DATEMI UN RAGGIO DI SPERANZA

10256194_475930919257945_8713899489127215173_n“In un tweet casuale, Renzi m’invitava a “disinstallare tutto”, cioè a dire, a sradicarmi dalla trama dei principi costituzionali, dall’amore cristiano trasmessimi con il latte materno. Allettante prospettiva o proposta indecente, per la sua valenza morale e politica? Il dialogo si svolse inter pares, fra un umano privo di ideali, affannato nella distruzione del nostro mondo, per costruire la sua torre di Babele e un uomo, naufrago in questa umanità che sembrò un giardino fiorito di sentimenti, diritti e principi, forti innanzi alla tempesta e che appare, oggi, come una madre morente, i cui germogli chinano il capo a un futuro senza luce, in cui non si vede il nemico e neanche, però, l’amico; pallidi eredi lasciati a una vita priva di contenuti, ove tutto e tutti saranno eguali… a zero, tranne i numeri. Non sarò mai un numero! Sapete cosa ci vogliono imporre, subdolamente, con costanza pari a un tumore e mi ripeto:
“Una banda di impostori, gestita dai circoli massonici, ci governa con una politica distruttiva di ogni valore della nostra identità, sempre più marcatamente amorale, volta alla demolizione dell’identità del popolo italiano e della società, a partire dalla sua culla: la famiglia e dall’infanzia. L’affondo dei massoni sui popoli europei opera su più piani: Da quello, iniziale politico-economico, attraverso i trattati, a quello identitario e genetico, attraverso l’invasione di masse vissute nell’inciviltà. L’aggressione si attua in modo strisciante e subdolo, sfruttando i più deboli, nominalmente cristiani o dell’area di sinistra, usi a mascherare sotto slogan e falsi principi le loro povertà di contenuti. E’ ben facile violare la trama dei principi costituzionali, la difesa della civile convivenza di chi non ha scienza e conoscenza di quei principi e della propria identità. La normalità psicologica si pone in contrasto con i piani demenziali del dominio dell’umanità. Meglio si prestano ai loro fini gli inquieti, con qualche disordine della personalità, che possono coniugarsi male, ma più facilmente, con un maggior numero di partner e disseminare figli nel corso di una vita più “agitata”. E’ certo che dai bambini avviati a discostarsi dalla media dei comportamenti, dalla tipologia standard temperamentale, possono ottenersi più facilmente soggetti poco resistenti a un indottrinamento psicologico-mediatico. Vestire i maschietti di rosa e le femminucce d’azzurro, raccontare loro che come in famiglia si può essere «multicolori», così si può anche avere «due mamme e due papà» e che è «una cosa normale». Le istituzioni sono divenute strumento di questi depravati…” Castellucci non lo conosco, ma colgo per me le due facce della medaglia da questo suo dialogo:

“Meglio per la Grecia rimanere nell’euro”. Proprio come Tsipras. Questo per i C-O-G-L-I-O-N-I che han pensato esistesse “Varoufakus buono e Tsipras cattivo”. Sono la stessa identica pappa velenosa, funzionali al VERO POTERE UNICO e fanno finta di opporvisi…”

Siamo sempre così divisi, incerti fra due apparenti verità, ma una vera e l’altra falsa. Qual è la vera? La nostra vita si svolge ormai in un incubo contabile, dove la via d’uscita sembra sempre trovarsi in quiz. Pochi la cercano e, quasi mai, la trovano. Ma c’è un perché. Non vogliono che la troviamo, ma che ci arrendiamo e ci lasciamo trascinare nel solco che hanno tracciato. Così, saltando dai greci a noi italiani: Stiamo con L’Unione europea, con la NATO, con gli USA o con Putin? con “Giovanna d’Arco”, il Salvini, con il pifferaio Grillo o con il kapò Renzi? Oppure con nessuno? La risposta più quotata è “Nessuno”, come vogliono i 30 (ma saranno 30 ?) criminali che vedono nell’uomo solo materia e bestemmiano, perciò, il nostro spirito.
QUESTA E’ LA LISTA DEI PRIMI 30 CRIMINALI STILATA DAL RIBELLE (?) FABIO CASTELLUCCI.
——–

«il “Gruppo dei 30” è fatto di persone in carne e ossa, ovviamente potentissime. Come
– gli americani Paul Volcker e Gerald Corrigan, passati dalla Fed a gruppi come Chase Manhattan Bank, Goldman Sachs, Morgan Stanley.

– gli inglesi come lord Richardson of Duntisbourne (Banca Centrale d’Inghilterra, Lloyds Bank), l’ex ministro Geoffrey Bell, dirigente anche di Schroders, e lo stesso Mervyn King, governatore della Banca Centrale d’Inghilterra.

– gli esponenti della finanza anglosassone come gli statunitensi William McDonough (Dipartimento di Stato e First National Bank of Chicago) e Lawrence Summers (Segretario del Tesoro Usa, fedele del Bilderberg)

– non manca il resto del mondo: l’israeliano Jacob Frenkel (Banca Centrale d’Israele e Merrill Lynch),

– il giapponese Toyoo Gyohten (Ministero delle Finanze del Giappone, dirigente della Banca di Tokyo),

– il brasiliano Arminio Fraga Neto (Banca Centrale del Brasile, Solomon Brothers Ny, Soros Management Fund),

– l’iberico Guillermo de la Dehesa (Banca Centrale di Axel e ministro delle finanze, nonché banchiere del Banco Santander Central Hispanico e di Goldman Sachs).”

Il campanile di Dolo batte le sette. Buona giornata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...