Cinque semplici domande al Ministro Maria Elena Boschi

panico-2panico 2
Dal Fatto Quotidiano del 13/12/2015
Un parlamentare PD così argomentava sul decreto “Salvabanche” pubblicato dal governo nel novembre scorso:

Galli-panico

Se il decreto “Salvabanche” 180/181 partorito dal governo serviva a prevenire il “panico dei depositanti”, direi che l’obiettivo sta fallendo.

panicopanico

Se invece l’obiettivo del governo Renzi invece era salvaguardare clienti e amici del PD, sia nel patrimonio che nella carriera che nella libertà personale, la missione (per ora) è riuscita. Gettando sospetti molto pesanti di favoritismi famigliari sul circolo renziano, e l’accusa di conflitto d’interessi fatta da più parti – inclusi intellettuali di sinistra come Saviano – all’indirizzo del ministro Boschi.

Un comma infatti “protegge gli ex vertici delle banche fallite da qualsiasi azione di rivalsa”, vertici tra i quali figura il padre del ministro Boschi. Salvataggio di beni e corpi devastante per la reputazione del governo, e in particolare per quella del ministro Boschi accusata di produrre leggi “ad personam”.

panico 5
Da Libero del 12/12/2015
“Le vent se lève, il faut tenter de vivre”. La bufera si sta rafforzando, e piuttosto che un “tenter de vivre” alla Paul Valéry, solo una trasparenza rapida e completa permetterebbe al ministro Boschi di uscire indenne da questa situazione. Trasparenza che per ora manca totalmente, lasciando l’impressione che per la Ministra Boschi “basti la parola”: sia sufficiente cioè affermare di non avere conflitto d’interessi, uscire dal consiglio al momento del voto, raccontare a Vespa che il padre è una brava persona per salvare la propria carriera politica.

Questa condotta stile “sopire, troncare” sarà forse efficace nella cerchia dei suoi amici e compagni di partito. Non lo è affatto in una democrazia che fin dai tempi della polis ateniese e delle riforme di Solone e Clistene del sec VII-VI a.C. chiede ai delegati del popolo di rendere conto dei patrimoni personali prima e dopo l’incarico pubblico. Troppo facile sarebbe infatti per un eletto favorire parenti e amici e infine ritirarsi tranquillamente, grazie allo scudo di una malintesa privacy.

Il ministro Boschi ha scelto per adesso la strada opposta, quella della non trasparenza:

CV5ouu_WoAAW7v1-2-600x495

Scelta permessa dalla legge, e della quale il ministro Boschi dovrà assumere le conseguenze politiche. Conseguenze che invece potrebbe – probabilmente – evitare, rispondendo alle seguenti cinque domande:

Il padre del ministro Maria Elena Boschi, Pierluigi Boschi, è stato amministratore di Banca Etruria dal 2011 e vicepresidente dal maggio 2013, fino alla decadenza per commissariamento del febbraio scorso. Il Sole24Ore riporta che negli ultimi 5 anni i 13 ex amministratori e i 5 sindaci di Banca Etruria si sono assegnati compensi per oltre 14 milioni di euro: quanti di questi 14 milioni sono stati pagati al padre del ministro, Pierluigi Boschi?
Gli amministratori di Banca Etruria si sono concessi fidi per 185 milioni (fonte: Sole24Ore): quanti di questi 185 milioni sono andati a società riconducibili alla famiglia del ministro Boschi?
I crediti in incaglio o sofferenza in capo ad amministratori e sindaci di Banca Etruria valgono 90 milioni di euro (fonte: Sole24Ore): quanti di questi 90 milioni sono dovuti da Pierluigi Boschi?
I crediti in sofferenza o incaglio di Banca Etruria (record in Italia) ammontano a 3 miliardi: quanti di questi 3 miliardi di crediti in sofferenza o incagliati sono stati concessi a società amministrate da Pierluigi Boschi o da altri famigliari di esponenti del governo, a partire dal Presidente del Consiglio Renzi?
In un solo biennio, tra 2013 e 2014, vengono spesi in consulenze da Banca Etruria ben 15 milioni di euro, con “incarichi che vengono forniti sulla stessa materia a diversi professionisti”: quanti di questi 15 milioni sono stati assegnati a familiari o amici del ministro Boschi?

Dare una risposta a queste 5 domande permetterebbe al ministro Boschi di allontanare da sè e dal governo Renzi i sospetti sollevati negli ultimi giorni. Senza risposte esaurienti al contrario non potremo che condividere le conclusioni di Roberto Saviano, vittima ieri del manganellamento mediatico dei dirigenti PD al completo:

SavianoSaviano

In attesa delle spiegazioni migliaia di risparmiatori, lavoratori, pensionati, gente semplice (cittadini definiti con disprezzo “speculatori” dalle mosche cocchiere del governo) contemplano con disperazione i risparmi di una vita spariti nelle tasche di farabutti; farabutti probabilmente ben protetti politicamente.

Annunci

Un pensiero su “Cinque semplici domande al Ministro Maria Elena Boschi

  1. Il padre del ministro pagherà i suoi otto mesi nella Banca Etruria, forse più di quanto non ne abbia ricevuto, ma, mi domando: Posto che in otto mesi può non aver realizzato chissà quanto, perché non mettere le carte in tavola? e, poi, dato che un cointeressa del ministro sia tanto sia poco non è ammissibile, perché non presenta le sue dimissioni? Questione di stile e non solo morale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...