Sotto processo con Emiliano Fittipaldi c’è la libertà di stampa in Italia, ma in Vaticano…

 

La struttura, vera e propria “monade”, operava all’interno della Prefettura per gli affari economici con l’intento di realizzare la “vera” volontà del Papa. Balda ha rivelato 87 codici segreti per diffondere documenti riservati e si è giustificato dicendo di aver subito pressioni e autentiche minacce.

 1965510_10152277016441730_833380386_o

Dice il promotore di giustizia della Città del Vaticano che monsignor Angel Lucio Vallejo Balda aveva saldato con la ” pierre” Francesca Immacolata Chaouqui “un sodalizio criminale organizzato”, sodalizio che trovava nel segretario del monsignore, Nicola Maio, l’esecutore. Dice ancora il promotore di giustizia, rinviando a giudizio i due religiosi, la faccendiera laica e i due giornalisti che hanno pubblicato i già best seller ” Via Crucis” e ” Avarizia”, che “il gruppo operativo” era “una vera e propria “monade” all’interno della prefettura per gli Affari economici finalizzata “a procurarsi illegittimamente e poi divulgare notizie e documenti concernenti interessi fondamentali della Santa Sede”.

L’accordo “in concorso” avrebbe funzionato da marzo 2013 a novembre 2015 (…) Il primo interrogatorio di Balda si era consumato lo scorso 9 ottobre: al segretario della Prefettura degli Affari economici e della Commissione di studio sulle attività economiche e amministrative, la Cosea che aveva provato a rimettere a posto i conti disastrati del Vaticano, furono chieste informazioni sul furto di settembre 2015 proprio in prefettura (ve ne era stato uno, con l’asportazione di un armadio blindato, già il 30 marzo 2014). L’interrogatorio per il monsignore dell’Opus Dei si era messo subito male, tanto più che il suo cellulare e il personal computer – sequestrati – avevano rivelato una fitta corrispondenza con il giornalista Gianluigi Nuzzi, già autore di due libri d’inchiesta sul Vaticano. Per i promotori di giustizia i tre corvi, dopo una frattura con il gruppo guidato da Bell, “si erano prefissati l’obiettivo di raccogliere il maggior quantitativo possibile di materiale documentale per divulgarlo all’esterno”. Maio mostrerà documenti riservati trasferiti alla Casa di Santa Marta, il palazzo dove vi è anche la residenza del Papa. Con i tre spesso si appartava monsignor Alfredo Abbondi, ma la Gendarmeria non ha trovato prove della sua collusione. Balta e Chaouqui si sono difesi così: “Volevamo realizzare la vera volontà del Papa”. Avrebbero voluto una commissione Cosea riformatrice e, di fronte all’impossibilità di far emergere sprechi e lussi, avrebbero scelto di far uscire le carte “per aiutare il Papa”. Il passaggio delle carte è stato notevole verso Nuzzi e, in maniera più limitata, verso Fittipaldi.

 

 

Scrive così Fittipaldi, autore del già best seller ” Avarizia”:

Caro direttore, mentre scrivevo Avarizia, il libro-inchiesta in cui racconto gli scandali economici e i segreti finanziari del Vaticano, mai avrei immaginato che dopo la sua pubblicazione sarei finito sotto inchiesta, mandato alla sbarra e processato davanti ai giudici pontifici. Processato perché accusato di un reato che prevede una pena che va dai 4 agli 8 anni di carcere.

 025732231-49701478-9f11-4935-bdf2-8e33e5638dd0

Secondo la dottrina cattolica l’avarizia è uno dei sette vizi capitali che allontanano l’uomo da Dio. Ero certo che aver intitolato così il volume non avrebbe fatto saltar dalla gioia le gerarchie della curia romana, le cui malefatte e il cui ambiguo rapporto con il denaro sono al centro della mia inchiesta giornalistica. Sapevo perfettamente che svelare che l’appartamento del cardinal Bertone è stato ristrutturato con i soldi della Fondazione del Bambin Gesù – ente destinato alla cura dei bambini malati – avrebbe innervosito coloro che conoscevano da anni la vicenda, e la tenevano nascosta. E prevedevo che descrivere i fondi milionari riempiti con beneficenza dei fedeli e usati per le necessità dei cardinali avrebbe messo in grave imbarazzo chi, tra prelati e monsignori, preferisce alla trasparenza invocata da Bergoglio l’antica consuetudine di lavare i panni sporchi al riparo delle mura leonine. Però speravo che il libro, invece di essere messo all’indice come ai tempi del Sant’Uffizio, provocasse anche una reazione costruttiva da parte del mondo ecclesiastico, un dibattito sulle difficoltà che papa Francesco sta incontrando nel cammino da lui intrapreso per ” una Chiesa povera e per i poveri”. È invece accaduto il contrario: a parte eccezioni di rilievo come quella di Nunzio Galantino (” esiste una necessità di purificazione della Chiesa anche attraverso scandali di questo tipo” ha ragionato il segretario generale della Cei) gran parte delle porpore si sono chiuse a riccio, e alla fine s’è addirittura preferito incriminare non i mercanti del tempio, ma chi li ha smascherati. Un paradosso necessario anche a distogliere l’attenzione della collettività dallo scalpore (e la vergogna) dei fatti narrati.

 

” La verità vi renderà liberi”, dice Gesù nel Vangelo secondo Giovanni. Nel mio caso condurre il lavoro d’inchiesta, verificare con pazienza notizie da decine di fonti diverse e incrociare dati per mesi in modo da pubblicare storie vere mi ha portato a dovermi difendere da accuse gravi, e – secondo le norme della giurisprudenza italiana – illiberali.

 

Perché io non sono incolpato per aver diffamato qualcuno, né per aver scritto falsità: finora nemmeno un rigo di Avarizia è stato smentito. Sono stato rinviato a giudizio perché un nuovo articolo del codice penale vaticano, approvato da papa Francesco nel luglio del 2013, prevede pene severe per chiunque ” riveli notizie o documenti riservati”.

 

La giurisprudenza vaticana considera un delitto l’essenza stessa del nostro mestiere, ossia il dovere di pubblicare i fatti che il potere, qualunque forma esso prenda, vuole tenere occultati alla pubblica opinione. Non solo. Mi si accusa di aver messo a rischio ” interessi vitali della Santa Sede”: ma davvero le notizie sul patrimonio immobiliare vaticano (pari a 4 miliardi di euro in palazzi e appartamenti a Roma, Parigi, Londra e la Svizzera) o sui costi necessari a parenti e ordini religiosi per canonizzare un loro beniamino (fare un santo può costare anche 3-400 mila euro) mettono a repentaglio la sicurezza nazionale della Santa Sede? Ho i miei dubbi.

 

I giornalisti lavorano per il primario interesse dei lettori, e non è un caso che la libertà di stampa e il diritto di essere informati sia tutelato in ogni paese che si vuole democratico. In Vaticano ad oggi non esiste alcuna legge che possa essere paragonata all’articolo 21 della nostra Costituzione, né commi a difesa

 

del diritto di cronaca, o codici deontologici che permettano al giornalista di opporre il segreto professionale a tutela delle proprie fonti. Domani inizia il dibattimento e sarò in aula. Ma questo che inizia non è un processo contro di me.

È un processo alla libera stampa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...