solo di un posto nell’ “organigramma”, ma di un buon posto. Da’esh è una spiaggia per le persone che hanno perso il loro posto nella società, il loro ruolo, il loro senso di appartenenza e di speranza. Abbiamo bisogno di società inclusive. Tante volte abbiamo sentito contrapporre sicurezza e società aperte. Si tratta di un falso dilemma. Dovremmo iniziare a dire più chiaramente che una società può essere stabile e sicura solo quando è democratica. Naturalmente so che ogni paese ha una storia specifica, e ha bisogno di seguire la propria strada verso la democrazia. Non molto tempo fa, e ancora oggi, ci sono persone in “Occidente” che vanno sostenendo che la democrazia può essere esportata militarmente. Noi tutti abbiamo realizzato – in questa stanza di certo – quanto questa idea era sbagliata. Questo non significa che non siamo pronti a sostenere la democrazia e i processi democratici: tutto il contrario. Ma abbiamo bisogno di prendere in considerazione la specificità di ogni processo.

Abbiamo bisogno di mostrare un po’ di modesto rispetto per la diversità. ,La diversità è la caratteristica principale della nostra storia europea ed è la nostra forza. Ma dobbiamo anche mostrare rispetto per la diversità quando guardiamo fuori dai nostri confini. Abbiamo bisogno di capire la diversità, comprendere la complessità. Questo è difficile, ma forse un po ‘meno difficile per noi europei. Sappiamo che la diversità e la complessità – in particolare qui a Bruxelles – traggono dalla nostra esperienza.

Per questo motivo non ho paura di dire che l’Islam politico dovrebbe essere parte del quadro. La religione svolge un ruolo in politica – non sempre per il bene, non sempre per cattiveria. La religione può essere parte del processo. Ciò che fa la differenza è se il processo è democratico o meno. Questo è ciò che conta per noi, il punto chiave.

Dobbiamo lavorare per quadri regionali, in Medio Oriente e nel mondo arabo, in cui ognuno ha una responsabilità e la possibilità di contribuire – musulmani, cristiani, Ebreo o non credente, sunnita o sciita, arabi, curdi, qualunque cosa. Uno dei punti deboli delle nostre politiche finora è stato quello di concentrarsi su linee di divisione, come se ognuno potesse stare bene in una scatola. La gente non vive in scatole. La gente vive in comunità e società. Più aperte sono le comunità e le società, meglio è per il processo democratico. Tutte le comunità dovrebbero essere concepite con i propri diritti e le proprie responsabilità, con l’opportunità di fare la loro parte per la stabilità e la sicurezza del proprio paese. Questo è il percorso che stiamo finalmente cercando di seguire in alcuni paesi arabi chiave, come l’Iraq: stiamo finalmente comprendendo che abbiamo bisogno di mettere insieme le persone, non di farle a pezzi.

L’inclusività può essere la chiave del nostro successo – sia quando si parla di politica estera e quando abbiamo a che fare con i nostri affari interni. A volte andiamo fuori dei nostri confini e predichiamo, ma poi guardiamo a noi stessi e la predica non sta in piedi. I processi di allargamento fra noi e i nostri partner richiedono anni, ma forse dovremmo anche prendere il tempo di rispolverare l ‘ “acquis” di alcuni Stati membri. Abbiamo un problema di coerenza interna – quando si tratta di diritti, alla democrazia, al rispetto della diversità, quando si tratta di alcune delle scelte difficili che facciamo, anche per quanto riguarda le politiche migratorie.

La battaglia per i cuori e le menti, non è solo una battaglia che dobbiamo combattere in Medio Oriente, ma anche qui all’interno della nostra Unione europea.

Si tratta di una battaglia difficile: questo non è un argomento popolare, non è un problema semplice. Dopo anni di debolezza economica e politica, le nostre società sono naturalmente intimorite. Quando si è deboli, la reazione è di chiudere la porta e fare finta di risolvere i problemi con l’isolamento. Al contrario, l’unica possibilità che abbiamo come europei è quello di essere orgogliosi e forti dei nostri principi fondamentali: e le nostre basi sono il rispetto e la diversità. Permettetemi di dire qualcosa di più sulla migrazione. Abbiamo sostenuto la campagna “riportare le nostre ragazze” per le ragazze nigeriane rapiti da Boko Haram. C’è una tale contraddizione tra la nostra solidarietà quando queste ragazze sono lontane, e la nostra mancanza di solidarietà quando sono alla nostra porta. Questo è insostenibile. Nei prossimi giorni e mesi abbiamo bisogno di trovare soluzioni non solo per le ragazze in Nigeria, ma per le loro sorelle e madri e figlie che sono costretti a fuggire dalle stesse movimenti radicali.

Se non ci rendiamo conto di questo, rischiamo che il nostro intero messaggio vada a vuoto. Abbiamo bisogno di far passare un messaggio culturale, per gettare le basi per il nostro messaggio politico: ogni tentativo di dividere i popoli d’Europa in “noi” e “loro” ci porta nella direzione sbagliata. I migranti e noi. I musulmani e noi. Gli ebrei e noi, come l’antisemitismo non è stato sconfitto da tutti. L ‘ “altro” e noi. Abbiamo imparato dalla nostra storia che tutti noi siamo di qualcun altro “altro”. La paura degli altri in noi non può che portare a nuovi conflitti.

Spero che si possa lavorare insieme per aumentare la nostra fiducia in noi stessi. Quando diciamo che siamo europei, dobbiamo anche ricordare che cosa è la radice della nostra cultura europea: la nostra diversità. Questa è la nostra forza, e dovremmo imparare ad essere orgogli

Annunci

Un pensiero su “655.-MOGHERINI: “L’ISLAM È L’EUROPA E L’EUROPA È L’ISLAM“.

  1. Federica Mogherini @FedericaMog

    Dacca, pochi giorni fa Istanbul. È chiaro a tutti ormai che siamo di fronte a una minaccia che riguarda tutti i popoli e tutti i paesi. La risposta può essere solo comune, globale, di tutta la comunità internazionale unita.
    Il primo pensiero è per le vittime, le loro famiglie, i loro cari. Sono in contatto in queste ore con Paolo Gentiloni: gli ho assicurato che gli uffici e il personale della delegazione dell’Unione europea a Dacca sono a disposizione delle autorità italiane e di tutti i cittadini europei presenti oggi in Bangladesh.
    È un mondo fragile, e un momento difficile della nostra storia. Ed è proprio per questo che non possiamo permetterci di arretrare. Si continua a lavorare – insieme, su più fronti, consapevoli che l’instabilità non conosce confini. Ma anche che la pace e la speranza possono essere contagiose: abbiamo il dovere e la responsabilità di coltivarle, ogni giorno.
    È il motivo per cui ieri, insieme agli altri leader del Quartetto per il Medio Oriente – Ban Ki-moon per l’Onu, John Kerry per gli Usa, Sergei Lavrov per la Russia – abbiamo presentato un rapporto sugli ostacoli alla soluzione dei due Stati in Israele e Palestina, e sui passi necessari a rilanciare dei negoziati diretti tra i due popoli. Le tensioni nella regione non possono distrarci dal conflitto tra israeliani e palestinesi, anzi: evitare una nuova esplosione in Terra Santa, e lavorare per la pace, non è mai stato così urgente. Anche per togliere terreno al terrorismo.
    È da un anno che lavoriamo per rilanciare il lavoro del Quartetto, e oggi abbiamo – per la prima volta in dieci anni – parole chiare e condivise, indicazioni importanti che insieme lavoreremo per attuare. Il rapporto spiega in modo molto chiaro che la soluzione dei due Stati sta diventando impraticabile, e che la situazione può solo peggiorare se non si cambia in fretta la direzione di marcia. I terribili episodi di violenza di questi giorni in Palestina e in Israele ne sono l’ennesima conferma. Per questo abbiamo indicato una serie di passi concreti, che possono essere realizzati da subito, con l’obiettivo di creare un ambiente più favorevole al rilancio di negoziati diretti tra israeliani e palestinesi.
    La responsabilità principale è nelle mani dei due popoli e dei loro leader. Non possiamo imporre la pace dall’esterno. Ma la comunità internazionale – a partire dai paesi arabi e dalla nostra Europa – può fare molto per aiutare le due parti a rimettersi al lavoro verso la pace, e accompagnarle.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...