533.-SUL VERDETTO DEL TRIBUNALE PENALE INTERNAZIONALE DELL’AJA SULL’EX PRESIDENTE RADOVAN KARADZIC

IL GOVERNO DI BELGRADO IN SEDUTA STRAORDINARIA PER LE VALUTAZIONI SUL VERDETTO CHE HA CONDANNATO L’EX PRESIDENTE RADOVAN KARADZIC PER GENOCIDIO E CRIMINI CONTRO L’UMANITÀ: “GIUSTIZIA SELETTIVA, MAI PERSEGUITI I COLPEVOLI DEI CRIMINI COMMESSI CONTRO IL NOSTRO POPOLO DALLE ALTRE PARTI IN GUERRA”

Radovan Karadzic, ex leader politico dei serbi di Bosnia, è stato condannato a 40 anni dopo essere stato riconosciuto colpevole di 10 capi d’accusa per crimini contro l’umanità, crimini di guerra e il genocidio di Srebrenica. E’ il verdetto del Tribunale penale internazionale dell’Aja (Tpi) che lo ha assolto da uno dei due capi d’accusa per genocidio. Il principale avvocato difensore ha annunciato ricorso contro la sentenza.

Karadzic, oltre al genocidio di Srebrenica, è stato riconosciuto personalmente colpevole, assieme a Momcilo Krajisnik, Biljana Plavsic, Nikola Koljevic e Ratko Mladic, della “impresa criminale congiunta” dell’assedio di Sarajevo, e inoltre di persecuzioni, stermini, deportazioni, uccisioni, trasferimenti forzati, attacchi contro civili, come crimini contro l’umanità e violazione delle leggi e costumi di guerra, ed è responsabile per la presa dei caschi blu come ostaggi.
577516_113555985449176_58761752_n

Come a Norimberga, gli imputati sono quelli di una sola parte. Dai miei ricordi:

“I kosovari chiedevano l’autonomia e basta, poi, d’improvviso…i delinquenti furono liberati, armati e nacque l’UCK. A Tirana, alcune notti, di sabato, mi chiamarono a vedere i camion che caricavano armi. Dove vanno? Al Nord! Riconobbi alcuni esperti di agricoltura USA che dirigevano il carico. I media hanno travisato molte cose dei serbi. Mostravano le rappresaglie dell’esercito serbo, spietate, ma non quello che era accaduto il giorno prima, come quella volta di 16 studenti trucidati dall’UCK nel bar di una scuola. Mostravano le colonne di profughi, ma erano i diseredati albanesi che risalivano verso il Kosovo per scannare, appropriarsi dei beni, delle case, delle macchine, di tutto ciò che apparteneva alle vittime e, poi, scannarsi fra loro. C’erano cadaveri dappertutto, galleggiavano nelle cisterne, nelle fattorie, nelle celle frigorifere, nell’ascensore, nella piscina di un albergo di Pec. L’ultimo piano era solo sangue, morte e escrementi. Un muro di un casale portava emblemi della guerriglia disegnati accanto a cervella di bimbi sfasciatigli contro. A una curva apparvero, sembravano, due cavalli morti, gonfi, ma erano umani: marito e moglie. Lui legato con il filo spinato e mitragliato dopo aver visto la moglie stuprata, amputata dei piedi perché si muovesse un pò. Molte famiglie di serbi erano state uccise, bruciate nelle loro auto, con le masserizie sul tetto, mentre fuggivano. Nuvole di corvi muovevano l’aria. L’odore di morte giunse per giorni fino ai 2.000 piedi di quota. Branchi di animali senza meta nelle campagne. Regnava il silenzio. Per le strade vuote della città, il vento trasportava immondizia. Un ristorante era in fiamme. Solo qualche cane; di quando in quando, solo pochi loschi figuri sgusciavano furtivi, vestiti di nero. Poi, finalmente, apparvero i primi carri Leopard italiani. Avanzavano lenti, a coppie. Il primo puntava il cannone in avanti, il secondo, all’indietro. Quanto Ti amo, bandiera mia! Nasceva l’euro. Quella guerra europea fu un ammortizzatore per il dollaro, ma la storia e le sentenze le scrivono i vincitori“

Annunci

Un pensiero su “533.-SUL VERDETTO DEL TRIBUNALE PENALE INTERNAZIONALE DELL’AJA SULL’EX PRESIDENTE RADOVAN KARADZIC

  1. ALFREDO JANNUZZI
    Un solo commento da chi e’ stato purtroppo testimone oculare:
    Il consesso internazionale ha diviso artificialmente i contendenti in buoni e cattivi. La realta’ e’ che di buoni non c’era nessuno e le atrocita’ commesse (e giustamente condanne) dai Serbi erano pari a quelle perpetrate da Croati e Bosniaci, solo che questi ultimi erano riconosciuti come amici e quindi “buoni”
    Giusta la condanna di Karadzic, ma sarebbe giusto aprire un processo anche per le atrocita’ commesse dagli altri.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...